Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria


Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

21 Set 2018
Set 21 2018
12:12

Appuntamenti

Immobili/1 Perugia chiude con l’approfondimento

Il 22 settembre, alle 11, la cerimonia conclusiva per la mostra “Le Regie poste a palazzo Cesaroni”. Non mancherà l’annullo speciale


L’annullo

Annunciata fino al 9 settembre, poi prorogata al 22 del mese, chiuderà definitivamente domani. È la mostra “Le Regie poste a palazzo Cesaroni”, allocata nell’immobile di piazza Italia 2 a Perugia.

Chiuderà con una cerimonia particolare, prevista per le ore 11. Interverranno, nel dettaglio, due rappresentanti capaci di raccontare l’edificio un tempo ed ora. Fu sede delle Poste centrali tra il 1901 ed il 1916 e, dopo alcuni passaggi, dal 1977 ospita il Consiglio regionale. Emerge così il programma: parleranno il curatore dell’Archivio storico di Poste italiane, Mauro De Palma, e la presidente dell’Assemblea legislativa, Donatella Porzi. Senza trascurare la curatrice dell’allestimento, Maria Luisa Martella.

Per l’occasione verrà aperto lo storico ingresso esistente in via Baglioni 33. Inoltre, dalle 9.30 alle 13, sarà disponibile un annullo speciale (continua).



21 Set 2018
Set 21 2018
10:27

Notizie dall'Italia

La posta non deve finire a casa del portalettere

Lo ricorda l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, che ha individuato due episodi riguardanti Nexive. All’azienda sono costati ventimila euro

Il postino non può portare a casa il corriere da consegnare. L’ha ribadito indirettamente l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, contestando al secondo operatore d’Italia, Nexive, due casi diversi ma simili nelle dinamiche.

Per entrambi, individuati nelle province di Vibo Valentia e Torino, si parla infatti di “violazione degli obblighi inerenti alla licenza individuale per la mancata garanzia della segretezza del contenuto della corrispondenza, durante il tempo in cui gli invii sono stati detenuti presso l’abitazione del portalettere”. Con un dettaglio per l’episodio calabrese: alla fine, i materiali sono stati recapitati ai destinatari.

L’operatore ha pagato ventimila euro di sanzione.



21 Set 2018
Set 21 2018
02:21

Dall'estero

Francobollo al prosciutto?

È la proposta fogliettata della Spagna in arrivo oggi per 4,00 euro. Cita due prodotti a denominazione di origine protetta

Un bicchiere di Ribera del Duero ed un piatto di prosciutto di Guijuelo sono la scusa perfetta per un incontro tra amici, per una buona serata, per celebrare i successi ed affrontare i fallimenti. È così che dalla Spagna introducono il foglietto in arrivo oggi dedicato ai due prodotti, entrambi a denominazione di origine protetta ed entrambi finiti in francobolli da 2,00 euro.

Quello a soggetto enologico raffigura vite e bicchiere; l’altro mostra alcune fette del salume insieme ai tipici maiali scuri che vivono in ampi spazi, così da renderli muscolosi e grassi.

Non manca la sorpresa: il retro del blocco è trattato in modo tale da evocare il sapore dell’affettato.



20 Set 2018
Set 20 2018
20:20

Notizie dall'Italia

Dallo sport agli animali. E poi…

Sono oltre trecento i francobolli realizzati da Corrado Mancioli per Italia, San Marino, Vaticano e Somalia. Il ricordo a mezzo secolo dalla scomparsa


Fra i suoi lavori

Morì mezzo secolo fa oggi. È il bozzettista Corrado Mancioli, nato il 23 giugno 1904. Autore di oltre trecento dentelli per Italia, San Marino, Vaticano e poi Somalia: così lo ricordò, nel numero dell’ottobre 1968, la rivista “Filatelia italiana”. Grande appassionato di disegni e di pittura, era abilissimo cartellonista; entrò nel mondo delle cartevalori lungo il 1954. L’esordio riguarda la serie sulla “1ª Mostra internazionale del francobollo olimpico” del 26 giugno 1955, firmata dalla Repubblica del monte Titano; l’epilogo è la “Antilopi e gazzelle” del 10 maggio 1968, realizzata per il Paese africano. In tutto questo periodo, la sua opera praticamente non ha avuto soste.

Sue caratteristiche -hanno scritto nel novembre scorso Riccardo Bodo e Luca Romanini su “Storie di posta”- erano un tratto deciso ed il largo impiego dell’aerografo, con una vasta gamma di sfumature, purtroppo non sempre rispettate in sede di stampa. Inoltre, era famoso per il trattamento delle scritte.

Non si limitò -prosegue il ricordo del 1968- a concepire vignette su commissione, ma cercò nella sua ben fornita biblioteca gli spunti e la documentazione per titoli di sicuro successo. Nacquero così le produzioni sanmarinesi inerenti a caccia antica e moderna, automobile, aeroplano, navigazione, locomotive, giostre e tornei medievali. Nonché, per Mogadiscio, quelle sugli animali (come gli uccelli, le farfalle e i pesci) o le derrate agricole. Senza trascurare il settore sportivo, fra cui i promozionali tricolori per le Olimpiadi invernali di Cortina, disponibili dal 26 gennaio 1956.



20 Set 2018
Set 20 2018
18:57

Notizie dall'Italia

Brera, annullo in Pinacoteca

Domani sarà valorizzata indirettamente l’opera di Donato Bramante “Cristo alla colonna”, già impiegata per un francobollo italiano il 22 marzo 2014


L’iniziativa domani

Appuntamento, domani alle ore 11, presso la Pinacoteca di Brera, a Milano. Dove, con il direttore generale della struttura, James Bradburne, verrà presentata una litografia che omaggia l’opera “Cristo alla colonna”, di Donato Bramante. Dipinto già citato nel francobollo da 70 centesimi emesso il 22 marzo 2014 nell’ambito del percorso “Il patrimonio artistico e culturale italiano”.

Non mancherà l’annullo speciale, in uso presso la stessa sede, quindi in via Brera 28; gli addetti saranno al lavoro dalle 12 alle 18.

Interverranno il responsabile di mercato privati per l’area Nord-Ovest di Poste italiane, Giovanni Accusani, e la storica dell’arte Cristina Quattrini.

Di fatto, il manuale annuncia le “Giornate europee del patrimonio”, previste per il 22 ed il 23 settembre sotto al tema “L’arte di condividere”. L’iniziativa -è la nota- ha lo scopo di favorire il dialogo e lo scambio in ambito culturale tra le nazioni del Vecchio continente; nel caso specifico prevede un’apertura straordinaria serale per sabato 22, con ingresso a 1,00 euro dalle ore 18 alle 22.15.



20 Set 2018
Set 20 2018
16:38

Emissioni Italia

Padre Pio: oggi il terzo omaggio postale

Si tratta di un “B”, utile per inviare una lettera ordinaria entro i venti grammi diretta in Italia. Calcografico, il francobollo porta la firma di Rita Fantini e costa 1,10 euro


Il francobollo

Quando all’Istituto poligrafico e zecca dello stato si ricorre alla calcografia, i risultati sono sempre buoni, se non ottimi. È il caso del “B” (ora 1,10 euro, utile per un invio ordinario domestico di primo porto) emesso oggi con supporto autoadesivo per il mezzo secolo trascorso dalla morte di san Pio. L’autrice, Rita Fantini, ha trasformato una foto -che ritrae il personaggio mentre solleva il calice durante una celebrazione eucaristica- in un’opera d’arte tirata in un milione di copie (i fogli ne contengono ventotto). Naturalmente, l’annullo del primo giorno è a San Giovanni Rotondo (Foggia). Altri due manuali lo rammenteranno domenica, per il centenario delle stimmate e per la scomparsa.

Il bollettino illustrativo, compilato a quattro mani dal rettore del locale Santuario Francesco Dileo e dal responsabile dell’ufficio stampa dei frati minori cappuccini Stefano Campanella, ricostruisce quanto accaduto. Quanto accaduto tra il 21 settembre 1968, quando si ripresentarono quelle che sembravano delle consuete riacutizzazioni della malattia, fino al decesso del 23 ed al momento dei funerali e della tumulazione, avvenuti il 26. L’uomo, che all’anagrafe faceva Francesco Forgione, era nato a Pietrelcina (Benevento) il 25 maggio 1887.

L’Italia postale l’ha ricordato in precedenza con l’800 lire del 23 settembre 1998, emesso nel trentesimo dalla scomparsa, e con il 41 centesimi del 16 giugno 2002, riguardante la canonizzazione.



20 Set 2018
Set 20 2018
15:44

San Marino

Tre torri, tre buste, tre artisti

Valgono 0,70, 1,10 e 1,15 euro gli interi postali dedicati alle antiche strutture difensive della Repubblica. Portano i nomi di Sergio Ruggeri, Marco Goran Romano, Stefano Morri


L’annullo del primo giorno

Tornano, sul monte Titano, gli interi postali; nella fattispecie si tratta di buste. Buste rivolte soprattutto alle aziende, visto che presentano la finestrella per visualizzare l’indirizzo tratto dal foglio interno.

Soggetti dell’impronta di affrancatura sono le torri che caratterizzano il panorama locale, le “tre penne” come tradizionalmente vengono definite. Ognuna di esse è stata interpretata da un artista diverso. Lo 0,70 euro, con la prima struttura, è dovuto a Sergio Ruggeri; l’1,10, caratterizzato dalla seconda, è firmato da Marco Goran Romano; l’1,15, per la terza, è di Stefano Morri.

L’emissione, tirata in un massimo di duecentomila pezzi per tipo, è inserita nel gruppo di voci atteso per il 16 ottobre.

Saranno questi i plichi che in futuro verranno impiegati dall’Ufficio filatelico e numismatico per inviare agli abbonati le informazioni. L’ha annunciato la responsabile dello stesso, Gioia Giardi, al convegno organizzato due settimane fa a Padova dall’Unione stampa filatelica italiana.



20 Set 2018
Set 20 2018
14:21

Appuntamenti

Mail art a Locorotondo

L’arte postale spiegata al pubblico. L’appuntamento fissato per le ore 17 del 22 settembre a villa Mitolo. Relatori: Franco Altobelli e Laura Agostini


L’appuntamento per il 22 settembre

L’arte postale entra in Comune, come attività riguardante cultura e politiche giovanili: non a caso, coinvolge gli assessorati omonimi, che hanno patrocinato l’iniziativa. Succederà alle ore 17 del 22 settembre a Locorotondo (Bari), nella sala “Don Lino Palmisano” di villa Mitolo, in via Giorgio Almirante. È la conferenza “Creatività & mail art”; l’ingresso risulta libero.

Al tavolo, l’artista e fotografo Franco Altobelli, nonché la visuale e educatrice Laura Agostini. Illustreranno -questa l’anticipazione- il percorso storico della mail art in Italia e nel mondo, con particolare attenzione ai pionieri che hanno contribuito maggiormente alla sua diffusione. Per spiegare meglio, saranno proiettati numerosi esempi di corrispondenze creative ed una piccola mostra li renderà più tangibili.

Una caratteristica tipica di tale espressione -viene ricordato- è “lo scambio non commerciale, democratico, senza giuria e senza critici”. Solitamente gli autori si spediscono opere in forma di lettere o cartoline, caratterizzate da buste decorate o illustrate, magari con francobolli inventati. Si possono aggiungere oggetti tridimensionali, quali pubblicazioni e libri.



20 Set 2018
Set 20 2018
12:03

Libri e cataloghi

La storia dell’Usfi con altri occhi

Il libro “Cartoline buste annulli dell’Unione stampa filatelica italiana” racconta l’oltre mezzo secolo dell’associazione. È dovuto a Beniamino Bordoni e Claudio Baccarin


La storia del sodalizio vista con le cartoline

Si può scrivere una storia utilizzando le cartoline? La risposta è positiva, nel momento in cui si esamina il libro che Beniamino Bordoni ha scritto con il supporto di Claudio Baccarin. S’intitola “Cartoline buste annulli dell’Unione stampa filatelica italiana” e riguarda il mezzo secolo abbondante vissuto dal sodalizio, esaminato attraverso quanto postalmente realizzato per mostre, riunioni, anniversari.

Più che il repertorio (non vi sono valutazioni economiche), grazie agli approfondimenti dei due giornalisti che spiegano il contesto per il quale un certo omaggio è stato realizzato, conta la narrazione, la quale si sviluppa lungo 172 pagine “A4” con immagini a colori.

“La prima volta in cui ho avuto a che fare seriamente con le cartoline dell’Usfi è stata quando il presidente Danilo Bogoni e il consigliere Renato Dicati decisero di inserire, nel nuovo sito web dell’associazione, le immagini delle cartoline stampate nel corso degli anni”, annota Beniamino Bordoni nella presentazione. “I soci con grande disponibilità aprirono le loro collezioni consegnandomi i documenti originali per realizzare le scansioni e digitalizzare le immagini. Quelle cartoline, spesso arricchite degli annulli celebrativi apposti alle manifestazioni dove l’Usfi era presente, furono una interessante scoperta; si poteva ripercorre la storia del sodalizio e rafforzare il senso di appartenenza ad un gruppo di colleghi e amici che hanno in comune i francobolli come elemento del proprio lavoro ma anche l’amore e la passione verso la filatelia e la storia postale. Un importante passo avanti avvenne grazie alla collaborazione con Claudio Baccarin per il libro «Penne da collezione - Usfi: 50 anni sulla notizia», pubblicato per il cinquantesimo anniversario. Se all’inizio le cartoline e gli annulli dell’Unione mi apparivano come una piacevole curiosità, con l’approfondire delle ricerche ho notato che questa asserzione era limitativa; in realtà stavano diventando un mondo affascinante soprattutto da quando ho potuto consultare la Collezione Apollonio, gentilmente messa a disposizione dalla famiglia”.

Il volume, edito da Prodigi, non ha indicazioni di prezzo.



20 Set 2018
Set 20 2018
10:17

Dall'estero

Topolino/2 Così l’Australia

Niente francobolli ufficiali, ma dei pre personalizzati, al solito in una confezione ampia: contiene venti cartevalori con il cuore ed altrettante vignette dedicate al festeggiato

Pure l’Australia non ha rinunciato a ricordare i novant’anni di Topolino, anche se -a rigore- il titolo non figura nel calendario delle emissioni. Così, ha impiegato la strada alternativa, quella dei francobolli pre personalizzati, già vista localmente per diverse situazioni appetibili dal punto di vista commerciale, come “Star wars”, le principesse della Disney, i minion, Marylin Monroe…

L’omaggio al roditore più famoso al mondo ha raggiunto la rete distributiva il 18 settembre e costa 23,00 dollari locali. Nella confezione, in due fogli, vi sono venti dentelli da 1,00 (sono i tagli con il cuore del 25 gennaio 2016), associati ad altrettante vignette in cui campeggia il festeggiato in diverse pose, tutte diverse (fine).



Per continuare a leggere "Vaccari news" cliccare sul pulsante "archivio notizie".



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366