Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria


Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

14 Mag 2018 - ore 17:22
Mag 14 2018
17:22

Notizie dall'Italia

Documenti/1 “Assolte” le diciotto lettere

Resa pubblica la sentenza riguardante la commerciante Susanna Darchini. Per il giudice, la barriera è al 1942, quando entrarono in vigore le norme specifiche inserite nel Codice civile


Il riferimento

Sequestri, è il momento per tirare le somme. Almeno per Susanna Darchini e Giovanni Valentinotti, coinvolti loro malgrado in contenziosi legali.

Per quanto riguarda la signora, titolare dell’esercizio filatelico, è stata resa pubblica la motivazione della sentenza, emessa il 7 febbraio dal Tribunale di Ravenna, con cui viene assolta dal reato di ricettazione in merito al sequestro operato, nel febbraio del 2013, di diciotto lettere poste in vendita su Ebay. “L’assoluzione -spiega il marito, appunto Giovanni Valentinotti- è stata piena e totale: per sedici documenti «perché il fatto non sussiste», in quanto non è possibile capire la loro provenienza e l’eventuale inserimento negli archivi storici pubblici”. Per i restanti, che due Archivi di stato avevano dichiarato come facenti parte delle loro raccolte senza peraltro darne la prova, “perché il fatto non costituisce reato”. Questo in quanto, non essendo stata fatta mai la denuncia di furto e scomparsa degli stessi, “manca la possibilità per il commerciante all’atto dell’acquisto di avere elementi di valutazione”.

“Il giudice ha ribadito che solo nel 1942 (quando entrarono in vigore le specifiche norme del Codice civile, ndr) lo Stato italiano ha classificato come demaniali gli archivi pubblici, per cui su materiale anteriore, in assenza di inventari precisi, non è possibile sapere se questo è stato scartato o alienato e quando”. Riferendosi alla circolare proveniente dalla direzione generale archivi che fa capo al ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo, sottoscritta il 5 ottobre 2017 dal direttore generale Gino Famiglietti, ma anche avendo presente la memoria difensiva, il giudice ha preso atto che, dal 1911 in poi, si sono definite procedure certe di scarto; quindi che queste carte possono essere state messe legittimamente sul mercato dalla Croce rossa, la quale era per legge destinataria dei materiali.

Dunque -conclude lo specialista- “si esprime nettamente il concetto che una lettera «ab origine» pubblica non mantiene il proprio carattere tout court, ma solo se è inserita o proviene (senza ombra di dubbio) da Archivi di stato o storici, al netto delle procedure di scarto. Quindi, solo in presenza di denunce di furto o di sparizione certificate e pubbliche si può procedere contro gli eventuali possessori di tali materiali” (continua).



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

 



http://www.vaccarinews.it/news/Documenti_1____Assolte____le_diciotto_lettere/24764