Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria


Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

11 Giu 2018 - ore 12:26
Giu 11 2018
12:26

Notizie dall'Italia

Trentadue pagine per il codice

Non si tratta del cap, ma di quello etico. Il gruppo Poste ha definito un nuovo documento che tutte le società collegate dovranno adottare


Indicazioni a tutto campo

Un documento da 32 pagine per raccontare l’approccio di Poste italiane davanti ai grandi temi. Sempre ritenendo che la nuova compagine governativa non sparigli l’assetto attuale (a proposito: tra i possibili amministratori delegati di Cassa depositi e prestiti, gira anche il nome di Massimo Sarmi, già sulla poltrona dove oggi siede Matteo Del Fante).

L’obiettivo del “Codice etico” -si legge- è “definire con chiarezza i valori e il ruolo sociale” con i quali il gruppo può “contribuire ai processi di coesione, inclusione e sostenibilità complessiva del territorio e delle comunità di riferimento”. Si rivolge agli amministratori, agli organi di controllo, al gruppo dirigente, a tutti i dipendenti e a coloro che operano, direttamente o indirettamente, stabilmente o temporaneamente, per raggiungere gli obiettivi previsti. Definisce le regole di comportamento da rispettare nell’espletamento delle attività professionali e fornisce le norme di condotta da seguire con i portatori di interesse.

I principi alla base richiamano concetti quali legalità, imparzialità ed equità, rispetto e valorizzazione delle persone, trasparenza e completezza, riservatezza, qualità, diligenza e professionalità. Un’ulteriore parte del testo esamina i criteri di comportamento e le relazioni con gli interlocutori; singoli approfondimenti sono dedicati a conflitto d’interessi, anticorruzione, doni e regalie, antiriciclaggio e antiterrorismo, tutela di salute, sicurezza e ambiente, salvaguardia della privatezza.

Più avanti ci si occupa dei rapporti con gli investitori ed il mercato, ma anche di quelli con pubblica amministrazione, associazioni, organizzazioni politiche e sindacali, comunità. Senza trascurare, ovviamente, gli approcci nei confronti di clienti, fornitori e partner nonché delle singole persone.

Sapendo che l’atto deve essere adottato da ciascun consiglio di amministrazione delle società facenti capo al gruppo e che ogni inosservanza “può portare all’attivazione di azioni legali e all’adozione di provvedimenti, nei confronti dei destinatari, in coerenza con le disposizioni di legge e con i previsti regimi contrattuali”.



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

 



http://www.vaccarinews.it/news/Trentadue_pagine_per_il_codice/24948