Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria


Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

02 Lug 2018 - ore 00:43
Lug 02 2018
00:43

Dall'estero

L’Ungheria ricorda la corazzata affondata

È la “Santo Stefano”, fatta colare a picco da due mas italiani il 10 giugno 1918. Budapest l’ha commemorata con un foglietto

Curioso che un Paese celebri postalmente una sconfitta. È capitato, ad esempio, all’Italia, quando, il 15 ottobre 1970, ricordò con due francobolli, da 20 e 50 lire, la partecipazione garibaldina alla Guerra franco-prussiana. Ma si trattava, soprattutto, di citare la battaglia di Digione, vinta dall’Eroe dei due mondi.

Il 29 giugno scorso si è assistito ad una di queste inconsuete commemorazioni. Proviene dall’Ungheria e riguarda un fatto importante della Prima guerra mondiale, quando, nei pressi dell’isola di Premuda, in Dalmazia, due motoscafi armati siluranti, i mas, del comandante Luigi Rizzo, affondarono la corazzata “Santo Stefano”. La nave, entrata in servizio nel novembre del 1915, restò per la maggior parte del tempo ancorata a Pola, impegnata soprattutto in attività di difesa antiaerea, perché i nemici bloccavano lo stretto di Otranto,“imprigionando” la flotta nell’Adriatico. La notte del 9 giugno 1918, senza luna, era stato programmato un nuovo tentativo di forzare la via, invano. L’attacco venne registrato nelle prime ore del giorno seguente; costò la vita ad 89 delle 1.087 persone imbarcate. Di fatto, chiuse le operazioni nautiche asburgiche.

La carta valore, da 800 fiorini, è in foglietto, disponibile sia dentellato, sia non (in questo caso ha pure la numerazione rossa). Il lavoro è dovuto ad Imre Benedek: propone due immagini della protagonista, in viaggio e -nel francobollo- mentre sta per affondare.



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

CHIUSURA ESTIVA

Uffici chiusi da lunedì 6 a venerdì 31 agosto.

Nel periodo di chiusura approfitta delle spese di spedizione GRATIS!
È possibile inviare gli ordini, che verranno evasi in ordine di arrivo alla riapertura.

Buone vacanze a tutti.

 



http://www.vaccarinews.it/news/L___Ungheria_ricorda_la_corazzata_affondata/25089