Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria
ULTIMI GIORNI!

ASTA PUBBLICA e LIVE
23 giugno

Le offerte per corrispondenza, fax, e-mail, internet
e la registrazione per l'asta live devono pervenire entro
venerdì 22 giugno - ore 17

SENZA SPESE DI COMMISSIONE
per chi acquista



Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

20 Giu 2018
Giu 20 2018
16:50

Dall'estero

Papa Francesco a Ginevra/2 Il saluto dentellato

Contrariamente al passato, la Svizzera ricorderà la visita del pontefice con un francobollo. Sarà disponibile da domani, nel giorno della sua presenza


Disponibile da domani

Cambiano i tempi, anche in Svizzera. Giovanni Paolo II la raggiunse ben quattro volte (il 15 giugno 1982, dal 12 al 17 giugno 1984, l’8 settembre 1985, dal 5 al 6 giugno 2004). Eppure, il Paese ospite non emise alcun francobollo.

Le cose ora sembrano diverse e, per la tappa a Ginevra prevista domani (news precedente), il richiamo ci sarà. Per la prima volta dopo quattordici anni -è la spiegazione firmata questa mattina dalla Posta- un pontefice torna sul territorio nazionale. Capo della Chiesa romano-cattolica, papa Francesco è atteso, in particolare, per il settantesimo anniversario trascorso dalla fondazione del Consiglio ecumenico delle Chiese. L’ospite sarà accolto da una delegazione del Consiglio federale e successivamente terrà una predica ed un discorso presso il medesimo Cec.

La carta valore, da 1,00 franco, lo ritrae mentre saluta con la mano davanti al famoso “Jet d’eau” cittadino (fine).



20 Giu 2018
Giu 20 2018
14:13

Vaticano

Papa Francesco a Ginevra/1 In pellegrinaggio

Domani il pontefice sarà nella città svizzera per partecipare alla festa dei settant’anni raggiunti dal Consiglio ecumenico delle Chiese

Una giornata intera a Ginevra; è quella che attende papa Francesco domani, momento conclusivo della riunione voluta dal comitato centrale facente capo al Consiglio ecumenico delle Chiese, apertosi il giorno 15 e intento a celebrare i settant’anni della medesima struttura. Struttura che accomuna 350 Chiese rappresentanti oltre 500 milioni di cristiani.

Il pellegrinaggio ecumenico sarà sottolineato da un annullo, messo a disposizione dalle Poste vaticane. Riporta un particolare del logo realizzato per l’occasione. Il manuale resterà a disposizione degli interessati, presso il servizio obliterazioni, fino al 21 luglio (continua).



20 Giu 2018
Giu 20 2018
12:44

Dall'estero

Due giorni per lo spazio

A Vienna, oggi e domani, è in svolgimento “Unispace+50”; dalle Poste onusiane le spiegazioni, nonché sei francobolli e tre foglietti

Sei francobolli e tre foglietti, lavorati da Sergio Baradat poi emessi stamattina dalle Nazioni Unite per “Unispace+50”.

È un segmento speciale della sessantunesima sessione registrata dalla Commissione sull’uso pacifico dello spazio extra-atmosferico, in programma oggi e domani a Vienna, è la nota. Il suo scopo è commemorare il cinquantesimo anniversario della prima Conferenza delle Nazioni Unite sull’esplorazione e gli usi pacifici dello spazio extra-atmosferico; al tempo stesso, deve valutare i contributi forniti dalle tre conferenze “Unispace” tenutesi nella stessa città lungo il 1968, il 1982 ed il 1999.

Per gli Stati, gli osservatori permanenti, le entità delle Nazioni Unite, le agenzie spaziali, le organizzazioni non governative, il mondo accademico, la società civile, gli studenti, il settore privato e l'industria “si tratta anche di un’opportunità per incontrarsi e valutare la direzione futura della cooperazione globale in materia”.

Questo evento “sottolinea non solo la crescente importanza delle tecnologie spaziali e delle loro applicazioni per l’umanità”, ma anche l’impegno globale verso gli obiettivi di eliminare la povertà, proteggere il pianeta e garantire prosperità a tutti, obiettivi sintetizzati nell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.

I valori postali mostrano la Via lattea (0,50 dollari), la Stazione spaziale internazionale con lo shuttle “Endeavour” agganciato (1,15), la Terra vista dallo spazio (1,00 franco), il lancio del laboratorio orbitale “Tiangong 1” (1,50 franchi), la “grande macchia rossa” su Giove (0,68 euro), l’aurora australe ripresa dalla Stazione (0,80). Quanto ai foglietti, ecco il cosmonauta Scott Kelly che passeggia nello spazio (1,15 dollari), la cometa “65P/Gunn2” (2,00 franchi), dei dati forniti dal programma di osservazione “Copernicus sentinel” (1,70 euro).



20 Giu 2018
Giu 20 2018
10:07

Note classiche

C’è perfin e perfin

Un tempo, la perforazione per evitare il furto dei francobolli era pratica abbastanza comune; decisamente più improbabile quella su cartolina vaglia

È ben nota la pratica di perforare i francobolli al fine di personalizzarli ed evitare furti da parte di dipendenti infedeli; una precauzione che ha trovato nei primi decenni del secolo scorso il proprio momento di gloria. Dato di fatto che ha permesso di creare un capitolo collezionistico a sé stante.

Allo stato attuale, però, si conosce una sola cartolina vaglia trattata alla medesima maniera. A taglio fisso da 8 lire, porta un’impronta di affrancatura da 15 centesimi. I 30 centesimi sottostanti, invece, significano che il mittente volle spedire 8,30 lire. Si trovava a Chiavris (Udine) ed era il 6 ottobre 1893.

Una volta arrivata al destinatario (lo stesso giorno!), questi ha voluto, prima dell’incasso, cautelarsi aggiungendo il proprio riferimento con il metodo del perfin. Vi si legge, infatti, “Carlo Belloni - Milano”: era un’importante industria tipografica e litografica.



20 Giu 2018
Giu 20 2018
01:10

Dall'estero

Il secolo nel classificatore

La Repubblica Ceca celebra i cent’anni dei francobolli nazionali (prima come Cecoslovacchia) emettendo oggi un foglietto

La pagina di un classificatore con, dietro ai listelli, alcun decine di francobolli che testimoniano cento anni, gli ultimi cento anni a partire dal 18 dicembre 1918. Edulcorati dai capitoli più drammatici, mostrano in estrema sintesi la storia del Paese, nato come Cecoslovacchia e poi ridotto a Repubblica Ceca.

È in questo modo che Praga rammenta il giro di boa inerente alle cartevalori nazionali. Oggi arriverà il foglietto in questione, dal quale è possibile estrapolare due dentelli, nominali da 27 e 44 corone. La confezione è di Pavel Sivko.

Numerosi gli artisti che nel tempo hanno partecipato al lavoro collettivo, ricorda l’operatore, Česká pošta. Fra i primi, ecco Alfons Maria Mucha (cui si deve l’esemplare di avvio con il castello della capitale, declinato in numerosi nominali e varianti), Max Švabinský, Jakub Obrovský, Vratislav Hugo Brunner, Jaroslav Benda, Karel Seizinger; senza trascurare gli incisori Karel Seizinger, Bohumil Heinz, Jaroslav Goldschmied, Eduard Karel, Jan Vondrouš, Karel Wolf.



19 Giu 2018
Giu 19 2018
17:44

Appuntamenti

Francesco Paolo Michetti riscoperto a Torino

I francobolli realizzati dal pittore abruzzese al centro della conferenza che Costantino Caruso terrà sabato presso la sede della Subalpina

Doppio appuntamento per il 23 giugno. Da una parte, la società Vaccari organizzerà la propria asta negli uffici di Vignola (Modena).

Dall’altra, l’Unione filatelica subalpina firmerà una nuova conferenza. Al solito, l’iniziativa verrà accolta presso la sede sociale, a Torino in via Asinari di Bernezzo 34 (si trova al secondo piano). È fissata appunto per sabato, cominciando alle ore 15. In cattedra, questa volta, salirà Costantino Caruso: il suo intervento s’intitola “Michetti: il ritratto di un re”.

La partecipazione è libera.



19 Giu 2018
Giu 19 2018
13:32

Giornali, riviste e siti

Dall’Accademia il nuovo semestrale

Sei gli articoli principali compresi nell’ultimo numero, il diciassettesimo, relativo al periodico “Storie di posta”. È edito dall’Unificato


Dall’Accademia

Sei gli articoli principali che caratterizzano il nuovo numero, il diciassettesimo, di “Storie di posta”, il semestrale firmato dall’Accademia italiana di filatelia e storia postale.

Riguardano le comunicazioni -lettere, fax e e-mail- da e per il carcere (a scriverlo è stato Danilo Bogoni), l’introduzione a San Marino del servizio inerente ai pacchi postali (Franco Filanci), lo scambio internazionale dei colli (Luigi Ruggero Cataldi), il ruolo italiano allorquando, dopo la Prima guerra mondiale, venne creata la Cecoslovacchia (Emilio Simonazzi), le tracce postali concernenti la spedizione polare di Gianni Albertini, risalente al 1929 (Valter Astolfi), il punto sul servizio a Cavernago (Francesco Luraschi).

La pubblicazione, che conta 112 pagine di formato “A4” con immagini a colori, è edita dall’Unificato e messa in vendita a 18,00 euro. La completano le rubriche; sono dedicate alle opinioni, alle segnalazioni, alle note nonché alle recensioni bibliografiche.



19 Giu 2018
Giu 19 2018
10:29

Dall'estero

Ed a Monaco arrivò il treno

Il primo convoglio giunse il 19 novembre 1868: un secolo e mezzo dopo, lo ricorda il francobollo da 1,90 euro emesso oggi


Il 19 novembre 1868

La Monaco postale riscopre la linea ferroviaria che attraversa il suo minuscolo territorio. L’ha fatto il 3 maggio scorso con il francobollo da 1,20 euro appartenente al giro PostEurop e dedicato ai ponti; nel caso specifico è stato scelto il passaggio che porta il nome di santa Devota, ora -tolti i binari- destinato al traffico stradale.

L’ha rifatto oggi, con un ulteriore dentello, questo da 1,90 unità; ricorda il secolo e mezzo da quando i convogli cominciarono a sferragliare nel Principato. Una storia avviata lungo il 1861, nel momento in cui Napoleone III decise di estendere la rete nazionale che univa Parigi a Lione portandola sino a Mentone. I lavori cominciarono tre anni dopo ed il 19 novembre 1868 il primo treno varcò il confine, contribuendo all’espansione economica dell’area.

La carta valore, disegnata ed incisa da André Lavergne, propone due immagini: la vecchia stazione vista dall’esterno e dalla banchina, con la macchina a vapore in arrivo ed i passeggeri ad attenderla.



19 Giu 2018
Giu 19 2018
00:42

Notizie da Vaccari

Ancora tre giorni per le offerte

L’asta Vaccari si svolgerà sabato 23 giugno e le prenotazioni verranno accettate fino alle ore 17 di venerdì 22. Tra i materiali, anche Repubblica, varietà, vie di mare: ecco alcuni esempi


Il “Cavallino” (lotto 708, partenza 1.500 euro)

Ultimi giorni per presentare le proprie offerte e per richiedere la partecipazione “live” all’asta che la società Vaccari ha fissato per il 23 giugno. Poi, bisognerà recarsi di persona presso la sede di Vignola (Modena), oppure partecipare alla sessione via internet. “Da domani -annotano dagli uffici- chi ha concordato un appuntamento potrà esaminare il materiale da noi, mentre per le offerte c’è tempo ancora fino alle ore 17 del 22 giugno”.

La vendita è organizzata in 1.213 articoli e nei giorni scorsi “Vaccari news” ne ha presentati alcuni tra i più significativi. Non gli unici. Di Repubblica, ad esempio, vanno notati -tutti con gomma integra- la serie “Democratica” (è il lotto 698, che viene proposto a 380 euro di partenza; lo avrà chi offrirà di più, ricordando che non vi sono commissioni sugli acquisti), il “Cavallino” (708, 1.500), i “Diciottenni” rosa ed azzurro (721, 250). Della stessa qualità, ecco di Africa Orientale la “Fratellanza d’armi italo-tedesca” non emessa (742, 3.500), mentre come usato si segnala, di Somalia, il 20 lire “Pittorica” dentellato 14 (759, 850).

Nel capitolo dedicato alle varietà si torna al Regno: figurano l’1,00 lira “Floreale” di qualità corrente con sovrastampa capovolta per le buste lettere postali (793, 400), il 10 centesimi azzurro di recapito autorizzato con dentellatura lineare mista 11x11x11x14 e gomma integra (795, 800) nonché l’1,25 lire “Emanuele Filiberto” dalla linguella poco visibile e perforazione 13¾ (796, 500).

Infine, tra le vie di mare ecco la missiva da Bagni di Lucca a Palermo del 17 agosto 1857, affrancata con il 6 crazie azzurro cupo su carta bianca (805, 750). Oppure, da Genova a Catania del 21 ottobre 1859, quella tricolore con il 10 centesimi bruno grigiastro, il 20 azzurro scuro ed il 40 vermiglio mattone sabaudi (806, 270).



18 Giu 2018
Giu 18 2018
19:23

Dall'estero

Letto da due secoli

È il romanzo di Mary Shelley “Frankenstein”, che debuttò l’1 gennaio 1818. Lo ricorda oggi Jersey con una serie da otto francobolli ed un foglietto

Debuttò l’1 gennaio 1818; dopo due secoli (e cinquecento edizioni) è apprezzato ancora. È il romanzo di Mary Shelley “Frankenstein”, cui oggi Jersey ha dedicato una generosa serie.

Dovuto a So-design consultancy, il tributo è costituito da otto francobolli che valorizzano altrettanti passi della storia; nominali da 50, 65, 76, 82, 94 pence, 1,12, 1,38, 2,64 sterline, sono organizzati in fogli da dieci uguali oppure in un’unica confezione con la serie. Si aggiunge il foglietto da 3,00 unità: impiega la tecnica lenticolare per dare l’impressione che il personaggio stia prendendo vita, enfatizzando luci, corrente elettrica ed occhi.

“È un romanzo così influente che ancora è studiato nelle scuole e nelle università di tutto il mondo”, annota la responsabile marketing dell’operatore postale, Rachel MacKenzie. “Il nostro obiettivo era rimanere il più fedeli possibile al libro, raffigurando la creatura descritta dall’autrice alta otto piedi, con gli occhi gialli, la pelle altrettanto gialla che copre i muscoli e le arterie, i capelli neri, lucenti e fluenti, le labbra nere, i prominenti denti bianchi”.



Per continuare a leggere "Vaccari news" cliccare sul pulsante "archivio notizie".



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366