Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria


Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

11 Set 2017 - ore 17:33
Set 11 2017
17:33

Notizie dall'Italia

Multe/2 Ma il futuro sarà elettronico

L’orientamento del Governo (che sta lavorando al “Codice dell’amministrazione digitale”) è utilizzare l’informatica per determinate attività. Fra cui la spedizione di sanzioni e bollette


Nuova spinta da parte dell’Esecutivo

Se, a determinate condizioni, qualsiasi operatore postale da oggi può consegnare notificazioni riguardanti gli atti giudiziari e le violazioni al Codice della strada (news precedente), il futuro della prestazione, in senso cartaceo, appare incerto.

L’8 settembre il Consiglio dei ministri ha approvato in esame preliminare, tra l’altro, un decreto legislativo che aggiorna il dlgs 179 del 26 agosto 2016 (“Modifiche ed integrazioni al Codice dell’amministrazione digitale, di cui al decreto legislativo 7 marzo 2005, n.82, ai sensi dell’articolo 1 della legge 7 agosto 2015, n.124, in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche”). L’obiettivo -spiegano da palazzo Chigi- è “accelerare l’attuazione dell’agenda digitale europea, dotando cittadini, imprese e amministrazioni di strumenti e servizi idonei a rendere effettivi i diritti di cittadinanza digitale”. Tra i punti di arrivo, attribuire a persone ed aziende “il diritto a una identità e a un domicilio digitale”. Ovvero: a regime anche le multe (insieme a comunicazioni e bollette) potrebbero arrivare per posta elettronica certificata o comunque attraverso strade informatiche.

Secondo l’Esecutivo -annotava ieri Marianna Di Piazza su “Il giornale”- il provvedimento “farà risparmiare solo agli enti locali circa 250 milioni l’anno, azzerando le spese postali”. Numerosi i vantaggi pure per il pubblico, “che vanno dal risparmio di tempo alla possibilità di utilizzare il domicilio digitale per le comunicazioni con valore legale anche tra privati”. Il sistema “partirà entro la fine dell’anno, ma verrà ultimato solo nel 2019”. Stando al calendario, fra due anni scatterà inoltre “l’obbligo del pagamento telematico anche per banche e uffici postali”.



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

 



http://www.vaccarinews.it/news/Multe_2_Ma_il_futuro_sar___elettronico/23371