Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria
AUGURI DI BUON NATALE

Gli uffici saranno chiusi
dal 22 dicembre al 6 gennaio

BUONE FESTIVITÀ
A TUTTA LA NOSTRA
AFFEZIONATA CLIENTELA



Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

Risultati della ricerca

argomentoSan Marino Annotutti
Parole Mesetutti
trovati 495 oggetti
>
13 Ago 2018
Ago 13 2018
18:04

San Marino

Esperantisti in riunione

La Federazione italiana ha scelto San Marino per il suo ottantacinquesimo congresso, in calendario dal 18 al 25 agosto


Anche l’annullo

Ma l’esperanto, la lingua ideale creata dal polacco Ludwik Lejzer Zamenhof (1859-1917), dopo il seguito avuto soprattutto negli anni Cinquanta, esiste ancora?

A giudicare da quanto si farà presto a San Marino la risposta è positiva. Dal 18 al 25 di questo mese l’antica Repubblica ospiterà il congresso italiano di settore, giunto addirittura alla sua ottantacinquesima edizione. Dietro, la Federazione esperantista italiana.

“I seminari modulati in diverse mattinate e tenuti da esperti, sono i programmi caratterizzanti i congressi”, preannunciano gli organizzatori. Il tema 2018 è “San Marino ed esperanto: piccole comunità e grandi valori”, che sarà approfondito durante le giornate. Verranno organizzati, inoltre, dei corsi linguistici di vario livello e saranno presentate le nuove pubblicazioni edite. Si aggiungeranno incontri ufficiali, concerti, film, spettacoli teatrali ed escursioni. Senza trascurare l’annullo, messo a disposizione dall’Ufficio filatelico e numismatico.



07 Lug 2018
Lug 07 2018
10:45

San Marino

“Pro combattenti”/2 La serie... riparatrice

I due sovrastampati per raccogliere fondi e ripristinare l’ospedale da campo non furono sufficienti; pochi mesi dopo giunse un’emissione realizzata appositamente

Altra è la faccenda per la serie “Pro combattenti”, appositamente creata da San Marino con il medesimo scopo di quella distribuita a fine 1917 (news precedente). Arrivò agli sportelli con l’1 giugno di cento anni fa in nove tagli (2, 5, 10, 20, 25, 45 centesimi, 1,00, 2,00 e 3,00 lire, tutti gravati da 5 centesimi quale balzello).

Come la precedente, avrebbe dovuto finanziare il ripristino dell’ospedale da campo, donato dall’antica Repubblica all’Italia ma perso durante le fasi più drammatiche del conflitto. Questa emissione -si legge nell’articolo di Ugo Fidora pubblicato da “Il bollettino filatelico” il 30 giugno 1918- “fu regolarmente denunciata”. Gli esemplari “sono belli, bene ideati e meglio incisi” (vi lavorò Alberto Repettati, su bozzetti di Carlo Carpaneto); i primi sei rappresentano la locale statua della Libertà, i restanti il panorama.

“Plaudo, per conto mio, all’emissione… che dovrebbe insegnare al nostro Governo (quello italiano, ndr) il modo di far quattrini con poca spesa”. “Né vi è pericolo che rimangano degli stock; a questo ci penseranno i collezionisti italiani prima e quelli esteri… dopo guerra!”. In realtà, il 2 dicembre parte delle rimanenze venne sovrastampata “3 Novembre 1918” (si utilizzarono i sei nominali più alti) per festeggiare la fine del conflitto e comunque, dal 1920, quanto rimaneva della versione originale fu venduto senza applicare la sovrattassa.

“O perché anche l’Italia -siamo ancora in tempo- non potrebbe anch’essa emettere una serie di francobolli «Pro combattenti», ma limitando il massimo valore a lire 0,45 per rendere la serie accessibile a tutte le borse?”. Proponendo, tra i soggetti, la famiglia reale, il martire Cesare Battisti, il comandante Luigi Rizzo, la Vittoria. Alla fine, e solo nel 1921, sarebbe stata adottata quest’ultima. Ma è un’altra storia… (fine).



07 Lug 2018
Lug 07 2018
01:08

San Marino

“Pro combattenti”/1 Tra polemiche ed aspettative

Il 27 dicembre 1917 San Marino emise una serie di due sovrastampati per raccogliere fondi e rifinanziare l’ospedale di guerra. Non mancarono le polemiche

I famosi sovrastampati “Pro combattenti” del 27 dicembre 1917, cioè il 25 su 2 centesimi ed il 50 su 2 lire “che sorpresero il mondo filatelico per la loro improvvisa apparizione e sparizione, sono il prodotto di una speculazione privata. Essi non hanno alcun valore filatelico perché, non risultando che essi siano stati preventivamente denunciati all’Ufficio internazionale di Berna, non sono da considerarsi valori postali”. La nota -che contraddice la realtà attuale, visto che tali dentelli appaiono catalogati senza problemi in tutti i mercuriali- si trova in calce ad un intervento di Ugo Fidora, pubblicato il 30 giugno 1918 da “Il bollettino filatelico”.

A spiegare il motivo di questa emissione e le problematiche successive è Maria Antonietta Bonelli, nel suo volume “Una montagna di francobolli”. La quale richiama, fra l’altro, una circolare di allora diffusa dal Comitato governativo pro fratelli combattenti. “Premesso che la ritirata delle truppe italiane dall’Isonzo cagionò la perdita del materiale di cui era composto l’ospedale da guerra donato dalla Repubblica alla madrepatria Italia; che il Consiglio grande e generale deliberò la ricostituzione di detto ospedale per il più sollecito suo funzionamento; che a tale scopo lo stesso Consiglio statuì che fossero sopracaricati (ossia sovrastampati, ndr) francobolli... che detto Consiglio delegò al nostro Comitato la vendita di detti francobolli con facoltà di determinarne le modalità...”. Ecco svelato, in quest’ultimo dettaglio, il problema principale (ma non l’unico), che originò polemiche per lungo tempo (continua).



02 Lug 2018
Lug 02 2018
18:12

San Marino

Aumenti/2 Revisioni pure dal Titano

Il nuovo tariffario entrerà in vigore domani, quindi contemporaneamente a quello italiano

Questa volta, le Poste di San Marino non si sono lasciate prendere in contropiede. Il 28 giugno un decreto delegato, il numero 77, ha rivisto il tariffario degli invii nei rapporti con l’Italia ed il resto dei Paesi; entrerà in vigore domani allineando (ma non sempre, specie nei porti di maggior peso) il listino a quello che contemporaneamente diverrà operativo lungo lo Stivale (fine).



25 Giu 2018
Giu 25 2018
11:54

San Marino

Ufn aperto tutti i giorni

Lo sportello di contrada del Collegio 38 operativo anche il sabato e la domenica. I nuovi orari per la stagione turistica, da oggi all’11 settembre

San Marino - Sembra risolto, almeno fino all’11 settembre, il problema del personale presso la sede che, in contrada del Collegio 38, ospita provvisoriamente lo sportello dell’Ufficio filatelico e numismatico, essendo il negozio di piazzetta Garibaldi 5 chiuso per lavori a lungo termine.

Da oggi, e per l’intera stagione turistica, resterà aperto tutti i giorni della settimana, dalle 10 alle 18 orario continuato. Fanno eccezione il venerdì, il sabato e la domenica, quando chiuderà per il pranzo, tra le 13.30 e le 14.15.



21 Giu 2018
Giu 21 2018
17:23

San Marino

Per Arbe c’è pure il manuale

Dopo i francobolli emessi il 13 marzo, ecco l’annullo. Come le cartevalori, rammenta che è passato mezzo secolo dal gemellaggio con l’interlocutore croato


L’annullo sammarinese

I francobolli realizzati sul monte Titano sono arrivati il 13 marzo (si tratta -va ricordato- di tre esemplari da 1,20 euro ciascuno raccolti in trittico) e domani si sommerà, nel giorno preciso del cinquantenario, l’annullo speciale. Riguarda il gemellaggio tra San Marino ed Arbe, area -adesso appartenente alla Croazia- che la tradizione vuole sia il luogo di origine del santo scalpellino fondatore della Repubblica.

La relazione -confermano dall’Ufficio filatelico e numismatico- venne proclamata ufficialmente il 22 giugno 1968. Da quel momento, si ebbe un costante ed amichevole rapporto con l’isola dalmata, tanto che ogni anno, ad esempio, viene organizzata una gara di tiro con la balestra fra gli specialisti delle due città, alternando i luoghi del suo svolgimento. Tra i fini del sodalizio si ricordano il rafforzamento dei vincoli ideali che uniscono le comunità, la testimonianza di una sincera amicizia reciproca, la promozione di sempre più stretti rapporti umani, civili e sociali tra i cittadini.

Il manuale rappresenta i campanili più imponenti della controparte. Controparte che sta facendo passare il giro di boa sotto silenzio. Da quel che è stato detto a “Vaccari news”, non è prevista nemmeno un’obliterazione.



05 Giu 2018
Giu 05 2018
15:06

San Marino

L’Ufn chiude l’anno

L’ultima infornata è stata fissata per ottobre, con una sorpresa: l’omaggio a Tintoretto nel mezzo millennio trascorso dalla nascita. Lo sportello in città


Appuntamento ad ottobre

Neanche metà anno, ma c’è già chi pensa a chiuderlo. È l’Ufficio filatelico e numismatico di San Marino, che ha fissato per ottobre l’ultimo gruppo di emissioni in calendario per il 2018. La data precisa non si conosce; probabilmente occorre capire prima quali manifestazioni di rilievo si svolgeranno allora.

Cinque le voci al debutto, quattro sono note: i tre interi postali per le torri simbolo del minuscolo Paese, l’omaggio alla Juventus che ha vinto il Campionato italiano, la fine della Prima guerra mondiale nel centenario, il Natale. Si aggiunge il tributo a Tintoretto, nato cinque secoli fa; non a caso, sarà ricordato pure dal Vaticano.

Un’altra notizia rivela la mancanza di personale in seno alla struttura: da ieri, e fino al 10 giugno, lo sportello di vendita provvisorio sito in contrada del Collegio 38 resterà chiuso per malattia dell’addetto. Le criticità -commenta la responsabile, Gioia Giardi- “sono state segnalate da mesi agli uffici superiori competenti, i quali stanno all’uopo provvedendo. Siamo spiacenti e ci scusiamo con la clientela per i disagi che non dipendono dalla nostra volontà”. Dal giugno scorso, il negozio vero e proprio è inagibile a causa di lavori impegnativi; per questo era stato ricavato il punto di riferimento alternativo, di norma aperto lunedì e giovedì nelle fasce orarie 8.15-13.30 e 14.15-18, martedì, mercoledì e venerdì dalle 8.15 alle 14.15.

Aggiornamento del 6 giugno 2018: contrariamente al primo annuncio, lo sportello è stato riaperto oggi; resta operativo da lunedì a venerdì nell’arco temporale 8.15-13.45, lunedì e giovedì pure dalle 15 alle 17.30. Entro il mese, l’orario sarà modificato “allo scopo di garantire l’apertura anche nelle giornate di sabato e domenica per il periodo di maggiore afflusso turistico”.



22 Mag 2018
Mag 22 2018
22:26

San Marino

Un angolo di Giappone

Il foglietto San Marino jinja propone un tradizionale portale d’ingresso ed il piccolo santuario in legno. Ricorda le vittime del terremoto registrato l’11 marzo 2011


Non mancherà l’annullo

Tutto noto anche per l’ultima emissione che, sul monte Titano, caratterizzerà l’uscita del 5 giugno. Mancava, infatti, solo la serie entrata a sorpresa nel programma il 14 maggio scorso. S’intitola San Marino jinja.

Rappresenta -spiegano dall’Ufficio filatelico e numismatico- il collegamento con il Giappone attraverso la presenza nel territorio della Repubblica del primo ed unico tempio scintoista ufficiale in Europa. Tempio che campeggia nel foglietto, dovuto a Dara Giardi e composto da una coppia di francobolli dal nominale pari a 2,00 euro (servono per gli invii interni di quarto porto ordinario o di primo raccomandato). La tiratura ammonta a duecentocinquantamila unità.

Inaugurato il 22 giugno 2014 in memoria delle migliaia di vittime del terremoto (e del maremoto) che l’11 marzo 2011 si abbatté nell’area orientale del Paese, il monumento è composto da un portale tradizionale (viene chiamato “torii”) e dal piccolo santuario in legno (“jinja”).

È un simbolo delle relazioni bilaterali; indirettamente rammenta anche la visita, compiuta nel 1984, del principe ereditario Hironomiya Naruhito.



21 Mag 2018
Mag 21 2018
20:15

San Marino

Costruzioni impossibili

Sintesi delle due culture, caratterizzano la serie di tre francobolli che San Marino dedica all’“Anno del turismo Europa-Cina”


L’annullo…

Quello che balza all’occhio sono le tinte, il giallo (allusivo all’oro) ed il rosso, tra le più apprezzate dall’interlocutore asiatico, nonché il blu richiamante il Vecchio continente. Perché, ancora una volta, uno fra i Paesi più piccoli al mondo, San Marino, ha reso omaggio ad uno tra i più grandi.

L’occasione è stata data dall’“Anno del turismo Europa-Cina”. La serie -spiegano dall’Ufficio filatelico e numismatico- “celebra lo spirito di condivisione, di sviluppo e di valorizzazione che nasce dallo scambio commerciale e culturale” tra le due aree.

Le immagini sono dovute ad Ilaria Ruggeri; raffigurano delle costruzioni impossibili, generate dalla fusione architettonica di luoghi iconici di entrambe le società. Sintetizzano lo scopo del programma: promuovere una maggiore comprensione interculturale, valorizzando e facilitando le esperienze di viaggio attraverso nuovi e migliori itinerari e promuovendo un approccio più sostenibile.

Anche questa serie arriverà nel gruppo del 5 giugno, tagli da 0,70 euro (equivalente al primo porto ordinario interno), 0,95 (primo verso l’Italia), 2,50 (secondo scaglione sempre nazionale ma raccomandato). Conta su trentaseimila unità in fogli da nove uguali con bandella a sinistra.



17 Mag 2018
Mag 17 2018
21:23

San Marino

È bis per Franco Matticchio

L’illustratore coinvolto di nuovo, questa volta per i soggetti della serie “Posta speciale”. I tre valori saranno disponibili con l’infornata del 5 giugno


Pronta per il 5 giugno

Dopo i francobolli del 26 settembre 2017 dedicati al divieto di sperimentazione sugli animali, l’illustratore Franco Matticchio ne “colleziona” altri tre, sempre di San Marino. Riguardano la misteriosa “Posta speciale”, tra i titoli in programma per il 5 giugno.

La serie -spiegano dall’Ufficio filatelico e numismatico- rappresenta “in maniera ironica e divertente tutto quel mondo, purtroppo sempre più desueto, che ruota intorno alla corrispondenza”. Così, un daino imbuca la busta in una cassetta in mezzo al bosco (taglio da 0,50 euro), una rana nelle insolite vesti di portalettere consegna la missiva ad un pesce nello stagno (1,60), nonno e nipotino con sembianze di elefante sono intenti ad esaminare la loro collezione di francobolli (2,00).

La tiratura ammonta a trentaseimila esemplari per soggetto, raccolti in fogli da dodici con bandella a sinistra.



Per continuare a leggere "Vaccari news" cliccare sul pulsante "archivio notizie".



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366