Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria


Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

27 Gen 2012 - ore 14:57
Gen 27 2012
14:57

Dall'estero

Capitani coraggiosi: Carlo Orlandi

“Giorno della Memoria”: la vicenda del battello “Pentcho”, di cui oggi rimangono alcune testimonianze postali. Ed un obiettivo…


Il capitano Carlo Orlandi

Avrà un seguito l’inconsueta avventura del “Pentcho”, e a riprenderla sarà Mario Rende dell’Università di Perugia. Non a caso, al suo attivo ha anche il saggio “Ferramonti di Tarsia. Voci da un campo di concentramento fascista”, edito tre anni fa da Mursia.

“Ho incontrato alcuni sopravvissuti”, conferma il professore a “Vaccari news”. “Il 15 febbraio sarò in Israele perché quel giorno loro e i discendenti si troveranno a Netanya attorno al monumento che ricorda la nave. L’obiettivo non è solo commemorare: si vogliono individuare gli eredi dell’equipaggio del «Camogli» che li salvò. Vorrebbero fare una cerimonia insieme, così da sottolineare l’eroismo dei padri”.

La vicenda risale al giugno del 1940 ed è citata anche da Gianfranco Moscati, per esempio nel libro “Documenti e immagini dalla persecuzione alla Shoah”. Al riguardo, il collezionista propone diversi materiali: alcuni sono invii postali diretti all’imbarcazione o comunque riferiti all’episodio.

Il “Pentcho” era una vecchia barca fluviale che, partendo da Bratislava, doveva portare fino in Palestina 520 giovani ebrei per salvarli dallo sterminio. Con molta fortuna, riuscì a percorrere l’intero Danubio, ma poi, essendo una vera “carretta del mare”, in ottobre naufragò nell’Egeo. I suoi profughi ripararono su un’isola deserta e priva di vegetazione, senza alcuna possibilità di sopravvivere a lungo. “Furono avvistati da una nave del Regno Unito, ma chi era a bordo preferì non intervenire, perché la zona era minata. Un aereo italiano li notò ed avvisò il comando. In loro soccorso giunse appunto la motonave militare «Camogli», comandata dal capitano Carlo Orlandi. Una figura ben diversa da quella, qualche giorno fa giunta alla ribalta, di Francesco Schettino, della «Concordia»!”.

“Orlandi e i suoi uomini superarono l’area pericolosa, recuperarono i superstiti portandoli a Rodi. Salvarono tutte le persone a rischio della loro stessa vita. Da Rodi, furono condotti a Ferramonti dove ebbero salva la pelle. Il comandante Orlandi, invece, non ebbe una buona sorte: a causa del suo gesto fu arrestato dai tedeschi e portato in un campo di concentramento in Germania, dove rimase fino alla fine della guerra. Per quello che ha fatto, avrebbe sicuramente il diritto di essere conosciuto e riconosciuto come «giusto fra le nazioni»”.



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

AUGURI DI BUON NATALE

Gli uffici saranno chiusi
dal 22 dicembre al 6 gennaio

BUONE FESTIVITÀ
A TUTTA LA NOSTRA
AFFEZIONATA CLIENTELA

 



http://www.vaccarinews.it/news/Capitani_coraggiosi__Carlo_Orlandi/11571