Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria


Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

Risultati della ricerca

argomentoNotizie da Vaccari Annotutti
Parole Mesetutti
trovati 530 oggetti
>
12 Nov 2016
Nov 12 2016
19:12

Notizie da Vaccari

Alle spalle l’asta, i primi dati registrati in sala

Alcuni degli esiti scelti fra i più significativi: riguardano la vendita effettuata oggi dall’azienda presso la propria sede di Vignola. Nel tardo pomeriggio di lunedì i dettagli


Il 4 crazie di Toscana, passato da 1.800 a 2.750 euro (lotto 446)

Il periodo ottocentesco, le situazioni belliche e le collezioni intere. Sono questi i capitoli più gettonati nell’asta che la società Vaccari ha organizzato oggi presso la propria sede di Vignola (Modena). Ha cambiato proprietario buona parte dei 1.100 lotti, sapendo che i dati ufficiali, con tutti i realizzi e la lista degli invenduti, saranno disponibili nel tardo pomeriggio di lunedì. Qualche anticipazione, comunque, è possibile darla, soprattutto per quelle voci che hanno riscontrato significativi esiti, spesso con diversi rialzi avanzati dai clienti in sala o in connessione telefonica.

In Lombardo-Veneto si sono distinti i lotti 34, per il 5 centesimi giallo limone usato (cresciuto da 470 a 1.000 euro), ed 88, con la busta del 10 soldi del I tipo bruno nel giorno d’uso più antico (da 9.000 a 10.500); di Napoli il 202, con il plico viaggiato dalla città a Roma tramite il 2 grana della III tavola rosa carminio (da 70 a 540), ed il 204, con il blocco di 24 documenti (da 480 a 1.100); per Parma il 230, inerente un altro insieme di lettere (da 230 a 420); per la Sardegna il 380, con la missiva da Casatisma a Milano recante il 5 centesimi verde smeraldo grigiastro ed il 20 cobalto scuro (da 230 a 470); di Sicilia il 436, comprendente un insieme di corrispondenze (da 100 a 1.600); per la Toscana il 446, cioè il 4 crazie verde azzurro su carta grigia azzurrata linguellato (da 1.800 a 2.750), nonché il 476, dedicato ad un frontespizio con la coppia del 50 centesimi di Governo provvisorio ed un 10 bruno bistro già sardo (da 450 a 900).

Di Regno è possibile annotare il 547 per una lettera da Bergamo Bassa a Roma che presenta il 5 centesimi verde di Sardegna ed il 15 litografato del II tipo (da 120 a 320), oppure il 654, con la serie usata per gli Enti parastatali riguardante l’Associazione nazionale mutilati invalidi di guerra (da 300 a 1.150). Di Rsi, ecco il 689: l’assicurata presenta il 50 lire isolato di Gnr sovrastampato a Brescia e classificato come I tipo (da 2.600 a 4.900). Per le occupazioni, tutti di Amg-Vg, il 739, vale a dire una cartolina di ritorno (da 90 a 570), il 748, una lettera (da 50 a 380), il 752, una raccomandata (da 350 a 1.310). E poi l’821 di Fiumano Kupa, cioè il 30 dinari rosa lilla usato (da 3.200 a 3.940). Significativi pure alcuni risultati di posta aerea, come l’857, consistente nei fogli da venti dei trittici per la “Crociera nord atlantica del Decennale” (con varietà “ciuffo”, da 5.200 a 5.900), e l’858, concernente la stessa serie spezzata (da 3.200 a 4.150).

Per l’estero, non può essere taciuto il 955: ossia, il plico da San Marino a Faenza del 1863 affrancato con le cartevalori sabaude (da 6.500 a 16.000). Quindi, diversi dei lotti appartenenti alla collezione europea tra il 1840 ed il 1955 smembrata ora; a titolo di esempio, sono stati contesi il 1.008 di Cecoslovacchia (da 3.400 ad 8.500), il 1.014 di Estonia (da 2.000 a 3.100), il 1.034 di Gibilterra (da 790 a 1.250). Hanno trovato compratori pure il 1.053 ed il 1.054, ossia le accumulazioni di decreti ed altri documenti (da 100 a 460 e da 600 a 1.900).



09 Nov 2016
Nov 09 2016
00:54

Notizie da Vaccari

Fino alle 17 dell’11 novembre per le offerte

Da oggi, su appuntamento, la possibilità di esaminare in sede i 1.100 lotti; poi, il giorno 12, cambieranno proprietario. La lente su alcuni capitoli storici


Tra i lotti citati, l’821 (3.200 euro)…

Corsa finale per l’asta che la società Vaccari ha organizzato presso la propria sede di Vignola (Modena) il 12 novembre. “I 1.100 lotti -ricordano dagli uffici- sono in visione su appuntamento e lo resteranno fino a poco prima della loro aggiudicazione in sala. Le offerte possono giungere entro le ore 17 di venerdì, ricordando che non vengono applicate commissioni; poi, per candidarsi all’acquisto, occorrerà essere presenti dal vivo o tramite collegamento telefonico”. Due le sessioni previste: alle 10.30 si svolgerà la prima, che tratterà dalle prefilateliche al periodo risorgimentale. Dalle 14 verrà dettagliato il resto, cioè il Regno in tutte le sue sfaccettature fino all’estero ed alle collezioni intere.

“Attraverso «Vaccari news», nei giorni scorsi abbiamo evidenziato alcune voci proposte per Antichi Stati, Regno e Repubblica, ma anche il resto annovera articoli significativi. Come il lotto 773, una raccomandata da Massaua a New York del 21 aprile 1896 recante un 5, un 20 e tre tagli da 25 centesimi d’epoca umbertina adattati all’impiego in Colonia (stima di partenza: 570 euro). Oppure l’821, relativo alla Zona Fiumano Kupa: in vendita vi è il 30,00 dinari sovrastampato del 1941 che proponiamo, allo stato di usato, a 3.200 euro. Ancora su busta, ecco un 100 lire «Democratica» dell’Amg-Vg, isolato e spedito da Trieste a Salisburgo il 30 settembre 1947 (è il 752, partenza: 350 euro). Per chi si occupa di San Marino, va segnalato un plico spedito dalla piccola Repubblica verso Faenza e giunto il 10 settembre 1863: affrancato con cartevalori sardoitaliane, ha il relativo annullo in cartella (955, 6.500). Dell’emissione di Argostoli vi è un frammento con la coppia dell’8,00 dracme «Intesa balcanica» (807, 4.500); per quella di Zante compaiono quattro frammenti con l’1, il 3, l’8 ed il 100 dracme sovrastampati: è la prima serie, completa, del capitolo (817, 1.600)”.

“Bisogna avere l’attenzione di esaminare il materiale, perché -esperienza insegna- si possono trovare reperti interessanti un po’ in tutto il catalogo. Vi aspettiamo…”.



04 Nov 2016
Nov 04 2016
00:41

Notizie da Vaccari

Cinquecento proposte di Antichi Stati

Quasi la metà dei lotti inseriti nell’asta Vaccari del 12 novembre riguarda l’Italia preunitaria: l’attenzione su alcune fra le proposte più significative


Il 60 crazie di Toscana (lotto 456, base 7.000 euro)

Lombardo-Veneto, Romagne, Pontificio o… “Non c’è che l’imbarazzo della scelta”, commentano dall’azienda Vaccari a proposito dell’asta in programma per il 12 novembre. “Anche questa volta, abbiamo riservato un ampio spazio al materiale degli Antichi Stati. Si tratta di circa 500 articoli su un totale di 1.100, praticamente la metà! Dov’è possibile trovare di tutto, dai francobolli chiave agli annullamenti, dalle lettere con testi significativi a quelle che testimoniano la fase risorgimentale. Sapendo che le valutazioni sono in funzione della richiesta ma anche della qualità, sempre dichiarata. E sapendo che gli acquirenti non pagano commissioni”.

Di Modena, ad esempio, sono giunti sul mercato alcuni 25 centesimi non emessi, quelli che vennero stampati per errore su carta verde e quindi accantonati; declinati tra i lotti 119, 120, 121 e 125, sono stati valutati tra i 650 ed i 2.600 euro. Di Toscana, ecco il 60 crazie scarlatto scuro su carta grigia azzurrata con un annullo che lascia libero il tassello del valore; è il 456 e parte da quota 7.000.

Fra i documenti interi si evidenzia una fascetta per stampati da Napoli a Lagonegro per Chiaramante del 2 marzo 1861 con la “Crocetta” (214, 3.000). Si fa notare poi il plico viaggiato da Parma a Genova il 28 febbraio 1859; reca due esemplari del 15 centesimi vermiglio: è la prima data nota per questa tipologia (246, 3.600). Oppure quello spedito da Pinerolo alla volta di Macello il 5 febbraio 1855 con il 5 centesimi verde (376, 1.750). Anche la Sicilia è ben rappresentata: uno per tutti è il reperto tra Girgenti e Caltanissetta del 25 aprile 1859: reca l’1 grano bruno olivastro della prima tavola, secondo stato, con un grande ritocco ed il 2 azzurro sempre della prima tavola, carta di Napoli (429, 15.000).

“Un altro capitolo interessante -concludono dagli uffici- è costituito dalle destinazioni o «incoming mail»: una trentina di voci dettaglia materiale d’epoca classica, partito dall’Italia e con mete anche inusuali o che ha fatto il percorso contrario. Sono sempre oggetti che impreziosiscono la collezione, anche se magari non mostrano cartevalori, come la missiva di posta militare inoltrata da Bucarest a Vicenza il 4 febbraio 1855, poi tassata e detassata (930): la proponiamo a 300 euro”.



28 Ott 2016
Ott 28 2016
00:06

Notizie da Vaccari

Italia. Ovvero, la parte del leone

Dal primo periodo unitario alla Repubblica: sono centinaia i lotti di tutti i generi (dal francobollo nuovo al documento intero) proposti nell’asta del 12 novembre


Un segnatasse di qualità inconsueta (è il lotto 569, base: 2.300 euro)

L’Italia, a cominciare da Vittorio Emanuele II ed arrivando alla Repubblica. Con offerte articolate su vari livelli di impegno economico, al fine di coinvolgere gli specialisti come i principianti. È l’asta che la società Vaccari ha organizzato per il 12 novembre presso la propria sede di Vignola (Modena).

Le offerte per corrispondenza saranno accettate fino alle ore 17 di venerdì 11. Poi, occorrerà presentarsi in sala e concorrere in diretta. Ad ogni modo, si dovrà tener presente che non vengono applicate commissioni sulle aggiudicazioni.

“Bisogna ricordare -aggiungono dagli uffici- un dettaglio: i lotti che recano la sigla o la firma di Paolo Vaccari, indipendentemente dalla presenza di certificati peritali, hanno garanzia assoluta riferita alla descrizione. Tra essi, quelli con valore superiore a 500 euro vengono corredati gratuitamente da un certificato dell’azienda. Tutti, comunque, sono descritti con la massima cura e le immagini risultano parte integrante delle descrizioni”.

“Consultando il catalogo, nella versione cartacea od elettronica non importa, l’interessato troverà centinaia di proposte. Nuovi, usati, blocchi, su frammento o su busta, materiale unico, difficile da trovare o più comune. Ed anche la qualità -sempre indicata- permette di accogliere esigenze differenti”.

Qualche esempio può aiutare. Tra i segnatasse si fa notare quello da 1,00 lira del 1870-1874, leggermente linguellato ma con una centratura che può essere definita eccezionale. È il lotto 569; viene presentato a 2.300 euro. La lettera da Rossano a Torino del 14 dicembre 1863 propone una mista con il 5 centesimi “De La Rue” grigio verde ed il 10 bistro scuro ancora di epoca sarda; offre, inoltre, un interessante testo spedito ad un colonnello dell’Armata italiana. Per tale reperto, il 550, si parte da 2.700 euro. Un balzo di qualche decennio ed ecco l’assicurata da Brescia alla vicina Manerba del 20 dicembre 1943. Il servizio venne saldato con un 50 lire isolato sovrastampato, del primo tipo, per la Guardia nazionale repubblicana e nella tiratura appunto di Brescia. Classificato come 689, è proposto a 2.600. Ancora più avanti, un “Gronchi rosa” bordo di foglio di ottima qualità, è il 736, è valutato 650 euro.



21 Ott 2016
Ott 21 2016
00:35

Notizie da Vaccari

Facciamo collezione?

Diversi gli insiemi organici presenti nell’asta del 12 novembre. Le caratteristiche principali spiegate da Paolo Vaccari


Il presidente della società, Paolo Vaccari

Non solo singoli pezzi. L’asta che l’azienda Vaccari ha programmato per il 12 novembre a Vignola (Modena) si fa notare anche per le collezioni che verranno immesse sul mercato. “Meritano di essere osservate con attenzione”, suggerisce il presidente della società, Paolo Vaccari. “Infatti, possono serbare delle sorprese, anche nei prezzi”. “Per questo oggi e domani le avremo a disposizione nel nostro stand (è il 17-18, collocato al primo piano) di «Italiafil», la manifestazione di Bologna voluta da Poste italiane. In alternativa, si potranno visionare presso la nostra sala aste, dal 9 all’11 novembre su appuntamento e nella mattina dello stesso 12”.

“Ve ne sono diverse da segnalare, a cominciare dai lotti 297 e 298. Riguardano gli annullamenti di epoca pontificia delle province di Frosinone e di Latina (attuale), rispettivamente trentuno e ventiquattro lettere variamente affrancate, con annulli interessanti e nel complesso di ottima qualità; porremo gli insiemi in vendita ad un prezzo base di 2.400 e 1.800 euro”.

Decisamente più recente è l’858, dedicato alla “Crociera nord atlantica del Decennale”. “Comprende tutte le venti coppie di trittici con le sigle dei comandanti; ha un significativo valore di catalogo ma la nostra proposta comincerà da 3.200 euro; saranno poi i partecipanti a decidere la cifra ultima”.

“Di Cirenaica e Tripolitania ecco l’867 e 868… Interessano il «Volo Roma-Buenos Aires» del 1934 in fogli completi da cinquanta pezzi con il giro completo delle due emissioni (valutazione: 950 euro), anche ripetuto per tre volte (2.600)”.

“Cominceremo poi ad affrontare una raccolta classica d’Europa, che parte dal 1840 e si ferma al 1955. Fra tre settimane metteremo sul mercato i primi lotti, dal 997 al 1.047; trattano, ordinati alfabeticamente, i Paesi inclusi tra Albania ed Islanda. Il materiale è variabile e lo sono anche le stime economiche; come si usava una volta, si spazia tra nuovo, usato e su frammento, ma le possibilità di divertimento sono notevoli”.

“Per chi vuole approfondire le normative, si aggiungono due opportunità che non capitano spesso. Le proposte 1.053 (100 euro) e 1.054 (600) riguardano decreti, leggi ed altri atti ufficiali tesi a regolamentare il servizio postale, tra il 1833 ed il 1869 circa nel primo caso, tra il 1851 ed il 1900 nel secondo, cui si aggiungono sei volumi a tema postale dal 1822 al 1839”.

Le offerte, per chi non parteciperà personalmente il sabato, dovranno pervenire all’azienda entro venerdì 11 alle ore 17.



14 Ott 2016
Ott 14 2016
00:12

Notizie da Vaccari

L’azienda ad “Italiafil”

Presso lo stand, il 17-18, sarà in visione pressoché tutto il materiale destinato all’asta del 12 novembre. E poi il nuovo assortimento di filatelia e storia postale, nonché quello editoriale. Sabato verrà presentato il catalogo di Giuseppe Buffagni


Il cartaceo sarà disponibile ad “Italiafil”

È on-line il catalogo dell’asta che l’azienda Vaccari ha fissato per il 12 novembre. “In questo modo -spiegano dagli uffici- gli interessati possono esaminare già quanto proposto, sapendo che tutto il materiale -ad eccezione delle scatole voluminose, ma incluse le collezioni- sarà in visione presso il nostro stand (è il 17-18 e si trova al primo piano) di «Italiafil». Avremo anche le copie cartacee dello stesso catalogo e della «Libreria filatelica» e poi numerose proposte di filatelia e storia postale, le offerte speciali, le novità editoriali. Suggeriamo comunque di inviare le richieste via e-mail a info@vaccari.it entro il giorno 19”.

“Sabato 22 alle 15.30, in sala Magenta, nel contesto delle presentazioni librarie organizzate dall’Unione stampa filatelica italiana, verrà illustrato il nostro ultimo lavoro, il «Poste estensi - Trattato storico e storico-postale 1453-1852 - Catalogo dei bolli 2016», realizzato da Giuseppe Buffagni. Con oltre duecento illustrazioni, in 64 pagine (25,00 euro) considera e valuta a punti ciò che ora si conosce sull’argomento. All’incontro interverranno l’autore e Paolo Vaccari. Acquistando l’opera completa, questa edizione del catalogo è in omaggio”.

Il salone è organizzato a Bologna da Poste italiane per il 21 ed il 22 ottobre. Sarà ospitato al Bologna congressi, in piazza Costituzione 3 e vi si potrà accedere gratuitamente dalle 9.30 alle 18.30 di entrambi i giorni. È prevista una navetta gratuita per il collegamento tra la stazione ferroviaria e la sede della manifestazione.



07 Ott 2016
Ott 07 2016
00:46

Notizie da Vaccari

Il catalogo sfogliabile

Conto alla rovescia per l’asta che la società Vaccari ha fissato al 12 novembre. Il materiale già potrà essere visionato ad “Italiafil”, il salone programmato per il 21 ed il 22 ottobre


Da amatori, il lotto 508 (partenza: 13.500 euro)

Sono millecento i lotti destinati a cambiare proprietario durante l’asta che la ditta Vaccari ha fissato per il 12 novembre. Il catalogo sarà presto on-line e disponibile nella versione cartacea, ma è già possibile sfogliarlo sulla piattaforma gratuita Issuu. “Questa volta -anticipa il presidente della società, Paolo Vaccari- ci concentreremo sulla filatelia e la storia postale, in particolare sul periodo classico italiano, vale a dire sul nostro cavallo di battaglia”.

“È difficile presentare alcuni pezzi a scapito di altri. Per esempio, del Lombardo-Veneto vi è il 10 soldi bruno del primo tipo applicato su una lettera da Perarolo a Venezia nel suo giorno di debutto, l’1 novembre 1858; è il lotto 88, parte da 9.000 euro e, per la sua importanza, gli abbiamo dedicato la quarta di copertina. Di Napoli segnalerei un documento che si può considerare unico: partì da Chieti verso Lanciano l’8 ottobre 1860; porta due esemplari del 2 grana della terza tavola rosa carminio (210, 2.800). Quanto al Pontificio, ecco un insieme volto a testimoniare il passaggio politico: si tratta di due missive da Ferentino a Roma del 4 e del 9 novembre 1870, una affrancata con una coppia del 10 centesimi risalente al 1868, l’altra con uno di essi abbinato all’analogo valore, ma d’Italia, il «De La Rue» tiratura di Torino (314, 14.000)”.

“Per ciò che concerne il Regno, un esemplare su tutti, che si fa notare per qualità e centratura: mi riferisco al 10 centesimi con Vittorio Emanuele II arancio brunastro e dentellato, da veri intenditori (508, 13.500)!”.

“Naturalmente -prosegue- non mancano gli altri settori, dalla prefilatelia alla Repubblica, da Trieste ad occupazioni e posta militare. E senza dimenticare le destinazioni e la sezione estero”.

“Suggerisco comunque di esaminare con attenzione il catalogo, poiché davvero non mancano le sorprese. Ricordando che l’acquirente non paga commissioni”.

Il materiale (ad esclusione dei voluminosi in scatola) sarà in visione ad “Italiafil”, il salone del francobollo organizzato da Poste italiane presso il Bologna congressi; è situato nella città emiliana, per la precisione in piazza Costituzione 3. Resterà aperto gratuitamente dal 21 al 22 ottobre, tra le ore 9.30 e le 18.30.



16 Set 2016
Set 16 2016
00:16

Notizie da Vaccari

Il negozio anche su Facebook

Si chiama “Vaccari shop” e propone materiale in vendita, sia filatelia che libri, nonché lotti delle prossime aste


“Vaccari shop”

Un negozio virtuale dove, a cadenza quotidiana, vengono proposti oggetti, in vendita, di filatelia e storia postale. Oppure segnalati lotti inseriti nelle prossime aste. E senza dimenticare i libri, dalle novità ai classici o alle offerte. È “Vaccari shop”, presente su Facebook.

“Abbiamo deciso -spiegano dall’azienda, la quale ha sede a Vignola (Modena)- di aprire questa nuova pagina per sviluppare una vetrina anche per i prodotti che mettiamo in offerta nel sito”.

“Facebook permette di essere immediati; attraverso la condivisione tipica dei social vogliamo dare più visibilità a quanto è disponibile per il collezionista, che magari preferisce trovare piuttosto che cercare. Un negozio-social in cui, inoltre, è possibile l’interazione fra gli appassionati, si possono formulare commenti, aggiungere i «like» e tutto ciò che fa di una semplice bacheca un luogo di incontro. Ci auguriamo che possa essere apprezzato!”.



26 Ago 2016
Ago 26 2016
01:07

Notizie da Vaccari

Ancora sei giorni per le spedizioni gratis

La promozione riguarda l’abbuono delle spese postali per l’acquisto presso la società Vaccari di oltre 50,00 euro in libri con recapito in Italia


Fino al 31 agosto

Oggi, il 27, il 28, il 29, il 30 ed il 31 agosto: ancora sei giorni per usufruire della promozione firmata Vaccari riguardante gli acquisti di libri, cataloghi e riviste di filatelia e posta, nuovi o d’occasione. “Sì, sono le ultime possibilità, poi torneremo alle condizioni normali”, confermano dall’azienda che riaprirà al pubblico con l’1 settembre.

“L’offerta riguarda articoli dal reparto editoriale, diretti in Italia, per oltre 50,00 euro, e questo indipendentemente dai ribassi sul listino in essere. Fino al termine di agosto sono numerosi i titoli scontatissimi, con riduzioni che raggiungono l’80%: i mercuriali che verranno sostituiti dalle nuove edizioni in autunno ed alcuni volumi che non saranno più presenti nella «Libreria filatelica». Gli ordini verranno evasi da giovedì prossimo, in base alla data di arrivo, così da premiare, davanti a pezzi unici con più richieste, coloro che hanno agito prima”.

“L’opportunità vale anche per i numeri arretrati di «Vaccari magazine», il nostro semestrale dedicato, da ormai quasi trent’anni, alla filatelia classica ed alla storia postale”.



29 Lug 2016
Lug 29 2016
00:49

Notizie da Vaccari

Più conveniente comprare libri in agosto

Spese di spedizione cancellate davanti ad acquisti di almeno 50,00 euro diretti in Italia. Cui si aggiungono i tagli ai prezzi di copertina

In vacanza, ma le spedizioni resteranno gratis per tutto il mese di agosto. Ad annunciarlo è, da Vignola (Modena), la società Vaccari. “Anche quest’anno -spiegano dagli uffici- abbiamo introdotto l’agevolazione per quanti desiderano fare spesa in tale periodo. L’offerta riguarda libri, da recapitare in Italia, per oltre 50,00 euro netti, cioè indipendentemente dai tagli in corso sui prezzi di copertina. A proposito dei quali, per i cataloghi che verranno sostituiti dalle nuove edizioni e per alcuni titoli che usciranno dalla disponibilità, fino al termine del prossimo mese gli sconti raggiungono anche l’80%. Di fatto, si tratta di un ulteriore risparmio, cui si sommano gli abituali omaggi, un premio in funzione della cifra registrata. Ed è il momento giusto anche per completare la propria collezione della rivista «Vaccari magazine», o per trovare quell’articolo che interessa grazie all’indice analitico, cercando tra i numeri arretrati”.

Le ordinazioni “saranno evase alla riapertura, cioè dall’1 settembre, tenendo presente l’ordine di arrivo; è un dettaglio importante davanti magari a copie uniche o disponibili in un limitato numero di esemplari”.



Per continuare a leggere "Vaccari news" cliccare sul pulsante "archivio notizie".



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366