Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria


Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

Risultati della ricerca

argomentoSmom Annotutti
Parole Mesetutti
trovati 232 oggetti
>
08 Nov 2016
Nov 08 2016
14:49

Smom

Giubileo, e sbuca il folder

Ad annunciarlo per prime sono le Poste melitensi: arriverà il 20 novembre. Conterrà quattro buste, realizzate da Italia, San Marino, Vaticano e Smom


Giubileo con il dipinto del Domenichino

L’ha fatto per l’apertura (il 27 novembre scorso), lo farà per la chiusura. È la sottolineatura con carta valore per l’Anno santo della misericordia. Verrà firmata dallo Smom nella prossima infornata che, è stato annunciato oggi, arriverà il 14 novembre. Si tratta di un 95 centesimi; propone un dipinto del Domenichino con santa Cecilia mentre distribuisce le vesti ai poveri. È conservato a Roma presso la chiesa di san Luigi dei Francesi. Raccolto in fogli da nove, il francobollo conta su una tiratura pari a ventimila esemplari.

A sorpresa, dal giorno 20 ci sarà anche il folder, realizzato con Poste italiane, Ufficio filatelico e numismatico di San Marino e di Vaticano. Ogni partner metterà una busta affrancata e con annullo speciale; costo totale: 15,00 euro.

Tornando alle emissioni melitensi, lo stesso 14 ne arriveranno altre; riguardano l’arte della miniatura (si compone di due blocchi mosaico, uno con quattro dentelli da 0,95 e l’altro con quattro da 2,00) nonché l’omaggio alle Poste magistrali, operative da mezzo secolo (otto da 1,60 in foglio unico).



17 Ott 2016
Ott 17 2016
00:31

Smom

Si conclude il ciclo pittorico

Salvo sorprese, è l’ultima parte del progetto che le Poste melitensi hanno dedicato agli affreschi padovani di Giotto

Terzo ed ultimo appuntamento con i cicli pittorici scelti dallo Smom. Almeno per quest’anno e salvo sorprese.

Come le due precedenti tappe (risalenti al 9 maggio ed al 12 settembre), è dedicata a quanto Giotto di Bondone ha lasciato presso la cappella degli Scrovegni di Padova. A livello organizzativo l’emissione appare identica alla prima: si tratta di sei francobolli da 2,30 euro (importo che non risulta nei tariffari di uso comune); sono raccolti in fogli da una serie, tirate in seimila unità.

Le immagini propongono le storie di Maria: la natività, la presentazione al tempio, la consegna delle verghe, la preghiera per la loro fioritura, lo sposalizio, il corteo nuziale.

La data del debutto è stata fissata per oggi.

Aggiornamento del 3 maggio 2017: in realtà la serie proseguirà l’8 maggio 2017.



13 Ott 2016
Ott 13 2016
09:59

Smom

Disegno “in casa” per santa Teresa di Calcutta

Il francobollo dello Smom impiega infatti un lavoro realizzato dal direttore delle Poste melitensi, Marcello Baldini. Sarà disponibile con il 17 ottobre

Sorpresa alla Poste melitensi: il direttore della struttura, Marcello Baldini, disegna. Suo è, infatti, uno dei francobolli che arriverà agli sportelli il 17 ottobre.

Riguarda l’ormai avvenuta (ad essere precisi, la cerimonia si è consumata il 4 settembre scorso) canonizzazione di madre Teresa di Calcutta. Il primo piano della santa campeggia nella carta valore, nominale da 3,00 euro: tariffario alla mano, potrebbe servire per un teorico “posta 1 pro” di formato non standard ma contenuto nei cento grammi. Il taglio è confezionato in fogli da nove esemplari, mentre la tiratura si è fermata a quota ottomila.



03 Ott 2016
Ott 03 2016
19:24

Smom

Terremoto, pronto il benefico

Ai fini postali vale 95 centesimi, cui si aggiunge una sovrattassa di 1,00 euro volta ad aiutare il Centro Italia sconvolto con il sisma del 24 agosto. Sarà emesso il 17 ottobre


Un aiuto

L’anticipazione era stata data al congresso che l’Unione stampa filatelica italiana ha organizzato a Salerno giusto un mese fa. Lo Smom -aveva confermato il direttore delle Poste magistrali, Marcello Baldini, presente alla manifestazione- stava lavorando ad un francobollo in favore delle popolazioni terremotate del Centro Italia. È così è stato: arriverà nel gruppo di titoli fissato per il 17 ottobre, quindi in vista di “Italiafil”, programmata a Bologna tra il 21 ed il 22 del mese.

Dal punto di vista dell’immagine, l’esemplare, in vendita a 0,95+1,00 euro, non si distacca da quelli realizzati negli ultimi anni per sciagure simili. Porta lo stemma dell’Ordine, stavolta posizionato su uno sfondo grigio verde chiaro. Ottomila gli esemplari previsti, allestiti in fogli da nove.

Contemporaneamente debutteranno l’omaggio a madre Teresa di Calcutta proclamata santa (si tratta di un 3,00 euro) e la terza parte del percorso riguardante i cicli pittorici. Come le precedenti, giunte il 9 maggio ed il 12 settembre, si concentra sugli affreschi che Giotto fece nella cappella degli Scrovegni di Padova (sei esemplari da 2,30 ciascuno in fogli da una serie).



14 Set 2016
Set 14 2016
18:21

Smom

Relazioni diplomatiche da manuale

Riguardano lo Smom e Malta. Per il giro di boa del cinquantesimo anniversario, entrambe le realtà hanno approntato un annullo speciale

Doppio annullo per celebrare il mezzo secolo delle relazioni diplomatiche tra il Sovrano militare ordine ospedaliero di san Giovanni di Gerusalemme di Rodi e di Malta e la stessa Repubblica di Malta.

L’iniziativa marcofila è stata programmata per questi giorni, chissà perché in date diverse. L’istituzione che fa capo a via Condotti l’ha introdotta, alla chetichella, il 12 settembre; l’isola mediterranea provvederà domani.



09 Set 2016
Set 09 2016
10:28

Smom

Tra musica e pittura

È una delle due serie che le Poste melitensi hanno deciso di emettere il 12 settembre. Si compone di cinque esemplari


L’annullo del primo giorno

Il 15 novembre 2010, due francobolli riguardanti il dipinto “Santa Cecilia” di Domenico Zampieri. Ora, per la precisione il 12 settembre, un percorso più articolato e vario, sempre per la serie “La musica nella pittura”.

Trasformati in cartevalori dallo Smom figurano, nel 15 centesimi, “Davide con l’arpa”, tratto dal “Salterio gertrudiano” del monaco Ruodprecht (VIII-IX secolo), lavoro conservato presso il Duomo di Cividale del Friuli (Udine). Il 95 rammenta il “De institutione musica” di Severino Boezio; il manoscritto impiegato, risalente al XIV, si trova presso la Biblioteca nazionale “Vittorio Emanuele III” di Napoli. Nell’1,00 euro ecco il dipinto “Angelo musicante”, dovuto alla famiglia Zavattari e collocato presso il Duomo di Monza. Con il 2,55 viene rappresentata di nuovo la patrona del settore: si tratta di “Santa Cecilia con due angeli musicanti”, ispirata a “Les heures d’Edouard 1er du Portugal”, del XV secolo; l’originale è all’Archivio nazionale di Torre do Tombo, a Lisbona. Infine, si aggiunge il dentello da 2,90; del Beato Angelico, propone “Gloria di san Domenico”, codice proveniente dal fiorentino Museo nazionale di san Marco.

L’emissione è organizzata in fogli da nove, mentre la tiratura è di ottomila unità per soggetto.



30 Ago 2016
Ago 30 2016
21:14

Smom

Cappella degli Scrovegni da bis

Anche la seconda delle tre tappe inerenti la serie “Cicli pittorici” si sofferma sui dipinti di Giotto a Padova. Arriverà, insieme ad un’altra emissione, il 12 settembre

Il titolo è lo stesso, il luogo da cui sono tratte le immagini pure. Però, cambia totalmente la grafica. Il 9 maggio, per la serie “Cicli pittorici”, lo Smom ha emesso sei francobolli da 2,30 euro in un foglio unico, mentre ora si aggiunge un blocco contenente due esemplari da 2,55. Sono di nuovo dedicati alla cappella degli Scrovegni di Padova ma, al posto delle storie di Gioacchino e Anna, propongono, sempre dovuti a Giotto di Bondone, l’annunciazione. Si tratta di due dettagli del lavoro, dove campeggiano l’angelo e Maria, posizionati accanto all’arco trionfale. Quattromila le confezioni che arriveranno il 12 settembre. Per il 2016 è annunciata una terza parte: riguarderà ancora il complesso monumentale patavino?

Lo stesso giorno giungerà pure la voce “La musica nella pittura”, organizzata in cinque dentelli da 0,15, 0,95, 1,00, 2,55, 2,90.



27 Lug 2016
Lug 27 2016
10:12

Smom

Pro beneficenza - I dati degli ultimi emessi

Emilia-Romagna, Filippine, Nepal - Tre disastri naturali e tre francobolli delle Poste melitensi: quanti soldi sono stati raccolti ed a cosa sono serviti

Rappresentano una delle produzioni più significative dello Smom: sono i francobolli con sovrapprezzo volti a raccogliere risorse per aiutare le popolazioni colpite da qualche disastro naturale. Tuttavia, finora non era stato possibile sapere quanti soldi erano stati raccolti e come sono stati spesi. Una trasparenza invece obbligata, anche per incoraggiare il pubblico ad impegnarsi con fiducia quando necessario.

L’attenzione di “Vaccari news” si è concentrata sugli ultimi tre casi, lo 0,75+1,00 del 24 settembre 2012 riguardante i terremotati dell’Emilia-Romagna, lo 0,70+1,00 del 16 dicembre 2013 per i cittadini delle Filippine colpiti dal tifone “Haiyan”, l’1,40+1,00 del 30 giugno 2015 volto ad aiutare il Nepal a risollevarsi dopo il sisma. Ogni volta -confermano dalla sede- la sovrattassa è servita “a finanziare le attività umanitarie del Sovrano ordine di Malta”.

Nel primo caso, tramite il balzello è stata raccolta una somma di 6.942,00 euro (equivalente a 6.942 cartevalori vendute), poi utilizzata nei sei mesi dell’attività di assistenza a Bomporto (Modena) -dove era allestito il campo del Corpo italiano di soccorso dell’Ordine di Malta- e in tutto il Consorzio dei Comuni del Sorbara.

Per quanto riguarda le Filippine, i 3.314,00 euro sono finiti sia all’Associazione locale dell’Ordine di Malta che al Malteser international, i quali hanno partecipato ai soccorsi ed ai lavori di ricostruzione. Nel 2015 l’Ordine ha consegnato alle autorità del Paese asiatico settecento case destinate ai senzatetto.

Infine, il Nepal: la cifra registrata equivale a 2.442,00 euro. Anche in questo frangente è stata trasferita al Malteser international, intervenuto poche ore dopo gli eventi per portare sostegno medico e psicologico.



13 Giu 2016
Giu 13 2016
12:41

Smom

Il Giovanni Battista di Perugia

La pala che Luca Signorelli dipinse nel 1484 scelta dalle Poste melitensi per l’annuale tributo al santo protettore dell’Ordine


I due francobolli

Non poteva mancare nemmeno quest’anno. È il rituale omaggio con cui il Sovrano militare ordine ospedaliero di san Giovanni di Gerusalemme di Rodi e di Malta ricorda il proprio protettore in vicinanza della festa a lui dedicata. È Giovanni Battista, celebrato il 24 giugno.

Il tributo postale arriverà nell’infornata del 15, organizzato nella formula abituale per lo Smom. Vi sono due francobolli in fogli da nove, tagli da 0,95 (tariffa per la lettera ordinaria diretta in Italia e pesante fino ai venti grammi) e 2,85 euro (invii tra i cinquanta ed i cento), cui si aggiunge il foglietto, che ne contiene altrettanti, questi da 3,50 (dai cento ai duecentocinquanta) e 4,35 (dai duecentocinquanta ai trecentocinquanta).

Tutti traggono spunto dalla pala di sant’Onofrio, realizzata nel 1484 con tempera ed olio su tavola da Luca Signorelli (1445-1523) e conservata a Perugia presso il Museo dell’opera del duomo. Se il blocco offre l’opera intera, i singoli esemplari si concentrano su particolari, nell’ordine l’angelo, san Giovanni Battista, sant’Ercolano ed ancora il protagonista. Le tirature risultano di ottomila serie e quattromila foglietti.



09 Giu 2016
Giu 09 2016
18:26

Smom

I quattro secoli e mezzo della Valletta

La città venne fondata il 28 marzo 1566 da un gran maestro, Jean Parisot de la Valette. L’ha ricordato Malta ed ora si aggiungerà lo Smom

Conscio dei momenti grami (il cosiddetto “grande assedio” ottomano risale al 1565), il gran maestro Jean Parisot de la Valette (1495-1568) volle per Malta una città fortificata, la cui prima pietra venne posizionata il 28 marzo 1566. In suo onore, fu chiamata La Valletta. Quattro secoli e mezzo dopo, il piccolo Paese mediterraneo ha ricordato il fatto emettendo, proprio il 28 marzo, un foglietto da 4,25 euro, su cui -disegnati da Sean Cini- compaiono l’artefice ed una mappa dell’epoca.

Visto il personaggio, anche il Sovrano militare ordine ospedaliero di san Giovanni di Gerusalemme di Rodi e di Malta ha scelto di celebrare il giro di boa. Lo farà con un francobollo da 2,55 euro (equivale ad un secondo porto ordinario per l’Italia), disponibile con il 15 giugno; è organizzato in ottomila esemplari, mentre i fogli sono da sei. Ritrae l’ingresso al porto, scena risalente al XVIII secolo e posseduta dalla Conservatoria magistrale. L’autore è l’ingegnere minerario Philippe Nicolas Milcent.



Per continuare a leggere "Vaccari news" cliccare sul pulsante "archivio notizie".



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366