Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria
AUGURI DI BUON NATALE

Gli uffici saranno chiusi
dal 23 dicembre al 7 gennaio

BUONE FESTIVITÀ
A TUTTA LA NOSTRA
AFFEZIONATA CLIENTELA




Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

11 Dic 2017
Dic 11 2017
00:51

Dall'estero

Israele tra le… renne

L’inconsueta scena figura nell’etichetta augurale adottata per le macchinette in uso a Gerusalemme e Nazareth. Sei i tagli destinati ai collezionisti


Auguri da etichetta

Mentre l’area è tornata violentemente in cronaca per via della scelta, adottata dagli Stati Uniti, di abbandonare Tel Aviv riconoscendo quale capitale di Israele Gerusalemme, il Paese al centro dell’attenzione porge gli auspici. E lo fa in modo laico, con un’etichetta per i francobolli automatici sfornati dagli apparecchi della danese Acon.

Il fondino, dovuto a Tal Huber, propone un inconsueto -vista la regione- paesaggio coperto dalla neve con renne, albero addobbato e regali. Si aggiunge la frase “Season’s greetings from the Holy Land”. Tradotto, “Auguri dalla Terra Santa”.

Entrato in uso il 28 novembre, lo resterà proprio a Gerusalemme ed a Nazareth, fino al termine del periodo; la data precisa non è stata determinata. Il servizio filatelico commercializza la carta valore in sei tagli, corrispondenti alle principali tariffe ordinarie per l’interno e per l’estero: 2,40, 4,00, 6,50, 7,40, 8,30 e 9,00 shekel.



10 Dic 2017
Dic 10 2017
00:17

Libri e cataloghi

Per Zeppelin e posta aerea sono 584 pagine

Giunto alla terza edizione, il catalogo della Michel si concentra sull’area tedesca, ma sono numerosi i riferimenti correlati che riguardano altri Paesi, come l’Italia


Dall’alto

Zeppelin e posta aerea. Sono i due cardini su cui si basa il mercuriale specializzato della Michel uscito per la terza edizione, la 2017/2018, dopo quindici anni. Cosa che ovviamente ha indotto numerosi aggiornamenti nella parte editoriale come in quella economica. Pone al centro le produzioni tedesche, ma non trascura le altre nel momento in cui risultano correlate.

Per quel che concerne i famosi dirigibili, tra il 1900 ed il 1939 ne conta centotrenta, per ognuno dei quali dà le informazioni tecniche e considera, valutandoli in euro, i documenti postali attinenti. Vi aggiunge, se esistenti, francobolli ed annulli celebrativi. Il centoventisettesimo, uno dei più approfonditi, comprende ad esempio le cartevalori italiane del 24 aprile 1933, le tirature coloniali associate, le relative obliterazioni.

Quanto alla seconda parte, si concentra sui primi dispacci tedeschi che hanno varcato i cieli, fino al 1945. Ma pure qui si possono trovare collegamenti con il Bel Paese, grazie anche ad una tabella che elenca i voli repertoriati. Il Berlino-Roma dell’1 aprile 1931 e ritorno, per dire, è catalogato come 31.3.

Il volume, che conta 584 pagine con immagini quando possibile a colori, approfondisce poi i francobolli, gli interi e gli annulli nazionali (senza trascurare le occupazioni) di posta aerea o comunque riguardanti il servizio. Scritto in tedesco, sul mercato tricolore è commercializzato a 94,00 euro.



09 Dic 2017
Dic 09 2017
13:41

Notizie dall'Italia

Calabria e Sicilia con gusto

Amantea (Cosenza) festeggia con un annullo la Gelateria Sicoli; a Modica (Ragusa) protagonista è il cioccolato, richiamato in un altro manuale

Festa marcofila oggi ad Amantea (Cosenza), dove la Gelateria Sicoli festeggia gli ottant’anni di presenza sul mercato. Venne aperta, infatti, nel centro storico lungo il 1937. “Nonno Umberto, aiutato dal padre, produceva a mano i suoi gelati”, spiegano ora dal bar. Li vendeva nel locale e, con il caratteristico carrettino, nei paesi viciniori, soprattutto in occasioni di fiere e feste patronali. La neve proveniva dal monte Cocuzzo, poi a Cosenza venne aperta una ghiacciaia; con l’arrivo della corrente, comprò la macchina Carpigiani. I gusti erano: limone, fragola, cioccolato, crema e pistacchio. L’esercizio, ancora adesso, è a conduzione familiare, “un lavoro portato avanti con passione ed orgoglio”; in questi ultimi tempi, “è stato fatto un salto di qualità”. Il riferimento temporaneo di Poste con l’annullo verrà collocato presso la sede, in corso Umberto I 35, e sarà operativo oggi tra le ore 14 e le 20.

Modica (Ragusa), vede attiva invece l’Antica dolceria Rizza, il cui motto è “Fare cioccolato è facile… il difficile è fare la differenza!”. L’azienda ha richiesto un manuale per domani dalle 9.10 alle 14.50; verrà impiegato al palazzo della Cultura “Salvatore Tiberio” di corso Umberto I 149. L’obliterazione sintetizza il bozzetto che ha vinto il concorso “Immaginami con gusto...! - Il cioccolato di Modica: origini, storia, tradizione, innovazione, arte, cultura, e salute”. Protagonisti del confronto gli studenti del comprensorio, i quali prima hanno approfondito la loro conoscenza sulla prelibatezza locale nei vari aspetti, poi sono stati avvicinati al mondo del collezionismo. L’esito dell’iniziativa verrà presentato alle 10.30, quando saranno resi noti i nomi dei tre alunni che hanno proposto le idee migliori, poi finite in altrettante cartoline. In questi giorni il centro siciliano sta ospitando “Chocomodica”.



09 Dic 2017
Dic 09 2017
10:54

Notizie dall'Italia

Agcom/2 In dieci anni, dimezzati gli invii

Nello stesso lasso di tempo, secondo l’analisi del Garante, gli uffici di Poste italiane sono scesi del 7,5% e i dipendenti diminuiti di 17.500 unità

Le restanti osservazioni del focus sui bilanci delle imprese (news precedente) riguardano Poste italiane nell’arco temporale 2006-2016. Dopo il massimo storico registrato nel 2009 (pari a 10,2 miliardi di euro) si osserva -annota l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni- “una progressiva riduzione delle risorse economiche”. Tuttavia, nell’ultimo anno analizzato, il 2016, viene appuntata una crescita del 2,9%.

Quanto alla composizione dei ricavi, si è strutturalmente modificata nel corso del tempo: nel 2006 il peso dei servizi postali (ricavi da mercato, servizio universale e integrazioni tariffarie) era pari a più della metà degli introiti complessivi, mentre dieci anni dopo tale valore è sceso a meno di un terzo.

La progressiva digitalizzazione è alla base dei tagli negli invii: lungo il decennio, quelli indescritti e descritti si sono dimezzati, passando da 3,5 a 1,7 miliardi di unità.

Allo stesso tempo, la crescita del commercio elettronico (nel 2016 oltre un utente internet su due ha effettuato un acquisto on-line) ha alimentato le attività di invio pacchi e corriere espresso; si parla di un aumento superiore al 50%, ovvero da 62 a quasi 100 milioni di colli.

Sempre l’ultimo decennio ha visto scendere i numeri di uffici postali del 7,5% (da 13.900 a 12.850) e personale (-17.500 addetti), mentre i ricavi per dipendente sono passati da 66 ad oltre 72mila euro (+9,6%).



09 Dic 2017
Dic 09 2017
01:07

Notizie dall'Italia

Agcom/1 Poste italiane e i concorrenti

Analizzando gli ultimi bilanci, il Garante evidenzia un arretramento del primo operatore se paragonato agli altri, ma resta predominante. Tra i corrieri si evidenzia Bartolini


Lo studio è del Garante

Dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni la terza edizione del focus sui bilanci delle imprese attive nei settori seguiti dallo stesso Garante (vi sono anche le telecomunicazioni). Presenta i risultati di un’analisi riguardante il periodo 2012-2016 ed effettuata sui principali operatori di settore; sono Asendia, Bartolini, Citypost, Dhl express Italy, Fulmine group, Gls Italy, Hermes Italy, Mail express, Nexive, Poste italiane, Postel, Rotomail Italia, Sda courier express, Selecta, Swiss post solutions, Tnt global express, United parcel service Italia.

Il rapporto punta a diversi aspetti specifici, come i ricavi complessivi, considerando insieme servizi postali e corriere espresso: dopo la diminuzione fatta registrare dal 2012 al 2014, sono tornati a crescere, raggiungendo a fine periodo un valore simile a quello iniziale. Però -annota l’Agcom- si modifica sostanzialmente la loro distribuzione tra le aziende: quelli di Poste italiane calano del 19,8% e rappresentano oggi il 39,5% del totale (rispetto al 49,4% del 2012), mentre per le restanti realtà (in gran parte corrieri espresso) lievitano del 20% (+5,8% nel solo 2016).

Ancora, la società oggi diretta da Matteo Del Fante resta il primo operatore del settore postale, con una quota di mercato superiore all’85% nel 2016; seguono Postel (appartenente allo stesso gruppo) e Nexive, con fette pari a circa il 6%. Delle altre imprese considerate, che pure nell’insieme guadagnano qualcosa, nessuna ha una presenza superiore all’1%.

Quanto ai corriere espresso, il comparto si caratterizzata per una maggiore competizione; ciò è desumibile anche dall’esistenza di cinque marchi con una quota maggiore al 10%: sono Bartolini, Dhl, Ups, Tnt, Sda. Nel 2016 i ricavi di Bartolini rappresentano oltre il 30% delle risorse totali (però -sottolinea il Garante- “non sono marginali gli introiti derivanti da altre attività collaterali”). Tnt perde il 3,5%, Dhl e Ups, complessivamente, crescono dell’1,8%.



Per continuare a leggere "Vaccari news" cliccare sul pulsante "archivio notizie".



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366