Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria




Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

06 Lug 2009 - ore 11:41
Lug 06 2009
11:41

Emissioni Italia

Il... colpaccio di Poste italiane

La “P” dorata sostituita dalla busta tricolore. Persa l’occasione per promuovere il Paese e le potenzialità comunicative del francobollo

Non era mai successo prima, almeno nelle ordinarie. E nei commemorativi solo quando aveva una precisa logica, ossia nel momento in cui Poste italiane (allora ente pubblico economico) nacque ed occorreva farne conoscere l’esistenza. In seguito, sostanzialmente, il logo dell’attuale società per azioni è comparso solo sui margini dei foglietti, e comunque a sproposito. Perché i francobolli restano di competenza del ministero allo Sviluppo economico, mentre la spa -dice il contratto di programma- sostiene “i costi di progettazione e di stampa delle carte valori postali” e “cura la loro distribuzione e commercializzazione”. Punto.

Considerando che l’ordinaria ha un uso prolungato nel tempo e siamo a due anni dalla liberalizzazione, Poste italiane, facendo inserire il proprio logo nelle vignette, dal punto di vista aziendale ha ottenuto un brillante risultato. Ad uscirne sconfitti sono il ministero e quanti attendevano la serie per promuovere, con soggetti gradevoli, variati e d’impatto, l’Italia, le sue bellezze e le potenzialità di comunicazione che ancora oggi il francobollo conserva. Tanto da essere definito, in più di una cerimonia ufficiale, un “monumento di carta”.

A conti fatti, la dorata e noiosa “P” nelle sue numerose varianti, che il 14 giugno 1999 -il giorno del debutto- aveva un senso, perché promuoveva il nuovo servizio prioritario, è stata sostituita con la busta e le scie tricolori, che come concetto tanto ricorda il vecchio logo di Poste italiane ideato da Franco Maria Ricci.

Per ora la serie “Posta italiana”, i cui bozzetti sono stati rivelati soltanto pochi minuti fa, si compone di quattro francobolli calcografici (tagli da 0,60, 1,40, 1,50 e 2,00 euro), autoadesivi, fustellati, con microscrittura di sicurezza, carta non fluorescente e fogli da cinquanta. È abbinata ad una cartolina da 60 centesimi. Sarà disponibile il 7 luglio con annullo fdc allo spazio filatelia di Roma.



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

 



http://www.vaccarinews.it/news/Il____colpaccio_di_Poste_italiane/7190