Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria






Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

31 Gen 2009 - ore 02:09
Gen 31 2009
02:09

Notizie dall'Italia

Quando la posta finisce in... Archivio

Un pool di “archeologi” impegnato nell’individuare e preservare la documentazione del passato


La responsabile dell'area relazioni pubbliche di Poste italiane, Daniela Deiana

La sede di Venezia, competente per tutto il Nord-Est, e quella di Torino, che invece si occupa del Nord-Ovest, sono due anelli della stessa catena. Emanazioni territoriali di quell’Archivio storico di Poste italiane che trova a Roma, in piazza Bologna, la sede centrale.

Se il vecchio edificio razionalista è in fase di ristrutturazione, al primo piano il lavoro dell’Archivio storico, che ha cominciato a muovere i primi passi nel 2002, prosegue. Qui è raccolta una parte del materiale ritrovato. Ma, soprattutto, è qui che si lavora per sviluppare il progetto: conservare e valorizzare la memoria storica dell’azienda, che nel caso di Poste italiane è un patrimonio particolarmente prezioso. La struttura postale nazionale -spiega a “Vaccari news” la responsabile dell’area relazioni pubbliche, Daniela Deiana- “è nata con l’Unità ed ha accompagnato il nostro Paese lungo tutta la sua storia, contribuendo in modo significativo alla sua crescita economica e sociale. Ma il valore del patrimonio storico e dell’Archivio che se ne prende cura va al di là di questi aspetti, pur importanti: se i prodotti del bancoposta riscuotono un grande successo, ad esempio, è anche per l’immagine di solidità e affidabilità legata al marchio Poste italiane... Conservare e valorizzare la memoria del passato, insomma, è importante per costruire un futuro migliore; non a caso, tutte le grandi aziende dedicano attenzione e risorse a questo proposito, con strutture e fondazioni create allo scopo”.

L’ufficio che gestisce l’Archivio è diretto da Mauro De Palma. Ne fanno parte Pietro Antonimi, Paolo Arduini, Carla Di Vetta e Aurora Fratini i quali operano a Roma, nonché Fulvio Crivellari e Mario Coglitore che lavorano, rispettivamente, a Torino e a Venezia. Ognuno, pur seguendo tutte le attività, si dedica in maniera particolare ad un settore specifico, in ragione del proprio percorso formativo e di precedenti esperienze professionali: Antonini si occupa di opere d’arte e palazzi storici, Arduini di filmati, Di Vetta di fotografie, Fratini di libri, Coglitore di documenti e storia postale, Crivellari di oggetti e strumenti di lavoro.



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

 



http://www.vaccarinews.it/news/Quando_la_posta_finisce_in____Archivio/6412