Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria


Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

13 Set 2018 - ore 15:52
Set 13 2018
15:52

Libri e cataloghi

Il “caso Montesi” visto da un’altra prospettiva

La partenza sono le ventisette lettere che Leone Piccioni invia nel 1954 al fratello Piero, accusato per l’omicidio della donna ed incarcerato


Vicenda che fece epoca

Il “film” principale del racconto si sviluppa dal 23 settembre al 27 novembre 1954, cadenzato da ventisette missive scritte un giorno sì ed un giorno no. Il mittente è Leone Piccioni; il destinatario risulta suo fratello Piero, recluso nel carcere romano di Regina Cœli poiché accusato dell’omicidio di Wilma Montesi.

In realtà, come poi si dimostrò, l’unica sua “colpa”, oltre a quella di essere un musicista che amava il jazz, fu di risultare il figlio di Attilio Piccioni, tra gli ultimi rappresentanti del Partito popolare, padre fondatore della Repubblica oltreché della Democrazia cristiana. Naturale successore di Alcide De Gasperi, era un “ingombro” di cui qualcuno, forse, voleva disfarsi.

Il carteggio, emerso dagli archivi familiari e per la prima volta reso pubblico (pur se filtrato dalla censura carceraria), è curato da Gloria Piccioni. Consente uno sguardo diverso, più intimo, lontano dai clamori della cronaca, sul “caso Montesi”, uno scandalo che travolse la politica italiana del periodo. “Fu la chiave di volta -annotano dalla casa editrice, Polistampa- di un cambiamento del modo di fare e di concepire la politica e del ruolo della magistratura, e che ha lasciato ferite aperte ancora oggi”.

Introdotto da Stefano Folli, il libro, citando l’indirizzo della casa circondariale, s’intitola “Lungara 29 - Il «caso Montesi» nelle lettere a Piero”. Racchiude inoltre due ritratti del famoso padre, firmati da Indro Montanelli e Giovanni Spadolini. Conta 200 pagine con illustrazioni in bianco e nero; prezzo di copertina: 16,00 euro.



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

 



http://www.vaccarinews.it/news/Il____caso_Montesi____visto_da_un___altra_prospettiva/25457