Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria






Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

14 Dic 2012 - ore 13:15
Dic 14 2012
13:15

Notizie dall'Italia

Documenti pubblici/1 L’interpretazione del Mibac

Dall’ufficio legislativo del dicastero per i Beni e le attività culturali, luce su un problema annoso che interessa direttamente i collezionisti

La mera circostanza che un documento sia indirizzato ad una Pubblica amministrazione, non può “per sé sola considerata, fondare una presunzione di attuale proprietà pubblica della cosa” e, ancora prima, non può neppure “far presumere che la cosa sia effettivamente stata inclusa in una pubblica raccolta archivistica alla quale sia stata illecitamente sottratta”. Occorre “il concorso di ulteriori elementi concordanti, idonei a dimostrare l’effettiva e attuale appartenenza allo Stato”.

Cinque lunghe e fitte pagine, scritte in un linguaggio tecnico, per contribuire a chiarire una situazione annosa, che si trascina da decenni. Portano la data del 22 novembre e provengono dall’ufficio legislativo, che fa capo al ministero per i Beni e le attività culturali, firmate dal suo responsabile, Paolo Carpentieri. Il punto di partenza è il quesito, sottoposto dalla Federazione fra le società filateliche italiane, “concernente la possibilità di presumere l’appartenenza alle pubbliche raccolte dei documenti indirizzati ai soggetti pubblici”.

Nel testo viene spiegato, fra l’altro, che “i documenti presenti negli archivi dello Stato e degli Enti territoriali hanno acquisito natura demaniale soltanto a seguito dell’entrata in vigore del Codice civile del 1942”.

Ogni registro o singolo fascicolo attraversa tre fasi, la cui durata specifica è variabile: in una il materiale rimane attivo, ossia “disponibile per l’ordinario e quotidiano svolgimento della «vita» stessa dell’istituzione”. Vi è poi un periodo di semiattività, nel corso del quale l’accesso presenta carattere più o meno sporadico. Infine, vi è la “storicizzazione”, con la quale l’oggetto è destinato -“previa effettuazione delle indefettibili operazioni di scarto”- alla conservazione. Le alienazioni, regolari, potrebbero incorrere già nella fase di vita ordinaria: trascurando i casi di sottrazione o soppressione di pubblici documenti, che presentano rilevanza penale, vi sono ipotesi del tutto normali, “come la non inclusione negli stessi fascicoli delle buste con le quali gli atti sono stati trasmessi”.

Non è quindi possibile trarre un principio generale, ma bisogna valutare il caso concreto, “alla luce della conoscenza della storia di ciascun archivio e della sua formazione”. Perché -conclude l’ufficio legislativo del Mibac- “deve ritenersi possibile l’esistenza di carte e documenti indirizzati a soggetti pubblici, sia risalenti all’epoca del Regno d’Italia che a quella degli Stati italiani preunitari, legittimamente possedute da soggetti privati, poiché è astrattamente plausibile: a) che tali carte siano state ritenute irrilevanti già al momento del loro utilizzo per l’attività corrente (circostanza certamente non inverosimile, ad esempio, con riguardo alle buste); b) che, ove ritenute irrilevanti in momenti successivi, a seguito di operazioni più o meno accorte di selezione e di scarto, non siano state destinate alla distruzione; c) che siano state disperse o sottratte in un momento diverso, ma antecedente all’entrata in vigore del Codice civile (quindi 1942, ndr), che ha attribuito alle raccolte archivistiche degli enti territoriali carattere demaniale, così sottraendole all’ordinario regime dell’usucapione”.



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

 



http://www.vaccarinews.it/news/Documenti_pubblici_1_L___interpretazione_del_Mibac/13369