Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria
ASTA PUBBLICA 23 giugno

VISIONE DEI LOTTI
a VERONAFIL

venerdì 25 e sabato 26 maggio
presso il nostro stand
Vi aspettiamo!



Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

Risultati della ricerca

argomentoVaticano Annotutti
Parole Mesetutti
trovati 526 oggetti
>
21 Feb 2018
Feb 21 2018
17:37

Vaticano

Dalle ipotesi alla realtà

Il 2017 visto dal Vaticano: le tirature massime autorizzate e quelle effettivamente registrate rivelano com’è ora il mercato

Neanche una novità si è salvata, nel senso che tutti i titoli 2017 del Vaticano sono stati autorizzati per delle determinate tirature ma, alla resa dei conti, ne sono bastate di inferiori. Talvolta molto inferiori, come l’omaggio al quinto anno del Pontificato di papa Francesco, previsto per trecentomila unità e chiuso a centottanta.

Quello che si fa più notare è un altro fenomeno: se, agli inizi dell’anno, emissioni per così dire “normali” partivano da un massimo di centocinquantamila, da metà lista si è calati direttamente a centoventi. Valori sempre limite, perché i numeri definitivi sono ancora minori.

La voce più gettonata in assoluto è la congiunta con la Lituania per la Diocesi di Samogizia, fissata a trecentosessantamila e stampata a trecentoventi. Fra le altre, ecco Benedetto XVI (da trecentomila a duecentoquaranta) e Pasqua (da duecentocinquanta a duecento). La teorica quota di centocinquantamila ha riguardato PostEurop (effettiva: centoquaranta), Madonna di Fatima (centoventi), Pietro e Paolo (centodieci), Alessandro VII e Francesco Borromini (cento), Domenico Bartolucci (ottanta). Più basse le restanti produzioni, sino a scendere all’aerogramma per Martino V, ipotizzato a sedicimila e replicato a dodici.



12 Feb 2018
Feb 12 2018
12:52

Vaticano

“Non dimenticate il sorriso!”

È l’invito espresso da papa Francesco, durante l’udienza con i rappresentanti di Poste italiane, rivolto al personale ma anche ai clienti


Papa Francesco sorridente

“Poste italiane è legata in modo inscindibile alla vita e alla storia dell’Italia: ne ha accompagnato le vicende, a partire dal suo sorgere come Stato unitario. Ha contribuito in un certo senso a mantenerla unita, tenendo in contatto famiglie e luoghi lontani”. È uno dei concetti espressi sabato da papa Francesco nell’udienza ai dirigenti ed al personale dell’azienda.

Pur seguendo una logica di mercato, essa ha messo al centro “non il profitto ma le persone, ricordando che tutti i servizi offerti verrebbero svuotati del loro valore se fossero fruibili solo da alcuni, o non rispondessero alle esigenze concrete degli utenti. Questo è tanto più importante nel nostro contesto economico e sociale, che così spesso -ha proseguito il pontefice- punta a un guadagno fine a se stesso, dimenticando che la vera ricchezza sta nelle persone, e quindi le tratta spesso come numeri senza volto”.

“È importante, quando si va a uno sportello o a un ufficio, incontrare persone che svolgono il loro lavoro bene, che non sbuffano o danno l’impressione di considerarti un peso, o fanno finta di non vederti. D’altra parte, i clienti devono essere attenti a non avere -come purtroppo accade!- un atteggiamento di pretesa o di lamentela… Non dimenticate il sorriso! Chi si comporta così diventa contagioso, perché il sorriso è contagioso, e la pace che semina non manca di produrre frutto”.

Nel difficile equilibrio tra contenimento dei costi e competitività, “abbiate sempre cura che l’attenzione al bilancio non vada a scapito della qualità del lavoro, né comprometta quel principio di universalità nell’offerta dei servizi, realizzata attraverso la presenza capillare di uffici postali e sportelli su tutto il territorio nazionale”.



09 Feb 2018
Feb 09 2018
14:28

Vaticano

Il bis di Marco Ventura

Contemporaneamente all’omaggio per don Giuseppe Puglisi, l’artista milanese ha firmato la busta 2018. L’effetto tipo vetrata

Su quattro produzioni emesse dal Vaticano il 6 febbraio, due sono firmate dall’artista milanese Marco Ventura. Perché, oltre all’omaggio per il beato don Giuseppe Puglisi segnalato ieri, si aggiunge la busta.

L’intero postale è in vendita a 3,00 euro, cifra che copre il porto più alto del tariffario, utile con un invio ordinario entro i venti grammi di peso diretto in Oceania. Va da sé che può essere impiegato anche verso qualsiasi altra meta collocata a distanza inferiore.

È stato tirato in ventimila esemplari come limite. L’impronta di affrancatura propone lo stemma di papa Francesco quasi fosse inserito in una vetrata, lo stesso espediente grafico utilizzato l’anno scorso dal bozzettista per il tributo dedicato a san Francesco di Sales. Sul lato di sinistra si aggiunge -con la medesima tecnica- il ritratto del pontefice. Tra i due elementi, lo slogan in quattro lingue (italiano, tedesco, francese ed inglese) “Colleziona i francobolli e le monete della Città del Vaticano”. Facile immaginare che l’impostazione verrà replicata con il plico di servizio.



08 Feb 2018
Feb 08 2018
18:27

Vaticano

“Un sacerdote esemplare”

Così l’ha definito papa Francesco. A venticinque anni dalla morte, il beato Giuseppe Puglisi sarà ricordato con due francobolli: il primo già è disponibile


Il francobollo…

Poteva essere una congiunta (anche l’Italia ha il titolo in programma, però il 21 marzo, “Giornata nazionale della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie”), ma le cose sono andate diversamente. E il francobollo del Vaticano per il beato don Giuseppe Puglisi (15 settembre 1937 - 15 settembre 1993) ha debuttato due giorni fa, così da ricordarlo a venticinque anni dalla morte.

Vale 1,00 euro, prodotto in fogli da sei esemplari -sul bordo compare la sua chiesa, dedicata a san Gaetano- con un quantitativo che non può superare quota trecentosessantamila. Porta la firma di Marco Ventura, che oramai ha all’attivo un buon numero di cartevalori, anche di Regno Unito e San Marino.

Nato nel quartiere Brancaccio a Palermo, fu ordinato sacerdote nel 1960, ricordano dall’Ufficio filatelico e numismatico riferendosi al commemorato. Conscio dell’ambiente, cercò di coinvolgere un sempre crescente numero di giovani, togliendoli dalla strada. Queste le parole di papa Francesco: “È stato un sacerdote esemplare, dedito specialmente alla pastorale giovanile. Educando i ragazzi secondo il Vangelo vissuto li sottraeva alla malavita e così questa ha cercato di sconfiggerlo uccidendolo. In realtà però è lui che ha vinto con Cristo risorto”.



07 Feb 2018
Feb 07 2018
12:44

Vaticano

La Pasqua vista da Raúl Berzosa Fernández

È l’artista spagnolo ad aver realizzato il francobollo del Vaticano, Paese che già gli aveva commissionato il doppio omaggio per i santi Filippo Neri e Teresa d’Avila


Resurrezione

È spagnolo e si chiama Raúl Berzosa Fernández. I collezionisti di Vaticano già hanno apprezzato il suo lavoro, quando dall’Ufficio filatelico e numismatico gli venne commissionato un francobollo per ricordare i santi Filippo Neri e Teresa d’Avila, nati cinquecento anni prima. L’esito è il dentello da 2,30 euro, al debutto il 19 novembre 2015.

Di recente è stato coinvolto per una commessa analoga: riguarda la carta valore da 95 centesimi dedicata alla Pasqua del 2018, facente parte dell’infornata giunta ieri agli sportelli. L’immagine non si scosta dall’iconografia tradizionale, mostrando Gesù che si libera dalle bende e si appresta a salire verso il cielo. Al solito, i fogli sono da dieci esemplari; la tiratura conta su duecentocinquantamila unità come massimo.

E il richiamo al quarantesimo anniversario della morte di Paolo VI e Giovanni Paolo I? A gennaio l’Ufn aveva associato la festa per la Risurrezione al ricordo dei due pontefici; oggi, invece, ha detto che il secondo tema rappresenterà un’ulteriore emissione in corso d’anno.



06 Feb 2018
Feb 06 2018
11:53

Vaticano

Finalmente, ecco le serie

Quattro, come si era ipotizzato ieri sera. Riguardano il sesto anno di Pontificato raggiunto da papa Francesco, la Pasqua, il beato Giuseppe Puglisi, la busta

Risolto il problema tecnico segnalato ieri sera, ecco le emissioni che hanno debuttato oggi in Vaticano. Quattro, come si supponeva; riguardano il Pontificato di papa Francesco nel sesto anno (tagli da 0,95, 1,00, 2,30 e 3,00 euro, uno per ogni area tariffaria), la Pasqua (0,95), il beato Giuseppe Puglisi (1,00), la busta (3,00).

Si fa notare l’inutile duplicazione del primo titolo, disponibile in fogli da dieci (tiratura massima: duecentomila unità per soggetto) ed in foglietto con la serie completa (ottantamila). Le foto impiegate raffigurano Jorge Mario Bergoglio in momenti significativi registrati lungo il 2017: durante la domenica delle Palme (era il 9 aprile), il Concistoro con il pastorale in mano (28 giugno), la visita presso la parrocchia romana che porta il nome di santa Maria Josefa del Cuore di Gesù a Castelverde (19 febbraio), la festa per la presentazione del Signore al tempio (2 febbraio).



05 Feb 2018
Feb 05 2018
17:46

Vaticano

L’Ufn conferma le uscite per domani

Inconvenienti tecnici alla base della mancata informazione alla stampa. Le emissioni attese dovrebbero essere quattro

“Problemi di posta elettronica”. È in questo modo che l’Ufficio filatelico e numismatico vaticano spiega la strana vicenda con cui debutta il programma del 2018. Il primo gruppo di emissioni arriverà domani -è stato confermato a “Vaccari news” poco fa- ma ancora la stampa specializzata attende informazioni di dettaglio ed immagini.

Quattro i titoli che dovrebbero giungere: l’omaggio a papa Francesco nel sesto anno di Pontificato, la Pasqua, il tributo al beato Giuseppe Puglisi ucciso venticinque anni fa, la busta.



01 Feb 2018
Feb 01 2018
19:28

Vaticano

Nuova la bollatrice

Come la precedente, è un apparecchio della statunitense Pitney Bowes. Il cambio è visibile anche dalle impronte lasciate sui plichi

Le Poste vaticane hanno cambiato la macchina bollatrice, ed i marcofili se ne sono accorti. La nuova apparecchiatura sostituisce la precedente, entrambe realizzate dalla statunitense Pitney Bowes.

La più vecchia, una “Dm1000”, ha lavorato tra il 4 luglio 2014 ed il 13 novembre 2017, quando è stata sostituita dall’altra. Questa è una “Connect+3000”, monocromatica. Oltre a timbrare la corrispondenza in partenza, in caso di bisogno, può essere utilizzata come affrancatrice; ha una bilancia che raggiunge i sette chili.

L’impronta si fa notare per via del datario con tanto di ora e minuti; adesso è ovale e privo del luogo, collocato sulla sinistra in modo più leggibile.



12 Gen 2018
Gen 12 2018
17:50

Vaticano

In programma Cile e Perù

Papa Francesco pronto a raggiungere i due Paesi americani: l’esperienza si svilupperà tra il 15 ed il 22 gennaio. Annunciata oggi la coppia di annulli

In Cile ed in Perù. È la nuova esperienza di viaggio che papa Francesco si prepara a compiere. La prima tappa sarà raggiunta tra il 15 ed il 18 gennaio, giorno in cui volerà da Iquique a Lima. Solo il 22 ritornerà a Roma.

Al solito densa l’agenda, volta ad incontrare politici, religiosi e fedeli in genere; tra gli appuntamenti si fanno notare quelli al penitenziario femminile di Santiago e con i popoli dell’Amazzonia, previsti per il 16 ed il 19.

Il percorso verrà seguito virtualmente con i due annulli realizzati dalle Poste vaticane e disponibili fino al 24 febbraio: riprendono particolari dei loghi ufficiali riferiti alle visite. Nel primo vi campeggia la croce con sovrapposta la carta del Paese citato (si somma la firma); nel secondo figurano due mani aperte in segno di preghiera ed accoglienza. Vanno aggiunti i motti: “Vi do la mia pace” e “Uniti dalla speranza”.



02 Gen 2018
Gen 02 2018
13:54

Vaticano

Anche a San Pietro scoprono le carte

Oggi l’Ufficio filatelico e numismatico ha rivelato il programma per l’anno in corso. Ventidue i titoli in lista, tra francobolli ed interi


Tra i ritorni, Angelo Secchi

Ventidue titoli per dodici mesi. È la bozza del programma 2018 che il Vaticano ha diffuso ufficialmente alla stampa solo oggi. Un programma che si potrebbe considerare nella linea tradizionale.

Come l’Italia, ricorderà la matematica e filosofa Maria Gaetana Agnesi (nel trecentesimo anniversario della nascita), san Pio da Pietrelcina (cinquantesimo della morte), il beato Giuseppe Puglisi (venticinquesimo dell’uccisione), il compositore Gioacchino Rossini (centocinquantesimo della scomparsa), il gesuita ed astronomo Angelo Secchi (bicentenario dei natali).

Si aggiungono i papi e santi Adeodato I e Zosimo (nel millequattrocentesimo e nel milleseicentesimo dei trapassi), i pittori Canaletto e Tintoretto (duecentocinquantesimo della dipartita e cinquecentesimo della nascita), i pontefici Paolo VI e Giovanni Paolo I (quarantesimo dei decessi), questi ultimi inseriti come tributo di Pasqua.

Ancora, ecco l’“Anno europeo del patrimonio culturale”, la fondazione “Centesimus annus pro pontifice” (venticinquesimo), la cupola di Santa Maria del Fiore a Firenze (sesto secolo), la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo (settantesimo), la Pontificia accademia di teologia (trecentesimo), il Sinodo dei vescovi (XV Assemblea generale ordinaria). Unica congiunta sarà con la Slovacchia per la lingua liturgica slava (nel 1.150° anniversario del riconoscimento).

Confermati i titoli abituali per papa Francesco, i suoi viaggi lungo il 2017, Natale, PostEurop (riguarderà i ponti) nonché gli interi: busta, aerogramma e cartoline.



Per continuare a leggere "Vaccari news" cliccare sul pulsante "archivio notizie".



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366