Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria


Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

22 Giu 2017
Giu 22 2017
13:08

Notizie dall'Italia

Cagliari si concentra sui trasporti

Ieri ed oggi il nuovo appuntamento organizzato nel contesto della presidenza italiana del “G7”. Non è mancato l’annullo


Il turno dei trasporti

Ancora una volta il “G7”. Da ieri, e fino ad oggi, Cagliari sta ospitando i rappresentanti del settore trasporti ed il 21 giugno è stato impiegato l’annullo (per richiederlo, comunque, vi sono sessanta giorni, festivi esclusi, rivolgendosi allo sportello filatelico delle Poste centrali cittadine, collocato in piazza del Carmine 27). Il bollo riporta il logo (ossia l’anfiteatro di Taormina) ed il tema dell’incontro. Filo conduttore, “Riscoprire il valore sociale delle infrastrutture”, puntando a sostenibilità economica, ambientale e sociale.

“In questo luogo di bellezza e di forza, sfidante dal punto di vista del rapporto con la terraferma, abbiamo scelto di porre il tema delle connessioni, dentro il quale si inquadrano le politiche per le infrastrutture di mobilità, dal punto di vista sociale”, spiega il ministro delle Infrastrutture e dei trasporti Graziano Delrio. In tutti i Paesi ci sono e ci sono state storie gloriose e di successo nel campo. “Storie che sono state tramandate per generazioni, come vere e proprie conquiste collettive e di progresso”. Adesso “si sente la necessità di riconnettere la dimensione locale con quella nazionale, fino a quella continentale e globale, in un’unica storia comune che parli di maggiori diritti di mobilità per tutti i cittadini e le cittadine, nessuno escluso, in un equilibrio di valori e principi, con una particolare attenzione all’ascolto, al rispetto e al dialogo con le comunità interessate dalle grandi opere”.


22 Giu 2017
Giu 22 2017
10:35

Notizie dall'Italia

A Palermo 35mila multe irregolari

Per spedirle, il Comune aveva coinvolto un operatore privato, ma la consegna spetta unicamente a Poste italiane. Da qui il ricorso e la sentenza


Violazioni contestate

Il vizio di notifica fa cadere l’obbligo di pagare la sanzione. È quanto accaduto a Palermo ed ora sancito formalmente attraverso una sentenza sottoscritta dal giudice di pace. Di fatto, non è stata rispettata l’esclusiva riconosciuta a Poste italiane per il recapito degli atti inerenti alle violazioni del Codice della strada (lo stesso regime interessa le procedure giudiziarie). Ad oggi -e nonostante le richieste di rivedere il capitolo- tale riserva è ancora in essere; ne consegue che realtà concorrenti non possono sostituirsi all’azienda diretta da Matteo Del Fante.

Il Comune della città siciliana, invece, aveva incaricato delle consegne il consorzio Olimpo (tra le sue specializzazioni, gli invii delle rappresentanze diplomatiche), il quale tra il 2011 ed il 2015 ne ha mandate ben trentacinquemila, poi contestate dall’Unione dei consumatori. Nel caso specifico -chiarisce il presidente del medesimo sodalizio, Manlio Arnone- “i canonici termini di opposizione (trenta e sessanta giorni) non operano e quindi anche cartelle ricevute mesi fa sono ancora opponibili”.


22 Giu 2017
Giu 22 2017
06:51

Libri e cataloghi

Dal Portogallo alla Jugoslavia

Attraverso due nuovi volumi, la Michel copre con la sua catalogazione buona parte del Vecchio continente, perlomeno l’area meridionale

Dalla Michel novità per chi collezione francobolli del Vecchio continente. La casa editrice, infatti, sta rinnovando la collana ed ora, al già segnalato volume inerente l’Europa Centrale, si aggiungono i due successivi (in tutto dovrebbero essere sette, se viene confermata la partizione degli ultimi anni).

Il secondo è dedicato all’area Sud-Occidentale; in 1.504 pagine affronta, nei dettagli, Andorra Francese e Spagnola, Francia, Gibilterra, Monaco, Portogallo (naturalmente, Azzorre e Madera comprese), Spagna.

L’ultimo, per ora, è il terzo tomo, che si concentra su quella che dalla Germania è considerata la parte Meridionale. In questo caso, le pagine sono 1.536 e repertoriano le produzioni di Albania, Bosnia ed Erzegovina (anche nella loro tripartizione attuale), Croazia, Fiume, Italia, Jugoslavia, Kosovo, Macedonia, Malta, Montenegro, San Marino, Serbia, Slovenia, Trieste e Vaticano.

Per avere un’idea sull’aggiornamento, il Bel Paese giunge al 22 marzo scorso, quando debuttò la carta valore per l’Auricchio. Le descrizioni sono in tedesco, le immagini quasi sempre a colori. Ciascun titolo viene, sul mercato tricolore, 75,00 euro.


21 Giu 2017
Giu 21 2017
23:59

Notizie dall'Italia

"Sono stata collezionista"

Ad annunciarlo, la presidente di Poste italiane, Maria Bianca Farina, alla sua prima uscita pubblica nel nuovo ruolo, durante l’inaugurazione del secondo spazio filatelia di Roma


Oggi l’inaugurazione

“È la mia prima presenza fuori dalle mura di Poste italiane come presidente, e mi fa molto piacere”. Aggiungendo, poi, “sono stata collezionista”. Così ha esordito Maria Bianca Farina, un passato nel gruppo ma nel settore delle assicurazioni e quest’oggi all’inaugurazione del secondo spazio filatelia di Roma (il Roma 1), collocato in via delle Grazie 8. “Fino ad ora -ha sottolineato- non ero vicina ai prodotti, ma partecipando alla Consulta per l’emissione di cartevalori postali e la filatelia, beh, mi sono ritrovata, ho riscoperto cose che già sapevo… Ho capito quanto c’è nel francobollo; vi sono la nostra storia, la bellezza dell’Italia, gli avvenimenti, gli artisti, tutto ciò che c’è di bello nel Paese. È storia viva, un valore importante, una testimonianza forte. Qui siamo alle porte del Vaticano, significa aprire la nostra storia filatelica ai fedeli, ai turisti”.

Anche il cardinale Franc Rodé, presente alla cerimonia, è stato filatelista. All’epoca -aveva undici anni- per lui mettere da parte cartevalori significava “un arricchimento personale”. “I francobolli italiani antecedenti la Seconda guerra mondiale -ha raccontato- erano molto belli, molto eleganti, come quello per Orazio”, la cui frase latina presente nella vignetta “è la prima che ho imparato”. Curioso il suo sistema per valutare se un Paese fosse ricco o povero: una colla eccellente dietro alò dentello lo poneva nella prima categoria.

Da “vecchia postale” (così si è definita) la responsabile dell’area territoriale Centro, Tiziana Morandi, ha ricordato come il francobollo “non è un pezzo di carta, ma l’identità di una Nazione”.

Tra gli altri, è intervenuto il “padrone di casa”, cioè il responsabile per la filatelia Giovanni Accusani. “Avevo visto sempre i francobolli in maniera diversa”, ha ammesso. Ma in questi mesi del nuovo incarico ha vissuto “tantissime occasioni sul territorio”. “Il francobollo rappresenta un ponte tra la tradizione e la modernità; rappresenta la tradizione, ma è al passo con i tempi”.

Il negozio, diretto da Mario Orfeo, osserva l’orario 8.20-13.35 dal lunedì al venerdì, 8.20-12.35 il sabato.


21 Giu 2017
Giu 21 2017
16:45

Dall'estero

L’ingresso Usa nella Grande guerra

Avvenne il 2 aprile 1917: lo ricorda un francobollo francese da 1,30 euro che raggiungerà l’intera rete il 26 giugno


Cento anni fa l’ingresso

Un telegramma segreto ma divenuto pubblico, con il quale la Germania cercava il sostegno del Messico in cambio di cessioni territoriali ai danni di Washington; senza dimenticare la decisione, adottata sempre da Berlino, di condurre la guerra sottomarina ad oltranza, anche nei confronti dei Paesi neutrali. Sono gli elementi che contribuirono -ricordano ora da Parigi- a trasformare la colomba statunitense in un falco. Ed il 2 aprile 1917 gli Usa entrarono nella Prima guerra mondiale, ponendo tutto il loro peso sulla bilancia dei contendenti. L’isolazionismo era alle spalle.

Comprensibile che sia la Francia a ricordarsi del giro di boa, perché fu tra i primi beneficiati dall’arrivo delle truppe fresche e ben equipaggiate. Lo fa con un francobollo da 1,30 euro: riprende un aereo Curtiss “Jn”, il generale John Joseph Pershing, alcuni soldati con la bandiera, la nave “Rochester”. Le immagini sono state lavorate da André Lavergne. La carta valore sarà in prevendita dal 23 giugno, mentre la disponibilità generale scoccherà tre giorni dopo.


Per continuare a leggere "Vaccari news" cliccare sul pulsante "archivio notizie".



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366