Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria


Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

31 Mar 2018 - ore 12:45
Mar 31 2018
12:45

Notizie dall'Italia

Pesaro Centro/3 C’è iscrizione ed iscrizione

Quella che ora campeggia in alto sulla facciata risale a mezzo secolo fa. Prima ve ne furono altre, una delle quali tratta dal “Discorso della lira” di Benito Mussolini


Il dettaglio, ora

Da notare -conclude il suo intervento riguardante l’ufficio postale Pesaro Centro, quello di piazza del Popolo 28, lo specialista Riccardo Braschi- l’iscrizione messa sull’attico della facciata. Costretto a prevederne la demolizione per motivi statici, all’inizio del Novecento Edoardo Collamarini progetta una nuova superficie con la seguente epigrafe: “Questa fronte eretta a decoro della piazza auspice il Comune e il Governo rispettando arte e storia venne trasformata in palazzo delle Poste nell’anno MCMXIII”. Però, la Giunta approva il testo inaugurale sottoscritto dal direttore della Biblioteca oliveriana, Ettore Viterbo, che recitava: “A maggior decoro e utile della città sulle rovine di un tempio e colla fronte di Luigi Poletti ridotta sorse questo palazzo delle Poste e dei telegrafi auspici il Municipio e lo Stato MCMXIII”.

Nel 1927 una delibera podestarile dispone di sostituire l’iscrizione con una delle frasi più salienti del celebre “Discorso di Pesaro” o “Discorso della lira”, pronunciato da Benito Mussolini il 18 agosto 1926 dal balcone del fabbricato. Si leggeva: “Difenderò la lira fino all’ultimo sangue, fino all’ultimo respiro. Non infliggerò mai al popolo italiano l’onta morale e la catastrofe economica del fallimento della lira”. Il direttore della locale Scuola d’arte, l’architetto Mario Urbani, progetta il nuovo testo ripartendolo su due settori divisi da un fascio littorio e decorandolo ai lati con due grandi figure muliebri sorreggenti cornucopie colme di monete. Tale sistemazione ha vita breve, in quanto il duce, transitando qualche tempo dopo da Pesaro, ne ordina la rimozione preferendole una più semplice, racchiusa ai lati da due fasci littori.

Alla caduta del regime tale versione è rimossa e per un ventennio la superficie rimane completamente spoglia. A metà degli anni Sessanta viene deciso l’attuale assetto con la realizzazione in caratteri metallici della scritta “Direzione provinciale Poste e telecomunicazioni” e l’inserimento al centro di un grande orologio, bordato di marmo, offerto dalla Cassa dei risparmi cittadina, che si assume anche gli oneri di gestione.

Nello stesso periodo la stampa dà ampio risalto alla proposta di un gruppo di cittadini per riedificare il campaniletto a vela originario, ma non se ne fa nulla (fine).



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

 



http://www.vaccarinews.it/news/Pesaro_Centro_3_C______iscrizione_ed_iscrizione/24502