Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria


Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

27 Mar 2013 - ore 10:21
Mar 27 2013
10:21

Notizie dall'Italia

Dopo i sequestri, i suggerimenti

Da Altroconsumo: cosa fare per tentare di recuperare gli importi non accreditati ed evitare ulteriori sorprese


L’intervento di Altroconsumo dopo i sequestri

Dopo la cronaca -settimana scorsa- dell’operazione “Lost pay”, l’intervento di Altroconsumo. “Le 72 agenzie di Posta più e Servizi postali, due società di servizi postali private sequestrate dalla Guardia di finanza, non avevano l’autorizzazione di Banca d’Italia per erogare servizi finanziari”, sintetizzano quanto è accaduto dal sodalizio. “E infatti i soldi delle bollette degli utenti non arrivavano a destinazione”.

Nel caso si sia pagato quanto dovuto ma la transazione non è giunta al corretto destinatario e la fornitura (di gas, luce, acqua…) è stata sospesa, si può parlare di truffa.

Una possibilità, in questo frangente, per i consumatori è costituirsi parte civile nei confronti dei responsabili in vista del processo penale, “che certamente partirà, per chiedere così anche un risarcimento dei danni subiti. Una strada che richiederà comunque del tempo”. Innanzitutto, però, meglio chiedere all’azienda erogatrice di riattivare la prestazione interrotta, rateizzando i versamenti e non applicando gli interessi di mora.

Prima di saldare una fattura presso un nuovo operatore, viene suggerito di verificare se è stato autorizzato. Secondo la ricerca compiuta dall’associazione, al dicembre scorso risultavano in regola: Cityposte payment (è una posta privata), Factorcoop (presente in alcuni supermercati Coop), Integra (nelle Coop fiorentine), Lottomatica Lis (tabaccherie abilitate), Pay tipper (è il supporto degli operatori attivi nei servizi postali privati), Pi4pay (tabaccherie), Sisal (tabaccherie). L’alternativa è la domiciliazione: “Poste italiane e la stragrande maggioranza delle banche non fa pagare questo servizio, quindi un risparmio di costi ma anche di tempo” perché, una volta attivata, la procedura diventa automatica.



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

 



http://www.vaccarinews.it/news/Dopo_i_sequestri__i_suggerimenti/14030