Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria


Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

13 Gen 2018 - ore 10:50
Gen 13 2018
10:50

Giornali, riviste e siti

Germania/2 “Un cipiglio fiero e arcigno”

Così -sul “Bollettino filatelico” di un secolo fa- venne commentata la figura simbolica che dal 1900 compare nelle cartevalori tedesche

“La sostituzione della sola leggenda, però, non era sufficiente a mettere in evidenza le sfrenate ambizioni della casta militarista; occorreva qualche cosa di più tangibile e quindi -nell’aprile (in realtà da gennaio, ndr) del 1900- venne fuori la nuova serie, i cui soggetti, riconosciuti adatti ad esprimere la mentalità germanica, non furono più mutati sino a quest’oggi”. Venendo declinati in diversi nominali (gli ultimi sarebbero giunti nei primi anni Venti) e tornando alla dizione “Deutsche reich”. È in questo modo che prosegue il ragionamento di Bertramo Peiroli (news precedente), pubblicato nel numero del 15 gennaio 1918 dal “Bollettino filatelico” e riguardante le cartevalori del nemico tedesco. Perché si era ancora nella Prima guerra mondiale.

“Il tipo prescelto pei francobolli di piccolo taglio -dal 2 all’80 pfennig- destinati alle corrispondenze ordinarie, e quindi di maggiore uso universale, doveva significare al mondo la potenza del militarismo prussiano”. Ecco il soggetto “Germania”. Paul Waldraff, “al quale fu affidato l’incarico di eseguire il disegno secondo quel concetto ispiratore, prese a modella l’artista Anna Führing, le cui pletoriche fattezze le avevano allora procurato una grande notorietà. E la virago venne riprodotta col capo coperto della pesante corona imperiale, col petto fortemente corazzato, con la mano poderosa che impugna l’elsa di uno spadone enorme; lo spadone che doveva minacciare la pace e la tranquillità dei popoli! E a raffigurare, con la potenza, l’insensibilità del militarismo prussiano di fronte alle rovine che doveva cagionare purché le sue bieche mire fossero soddisfatte, si diede alla «Germania» un volto dai lineamenti duri ed un cipiglio fiero e arcigno” (continua).



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

 



http://www.vaccarinews.it/news/Germania_2____Un_cipiglio_fiero_e_arcigno___/24088