Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria
ASTA PUBBLICA 23 giugno

VISIONE DEI LOTTI
a VERONAFIL

venerdì 25 e sabato 26 maggio
presso il nostro stand
Vi aspettiamo!



Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

Risultati della ricerca

argomentoVaticano Annotutti
Parole Mesetutti
trovati 526 oggetti
>
29 Dic 2017
Dic 29 2017
12:48

Vaticano

Migranti e rifugiati

È loro dedicata la “Giornata mondiale della pace” edizione 2018, al solito prevista per l’1 gennaio. Non mancherà l’annullo vaticano


L’annullo dell’1 gennaio

È “Migranti e rifugiati: uomini e donne in cerca di pace” il tema della “Giornata mondiale della pace”, che si consuma ad ogni primo giorno dell’anno.

“Voglio ancora una volta ricordare gli oltre 250 milioni di migranti nel mondo, dei quali 22 milioni e mezzo sono rifugiati”, annota nel suo messaggio papa Francesco. “Come affermò il mio amato predecessore Benedetto XVI, «sono uomini e donne, bambini, giovani e anziani che cercano un luogo dove vivere in pace». Per trovarlo, molti di loro sono disposti a rischiare la vita in un viaggio che in gran parte dei casi è lungo e pericoloso, a subire fatiche e sofferenze, ad affrontare reticolati e muri innalzati per tenerli lontani dalla meta”.

Non mancherà l’annullo, messo a punto dalle Poste vaticane. Riporta la data dell’1 gennaio e sarà disponibile presso l’ufficio obliterazioni fino al 3 febbraio.



25 Dic 2017
Dic 25 2017
14:05

Vaticano

Natale/1 Pronti annullo, buste e folder

Il manuale, con la data odierna, cita il dipinto dello Spagna noto come “Madonna della Spineta”. È conservato ai Musei vaticani


Auguri d’autore

Anche per il 2017, le Poste vaticane non hanno fatto mancare il manuale-ricordo datato 25 dicembre. Resterà a disposizione degli interessati fino al prossimo 27 gennaio presso l’ufficio obliterazioni.

Vi è raffigurato un particolare tratto dal dipinto “Natività e arrivo dei magi”, detto “Madonna della Spineta”. Venne realizzato da Giovanni di Pietro, più noto come lo Spagna: vissuto tra il 1450 circa ed il 1528, fu allievo del Perugino. L’opera -prodotta ad olio su tavola- è databile attorno al 1507 ed è conservata ai Musei del minuscolo Paese.

Sottoscritte internamente le due buste collegate. Riproducono la stessa scena, nel particolare con i protagonisti e nella sua interezza. Sono affrancate con i due tagli augurali, da 0,95 e 1,00 euro, datanti 23 novembre. Il costo della coppia è di 5,00 euro, 10,00 se inserita nel folder illustrato. Il contributo per le spese di spedizione via raccomandata è di 1,50 per i due plichi semplici, 2,50 se nel contenitore. Le richieste vanno inoltrate tramite vaglia postale internazionale o assegno bancario non trasferibile all’ordine di Poste vaticane, Governatorato, 00120 Città del Vaticano.



24 Nov 2017
Nov 24 2017
12:21

Vaticano

Le prossime mete sono Myanmar e Bangladesh

Riguardano papa Francesco, ormai pronto a partire per un viaggio che complessivamente si svilupperà tra il 26 novembre ed il 2 dicembre

Due i Paesi dell’Asia che presto papa Francesco raggiungerà. E due gli annulli per annunciare i relativi viaggi, realizzati e destinati all’uso dalle Poste vaticane. Entrambi propongono i loghi creati per le occasioni.

Il primo cita il Myanmar, che il pontefice visiterà tra il 26 ed il 30 novembre. Allo slogan “Amore e pace” si aggiunge un cuore nel cui interno vengono citati la carta nazionale dell’ex Birmania, l’ospite ed una colomba.

Pure il secondo punta alla frase ad effetto, questa volta “Armonia e pace”. Si aggiungono una diversa rappresentazione del volatile, la croce ed il fior di loto. Il riferimento è al Bangladesh, dove Jorge Mario Bergoglio soggiornerà tra il 30 ed il 2 dicembre.



22 Nov 2017
Nov 22 2017
09:21

Vaticano

Riportò a Roma la sede papale

È Martino V, eletto pontefice nel 1417. Sei secoli dopo viene ricordato con un aerogramma da 2,30 euro, in uscita domani

Fu proclamato pontefice sei secoli fa ed ora figura nell’aerogramma che il Vaticano emetterà con il gruppo di titoli previsto per domani. È Ottone Colonna, vissuto tra il 1368 ed il 1431 e noto come Martino V; tra i principali meriti è l’aver riportato a Roma la sede papale in seguito allo Scisma di Occidente.

Immediatamente dopo la sua elezione, si dedicò a riorganizzare lo Stato pontificio: ne ristabilì il prestigio e l’autorità, riassestò le finanze ed intraprese un vasto programma di ricostruzione delle chiese e degli edifici pubblici caduti in rovina, avvalendosi anche dell’opera di eminenti artisti.

L’intero, che ne propone il ritratto e nell’impronta di affrancatura lo stemma, prevede un quantitativo massimo di sedicimila unità. L’importo è pari a 2,30 euro, utile per spedire il foglio in tutti i continenti.

Il personaggio già venne ricordato il 24 marzo 1998 con un francobollo da 700 lire riproducente il viso ed associato ad una bandella con il suo stemma; appartiene alla serie “I papi e gli Anni santi”.



15 Nov 2017
Nov 15 2017
07:16

Vaticano

Turismo più consapevole

È l’invito che trapela dalle quattro cartoline tese a sostenere la scelta compiuta dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite


Attesa per il 23 novembre

Rispetto alle pochissime emissioni inerenti l’“Anno internazionale del turismo sostenibile per lo sviluppo”, quella del Vaticano, sviluppata in quattro cartoline, è davvero originale. Realizzati da Francesco Bongiorni, gli interi propongono sul lato veduta il visitatore nelle condizioni anche negative in cui egli talvolta si pone. Quanto alle impronte di affrancatura (nominali da 0,95, 1,00, 2,30 e 3,00 euro, in grado di coprire tutte le aree del pianeta), offrono altrettanti elementi locali: il “Cupolone”, un dettaglio, il colonnato del Bernini, il gruppo scultoreo all’ingresso dei Musei vaticani. Il titolo debutterà il 23 novembre in un massimo di quindicimila serie.

A individuare il tema è stata l’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Rappresenta “un’occasione per sensibilizzare il maggior numero di persone a diffondere consapevolezza del grande patrimonio delle varie culture e nel portare al riguardo un miglior apprezzamento”. La decisione di promuovere un approccio attento, consapevole e rispettoso rientra nel quadro generale dell’Agenda 2030.



10 Nov 2017
Nov 10 2017
12:43

Vaticano

Una passione precoce per la teologia

È quella che caratterizzò Francesco di Sales, poi divenuto dottore della Chiesa, beato e santo. Lo ricorda un francobollo previsto, a quattro secoli e mezzo dalla nascita, per il 23 novembre

Nacque in Francia a Thorens-Glières il 21 agosto del 1567 da un’antica e nobile casata; quattro secoli e mezzo dopo verrà ricordato in Vaticano con un francobollo da 2,55 euro (utile per il secondo porto ordinario, domestico e per l’Italia).

È Francesco di Sales, che -spiegano dall’Ufficio filatelico e numismatico- “manifestò precocemente nel corso degli studi formativi un interesse per la teologia che lo portò presto alla vocazione sacerdotale”. Visse il suo ministero con la ferma volontà di salvaguardare la Chiesa di Roma dalla riforma di Calvino. Dottore della Chiesa, è stato “uno dei padri della spiritualità moderna e ha influenzato le maggiori figure del Seicento europeo”. Al suo nome si sono ispirate parecchie congregazioni, tra le quali la Famiglia salesiana fondata da san Giovanni Bosco: lo scelse come patrono dell’opera sia perché era uno dei religiosi più venerati del Piemonte, sia perché incarnava i principi di amorevolezza, ottimismo e umanesimo cristiano posti a fondamento del sistema pedagogico di don Bosco. Francesco di Sales fu beatificato nel corso del 1662 e già tre anni dopo venne canonizzato da papa Alessandro VII.

Per ciò che riguarda la carta valore, conta su un limite di centoventimila elementi in fogli da dieci; arriverà il 23 novembre. Ritrae il personaggio secondo lo stile di una vetrata antica: quale patrono di giornalisti e scrittori, ha la penna in mano. Così l’ha tratteggiato l’autore, Marco Ventura, che il 25 novembre a “Veronafil” sarà disponibile per il pubblico presso lo stand dell’Ufn. Previsto un folder (5,00 euro) dove conservare francobollo, annullo speciale ed autografo dell’artista.



08 Nov 2017
Nov 08 2017
14:08

Vaticano

Sei autori per altrettante visite

I francobolli per i viaggi del papa svolti nel 2016 sono stati realizzati coinvolgendo altrettanti autori. Arriveranno agli sportelli il 23 novembre

Un anno impegnativo, il 2016, per papa Francesco. Lo si capisce anche dalla serie che, al solito, sintetizza i viaggi compiuti all’estero. Sei i francobolli emessi per altrettante esperienze: realizzati da artisti diversi (nell’ordine, Orietta Rossi, Gabriella Titotto, Daniela Longo, Daniela Fusco, Patrizio Daniele, Chiara Principe), arriveranno il 23 novembre contro 95 centesimi di euro al pezzo. Sono organizzati in fogli da dieci uguali e contano su una tiratura massima di centoventimila unità a soggetto. Ognuno propone Jorge Mario Bergoglio insieme a personaggi, monumenti ed altri richiami afferenti l’area raggiunta.

La permanenza in Messico (registrata dal 12 al 18 febbraio) lo raffigura in un abbraccio con una bimba in abiti tradizionali sullo sfondo della Madonna di Guadalupe. Quella a Lesvos, in Grecia (16 aprile), lo propone insieme al patriarca ecumenico Bartolomeo, all’arcivescovo di Atene Hieronimos II e ad un gruppo di profughi e rifugiati presenti nell’isola. La tappa in Armenia (24-26 giugno) dipinge l’ospite in raccoglimento di fronte al Memoriale del genocidio di Erevan. Anche per la Polonia (27-31 luglio) si cita un luogo drammatico, il campo di concentramento di Auschwitz, raggiunto nel contesto della “XXXI Giornata mondiale della gioventù”. Per Georgia ed Azerbaijan (30 settembre - 2 ottobre) si associano la Madonna del palazzo del Patriarcato di Tbilisi e la moschea di Bibi Heybat a Baku, idealmente unite da una colomba di pace. Quanto alla Svezia (31 ottobre - 1 novembre), il pontefice è ripreso mentre, con il presidente della Federazione mondiale luterana, cioè il vescovo Munib Yunan, firma nella Cattedrale di Lund una dichiarazione congiunta per il mezzo millennio della Riforma protestante.



02 Nov 2017
Nov 02 2017
13:54

Vaticano

Il bis di Stefano Morri

Dopo la serie di Monaco (prevista per il 30 novembre), le immagini della congiunta definita in piazza San Pietro, che arriverà il giorno 23


C’è anche il libretto

Vista l’interpretazione di Monaco (attesa per il 30 novembre), quella partner del Vaticano (in arrivo il 23) appare molto simile, come dovrebbe essere per un’emissione congiunta. Le due scene disegnate da Stefano Morri sono state tradotte in altrettanti francobolli, nel caso specifico con nominali da 0,95 e 1,00 euro.

Il primo soggetto -confermano dall’Ufficio filatelico e numismatico- raffigura l’annunciazione di Maria, con sullo sfondo la Basilica di San Pietro e la cattedrale dell’Immacolata Concezione presente nel Principato, costruita in stile romanico-bizantino lungo il 1875. Nel secondo l’immagine della Madonna col Bambino domina la scena incorniciata sul fondo dal palazzo del Governatorato e dalla residenza ufficiale dei Ranieri. I fogli sono da dieci mentre la tiratura approvata raggiunge quota centoventimila.

Il taglio più economico -ecco la differenza con l’interlocutore- è confezionato pure in libretti da quattro; quantitativo limite: sessantamila. In copertina e nei chiudilettera allegati figura un’adorazione dei pastori dello stesso autore.

Preparato un folder (15,00 euro); contiene le due serie ed una busta primo giorno comune.

Aggiornamento dell’8 novembre 2017: il folder sarà disponibile con il 30 novembre, quando uscirà il dentello monegasco; quest’ultimo non verrà venduto sciolto dall’Ufn.



31 Ott 2017
Ott 31 2017
18:29

Vaticano

Lutero e Melantone penitenti

Figurano nel francobollo che il Vaticano dedicherà alla Riforma protestante. L’omaggio in calendario per il 23 novembre


Arriverà il 23 novembre

Una mera combinazione ha fatto sì che questo pomeriggio il Vaticano rivelasse, tra l’altro, l’immagine e i dati del francobollo dedicato alla Riforma protestante, scoccata mezzo millennio fa oggi.

Dal valore di 1,00 euro, si ispira al mosaico di una lunetta presente nel portale di accesso alla cattedrale di Wittenberg, dove secondo tradizione il 31 ottobre 1517 vennero affisse le 95 tesi. Ritrae in primo piano Gesù crocifisso sullo sfondo dorato e atemporale della città. In atteggiamento di penitenza, inginocchiati rispettivamente a sinistra e destra, vi sono Martin Lutero che sostiene la Bibbia, fonte e meta della sua dottrina, nonché il teologo ed amico Filippo Melantone, uno dei maggiori protagonisti del movimento; tiene in mano la “Confessio augustana”, cioè la prima esposizione ufficiale dei principi del Protestantesimo da lui redatta. I fogli sono da dieci cartevalori, mentre la tiratura può arrivare fino a centoventimila unità.

L’omaggio arriverà il 23 novembre, con tutte le altre voci ancora in sospeso. Sono: Natale in congiunta con Monaco (0,95 e 1,00 euro, il primo anche in libretti da quattro), i viaggi compiuti nel 2016 dal papa (sei esemplari da 0,95), Francesco di Sales (2,55). Si aggiungono gli interi, di cui ancora non si conoscevano i temi; riguardano “Anno internazionale del turismo sostenibile per lo sviluppo” (cartoline da 0,95, 1,00, 2,30, 3,00) e Martino V (aerogramma da 2,30).



17 Set 2017
Set 17 2017
14:26

Vaticano

Pure in piazza San Pietro i buoni

Disponibile da domani alle Poste vaticane il coupon-réponse international modello “Istanbul”. Il prezzo di vendita ammonta a 1,50 euro

La fornitura dell’Unione postale universale ha raggiunto pure il Vaticano. Da domani, infatti, le locali Poste -quindi non l’Ufficio filatelico e numismatico- metteranno in vendita il nuovo buono-risposta internazionale, modello “Istanbul” (il nome rende omaggio alla città che ha ospitato l’ultimo Congresso postale universale). Confermando una prestazione introdotta localmente solo nel 2009.

Tirato in mille esemplari, ha un prezzo di vendita pari a 1,50 euro. Sino al 31 dicembre 2021 potrà essere scambiato in tutti i Paesi dell’Upu con francobolli equivalenti all’importo minimo di un invio prioritario non registrato a destinazione estera.

È possibile anche acquistare il coupon-réponse international via corrispondenza, ma per una richiesta minima di dieci pezzi. La commessa -viene precisato- dovrà essere corredata dal relativo importo, trasmesso per vaglia postale internazionale o assegno bancario non trasferibile emesso all’ordine delle Poste vaticane (00120 Città del Vaticano, poste.vaticane@scv.va), comprensivo delle spese di spedizioni per raccomandata.



Per continuare a leggere "Vaccari news" cliccare sul pulsante "archivio notizie".



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366