Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria







Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

26 Set 2013 - ore 19:21
Set 26 2013
19:21

Giornali, riviste e siti

Missive impossibili

Un’inchiesta d’antan pone gli stessi problemi di adesso: quante sono le corrispondenze che non è possibile consegnare al destinatario o, perlomeno, restituire al mittente?


Sconosciuto al portalettere

A conti fatti, si tratta di 1.058.167 lettere, 2.755.227 cartoline, 191.948 chilogrammi di stampe. Nell’ordine, i record per tipologia spettano a Milano (circa 200mila pezzi), Venezia (oltre 650mila), Roma (quasi 83mila chili). Sono i volumi di corrispondenza inesitata riguardanti l’intero 1962 e citati, mezzo secolo fa, dalla rivista “Poste e telecomunicazioni” nell’articolo “Sconosciuto al portalettere”. E questo su un totale che supera i 4 miliardi di oggetti.

A parte casi specifici, come le missive dirette “A Babbo Natale” e simili, “Alla Cicogna - Portami un fratellino”, “Al mio caro papà lontano”. Ed a parte gli scherzi (“A Napoleone Bonaparte - Corsica”, “Sig. Stradivarius - Cremona”), la ricerca sul territorio fece emergere un’ampia casistica in cui risultava difficile, se non impossibile, rintracciare il destinatario. A Piacenza -si legge nel testo- quasi giornalmente perviene una lettera diretta “Al signor Iddio essere supremo - Regno dei cieli”: non è affrancata, “ma se la franchigia spetta al papa…”. Un’altra, impostata a Torino, portava l’indicazione: “Si prega il postino di consegnarla ai primi due bei giovanotti che incontra per via Roma”.

Fin qui, le eccezioni. Allora, e probabilmente adesso, gli inconvenienti collegati alle inesitate erano dovuti soprattutto alla calligrafia illeggibile o al mancato completamento dell’indirizzo del destinatario, forse dovuto ad una distrazione. Come per la distrazione sono spiegabili gli invii regolarmente affrancati e privi di un qualsiasi recapito. Per non parlare delle informazioni parziali (specie per località quasi omonime), errate o fuorvianti: dati magari superati, con vie o località che non esistono, “a volte persino deformate dal mittente, incolto o straniero”. “E spesso manca addirittura ogni indicazione del nome e del cognome”. Ma quante cartoline vengono, dai turisti, imbucate in Italia con francobolli esteri?

Potrebbe aiutare l’indicazione del mittente, così da poter restituire il plico. Sempre che non risulti “La tua zia e nonna”, oppure “Te la manda tuo cugino Giovanni”…



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

ASTA PUBBLICA 6 aprile

VISIONE DEI LOTTI
a MILANOFIL

venerdì 22 e sabato 23 marzo
presso il nostro stand
Vi aspettiamo!

 



http://www.vaccarinews.it/news/Missive_impossibili/15061