Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria


Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

01 Giu 2011 - ore 18:17
Giu 01 2011
18:17

Emissioni Italia

“Un gesto simbolico, ma allo stesso tempo storico”

È uno dei concetti espressi oggi dal sottosegretario Alfredo Mantica alla presentazione del francobollo per il Museo nazionale dell’emigrazione italiana


La nuova carta valore, a disposizione con oggi

In vendita agli sportelli postali da oggi (ma in rete si poteva trovare perlomeno da ieri), il francobollo dedicato al Museo nazionale dell’emigrazione italiana è stato presentato in mattinata alla Farnesina. È per questo che Poste ha atteso fino all’ultimo per rivelare l’immagine. D’altro canto, i dettagli tecnici erano noti sin dal 24 maggio…

Il 60 centesimi riproduce il dipinto di Angiolo Tommasi (1858-1923), realizzato nel 1896 e intitolato “Gli emigranti”, ora custodito a Roma presso la Galleria nazionale d’arte moderna; nella vignetta compare anche il logo dello stesso Museo, struttura collocata al Vittoriano e inaugurata il 23 ottobre 2009. L’esemplare è tirato in due milioni e mezzo di esemplari.

A presentare il dentello è stato il sottosegretario Alfredo Mantica, che ha la delega per le politiche generali concernenti le collettività italiane all’estero. “È sicuramente -ha detto- un gesto simbolico, ma allo stesso tempo storico, oltre che umano e politico. Abbiamo voluto consacrare, proprio nel 2011, tramite la storia filatelica della nostra Repubblica, il ruolo e l’apporto che l’emigrazione italiana nel mondo ha dato al processo di unificazione della nostra amatissima Italia”. Promettendo che la carta valore sarà inviata a tutti i deputati e ai senatori, quasi fosse un invito a raggiungere la struttura, che “merita senz’altro una visita”.

L’immagine scelta -ha precisato fra l’altro il presidente della Commissione per lo studio e l’elaborazione delle cartevalori postali, Angelo di Stasi- ricorda lo spirito di intraprendenza e le amarezze che hanno contraddistinto l’emigrazione tricolore. Emigrazione che oggi si vive al contrario.

A rappresentare Poste italiane, sul palco vi era la responsabile per la filatelia, Marisa Giannini; ha sottolineato la fedeltà dei connazionali che vivono oltre confine verso il francobollo nostrano.

L’iniziativa -ha voluto aggiungere il segretario generale del ministero degli Affari esteri, Giampiero Massolo- è un altro “pezzo della collezione che sta mettendo insieme il Mae, nel quadro delle celebrazioni per il centocinquantesimo, per ricostruire la nostra identità nazionale”. Ammettendo poi come Poste sia “un veicolo d’eccellenza verso l’estero”.

L’annullo fdc ha visto come punto di riferimento lo spazio filatelia della capitale, mentre il bollettino illustrativo è dovuto al ministro Franco Frattini e allo stesso sottosegretario Alfredo Mantica.



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

 



http://www.vaccarinews.it/news/___Un_gesto_simbolico__ma_allo_stesso_tempo_storico___/10406