Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria
ASTA PUBBLICA 23 giugno

VISIONE DEI LOTTI
a VERONAFIL

venerdì 25 e sabato 26 maggio
presso il nostro stand
Vi aspettiamo!



Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

25 Mag 2018
Mag 25 2018
00:41

Notizie da Vaccari

Antichi Stati e Risorgimento in asta

Numerosi i lotti che il 23 giugno saranno proposti sul mercato. La lente su alcuni di essi. Oggi e domani la possibilità di esaminarli a “Veronafil”


Il lotto 361…

“Oggi si apre «Veronafil» ed avremo il materiale scelto per l’asta del 23 giugno con noi, ad esclusione di alcuni degli articoli più ingombranti”, ricordano dalla società Vaccari, che resterà in Fiera anche domani. “Tutto, comunque, potrà essere esaminato presso la nostra sede di Vignola (Modena), dal 20 giugno su appuntamento. Nel frattempo, i lotti sono consultabili anche dal sito, dove le descrizioni, di cui parte integrante sono le immagini, sono state eseguite da Paolo Vaccari, ad eccezione della sezione dedicata alla posta aerea, curata da Silvia Vaccari. Quanto alle offerte, saranno accettate fino alle ore 17 del 22, ricordando che per chi acquista non vi sono commissioni (normalmente dal 20% al 22%) sul prezzo di realizzo”.

Complessivamente, le voci risultano 1.213 ed una buona parte di queste è dedicata al “cavallo di battaglia” dell’azienda, vale a dire Antichi Stati e Risorgimento.

“È difficile sintetizzare in poche parole quanto sarà in vendita; non mancano i pezzi importanti, ma anche quelli in grado di accontentare un po’ tutte le tasche”.

Tra i primi, ecco il 15 centesimi del III tipo rosso su carta vergata di Lombardo-Veneto usato (lotto 48, 5.000 euro), il 40 azzurro scuro di Modena nuovo con punto dopo la cifra e, unico esemplare noto, l’errore di composizione “Cen. t40” (83, 5.000), il 5 verde della II emissione di Sardegna nuovo (258, 3.800), l’1 grano bruno ruggine di Sicilia senza gomma della I tavola, I stato, con ritocco che il Sassone indica come R7 (313, 6.000), il 60 crazie scarlatto scuro su carta grigia azzurrata di Toscana usato (361, 6.500).

Quanto al capitolo risorgimentale, ecco, sempre quali esempi, alcuni reperti che riguardano il Veneto e il Mantovano nel 1866, tra cui l’invio da Rovigo a Cagliari del 15 luglio: era il giorno della liberazione dagli austriaci e naturalmente porta ancora i francobolli di Lombardo-Veneto, un 3 soldi verde ed un 5 rosso (sarebbero stati validi fino al 19 del mese); insieme, formano il Tricolore. Proviene dalla ex collezione di Albino Bazzi (407, 4.500). Oppure la raccomandata da Dolo a Mestre del 2 settembre seguente: scritta e partita dalla Venezia asburgica, fu portata clandestinamente a Dolo (già italiana) ed arrivò a Mestre il giorno dopo, risparmiando la via di Svizzera; è affrancata con sette tagli da 20 centesimi su 15 (due al verso) secondo l’appena conclusa convenzione (430, 7.500).



24 Mag 2018
Mag 24 2018
19:32

Notizie dall'Italia

Enrico Menegazzo entra in filatelia

È il nuovo responsabile commerciale della funzione guidata da Fabio Gregori. Nel suo passato aziendale, diverse presentazioni di francobolli ed annulli


Enrico Menegazzo

Una discreta visita all’ultima edizione di “Milanofil” e ieri sera l’annuncio ufficiale. Nel gruppo di lavoro che a Poste italiane fa riferimento alla funzione filatelia, è entrato Enrico Menegazzo. È il nuovo responsabile commerciale, carica per qualche tempo gestita direttamente dall’interlocutore apicale, Fabio Gregori, in quanto il precedente titolare, Andrea Alfieri, era stato messo al vertice del marketing per la medesima struttura.

Ad Enrico Menegazzo il mondo dei francobolli e degli annulli speciali non è del tutto sconosciuto, avendolo frequentato soprattutto quando ha fatto il responsabile territoriale del Nord-Est e poi della Lombardia. In cronaca viene citato diverse volte, ad esempio quando fu inaugurata la prima sede dello spazio filatelia di Venezia (12 dicembre 2006), per la presentazione delle cartevalori riguardanti Concetto Marchesi (1 ottobre 2007), la Biblioteca pinacoteca dell’Accademia ambrosiana di Milano (21 settembre 2009), Federacciai (28 giugno 2010), i Campionati del mondo di pallavolo maschile (14 settembre 2010). Oppure per le inaugurazioni dei rinnovati uffici Bergamo Centro (15 aprile 2010) e Brescia Centro (11 novembre 2011).

Poi il passaggio ad altri incarichi, fra i quali la responsabilità delle vendite rivolte a grandi imprese e pubbliche amministrazioni dell’area Centro Italia.



24 Mag 2018
Mag 24 2018
16:57

Pubblicità redazionale

  Sposalizio del mare a Cervia e Festa della Sensa a Venezia

Da Poste Italiane due folder filatelici dedicati agli importanti eventi entrambi celebrati nel mese di maggio


Lo Sposalizio del mare è una festa che si celebra a Cervia (RA) il giorno dell’Ascensione, quest’anno domenica 13 maggio, un antico rito risalente al 1445. L’evento riunisce e unisce tutta la città nella speranza che l’anello gettato dal Vescovo in mare venga ripescato, segno di buon presagio.

Filatelia ha realizzato un annullo filatelico e un folder. Il folder, in formato A5 a due ante, contiene due cartoline filateliche dedicate all’evento affrancate con due francobolli uno dedicato al “150º anniversario dell’istituzione della Guardia Costiera” e l’altro al “Corpo delle Capitanerie di Porto”. Sono stati realizzati 6.500 esemplari. Costo 7€. La copertina riporta il Canale del Porto di Cervia; in primo piano “la fede” simbolo della manifestazione “Sposalizio del mare”.

La Festa della Sensa è un’antica tradizione veneziana che celebra l’unione della città con il mare. Quest’anno si è svolta dal 12 al 13 maggio 2018. Un omaggio alla città, alla storia e al mare, la cerimonia dello Sposalizio tra Venezia ed il mare si ripete ogni anno con questa festa tradizionale la prima domenica dopo il giorno dell’Ascensione attirando folle di visitatori e turisti fin da quando il doge Pietro Orseolo inaugurò l’usanza nell’anno 1000.

Anche per questo importante evento è stato realizzato un annullo e un folder filatelico. Il folder, in formato A4 a tre ante, contiene una cartolina affrancata con il francobollo “Unesco- Ponte di Rialto”, un intero postale affrancato con il francobollo della serie Piazze d’Italia (Piazza San Marco) e un foglietto erinnofilo con una tiratura di 8.000 esemplari e in vendita al costo di 20€.

Disponibili in tutti gli uffici postali con sportello filatelico distribuiti sul territorio nazionale e negli Spazio Filatelia di Roma, Roma1, Milano, Torino, Venezia, Verona, Trieste, Genova, Firenze e Napoli e on-line sul sito di poste.it.



24 Mag 2018
Mag 24 2018
14:34

Emissioni Italia

“Uno dei luoghi centrali della cultura italiana”

È in questo modo che il direttore artistico, Luca Barbareschi, definisce il teatro Eliseo, destinatario di un francobollo. La carta valore è stata emessa oggi nel secolo della struttura


Il francobollo…

La calcografia consente quasi sempre dei buoni risultati, ed anche questa volta l’esito appare positivo: è l’omaggio, lavorato da Rita Fantini, per il centenario del teatro Eliseo. La vignetta raffigura le facciate esterne dello stesso e dell’adiacente Piccolo, incorniciate da un sipario aperto. Se si vuole, la scena risulta un po’ spettrale e non veritiera, dato che via Nazionale rappresenta una fra le strade più trafficate, da auto e pubblico, di Roma.

Il francobollo, valore 95 centesimi, ha debuttato questa mattina, con annullo allo spazio filatelia di piazza San Silvestro 20. Inquadrato nel modulo “Il patrimonio artistico e culturale italiano”, risulta autoadesivo; i fogli sono da ventotto, la tiratura giunge a quota quattrocentomila.

Le sue due sale -annota il direttore artistico, Luca Barbareschi- “hanno ospitato il grande teatro italiano del ‘900 diventando in poco tempo uno dei luoghi centrali della cultura italiana”. Tra i protagonisti che ne hanno scritto la storia figurano Eduardo De Filippo, Rossella Falk, Vittorio Gassman, Anna Magnani, Marcello Mastroianni, Paolo Stoppa, Luchino Visconti, Monica Vitti, “solo per citarne alcuni”. Oggi, portando avanti il progetto culturale definito nelle ultime stagioni, la struttura ha rinnovato la proposta, incentrando il suo impegno sulla nuova drammaturgia, sulla rivisitazione dei classici, utili a reinterpretare meglio la contemporaneità, sulla sperimentazione di linguaggi innovativi. Agli storici palcoscenici si è aggiunto un ulteriore ambiente, l’Off, destinato alla messa in scena di testi e alle sperimentazioni di giovani compagnie. Il complesso è ora più simile ad un centro polifunzionale, aperta tutto il giorno e tutti i giorni, capace di trattare, ad esempio, arte, estetica, letteratura, mitologia, robotica, scienza, storia, teatro e poi musica, dalla classica alla jazz.



24 Mag 2018
Mag 24 2018
12:08

Libri e cataloghi

Le missioni militari prima e dopo la Grande guerra

Alberto Caminiti cataloga, dal punto di vista storico e postale, le iniziative sabaude e poi italiane registrate all’estero tra il 1825 ed il 1940


Dal 1825 al 1940

Anche i collezionisti si interessano alle spedizioni oltre confine svolte dai soldati. Specie nel momento in cui esistono tracce postali. In tale contesto, ecco l’ultimo libro di Alberto Caminiti, intitolato “Le missioni militari all’estero dell’Armata sabauda e del Regio esercito (1825-1940)”.

Edito dal Centro italiano filatelia resistenza, raccoglie articoli dell’autore e di altri, dando loro una veste organica. Conta 144 con immagini anche a colori; il prezzo è di 25,00 euro (libri@libreriafrasconigenova.it).

Il lavoro descrive tutte le operazioni note nella fascia temporale indicata, cominciando dalla battaglia navale di Tripoli, andando alla ben più nota Guerra di Crimea, quindi a Creta, Pechino e ai non pochi interventi registrati nei primi decenni del Novecento. Ovviamente passando da quelli indotti per la fine della Grande guerra, come occupazioni e presenze per garantire i plebisciti. Ogni capitolo offre una parte storica ed una iconografica: in quest’ultima non mancano, quando disponibili, francobolli, annulli, cartoline e corrispondenze.



24 Mag 2018
Mag 24 2018
10:12

Appuntamenti

Una coppia di uguali

Il rapporto fra George Sand ed Alfred de Musset esaminato attraverso le missive che si scambiarono. L’appuntamento a Verona il 28 maggio

È il giugno del 1833 quando George Sand ed Alfred de Musset si incontrano per la prima volta. La scrittrice è famosa per la pubblicazione di “Indiana” e per alcune scelte che la mostrano “donna pensante”, moderna e libera. Lui è il prototipo dell’artista genio e sregolatezza: dissolutezze, vizi e scrittura, splendida scrittura che affascina tutti. Si è in pieno Romanticismo, ma la coppia lo incarna in modo speciale: la relazione, infatti, sembra giocarsi in un inedito e moderno rapporto cameratesco. Una coppia di uguali insomma, quanto a forza, fama, prestigio, se non addirittura a talento. I due si prendono e si lasciano, si riprendono e si perdono definitivamente.

Le epistole che testimoniano la loro storia esprimono vertici di intensità passionale attraverso un’arte della parola incomparabile. Insomma, “Perduti, inondati d’amore”, come sintetizza il titolo dell’appuntamento, inserito nella rassegna “Lettere d’amore”.

L’incontro si svolgerà il 28 maggio alle ore 18.30 presso il foyer del teatro Nuovo di Verona (è collocato in piazza Viviani 10, biglietto 3,00 euro). Introdotto da Marco Ongaro e Laura Colombo dell’Università cittadina, prevede letture di Rossana Valier e Paolo Valerio; sarà accompagnato da musica e videoproiezione. Vede il patrocinio del Comune nonché la collaborazione garantita da Club di Giulietta ed Istituto internazionale per l’opera e la poesia. Rappresenterà l’occasione per ricordare la francesista Annarosa Poli, studiosa della Sand e scomparsa nel 2016.



24 Mag 2018
Mag 24 2018
00:20

Dall'estero

Tra eroi, soldati ed orfani

La Francia si prepara alla manifestazione “Paris-philex” annunciando non poche nuove emissioni. Tre si riferiscono ancora alla Prima guerra mondiale


L’etichetta Lisa

La Francia si sta preparando alla manifestazione collezionistica “Paris-philex”, in programma dal 7 al 10 giugno presso Paris expo e, fra le diverse attività, non mancano le purtroppo abbondanti emissioni. Alcune di esse citano ancora una volta la Grande guerra: tre i titoli in argomento, che debutteranno nel giorno di apertura del salone.

Il primo s’intitola “Memoria di eroi” ed è composto da otto pre personalizzati inseriti in un raccoglitore (15,00 euro), validi per le spedizioni di primo porto dirette in tutto il mondo. Vi hanno lavorato Paul Flickinger e, per l’impaginazione, l’agenzia Huitième jour. Uno dei soggetti è simbolico, gli altri invece propongono personaggi che allora si distinsero: il militare più decorato Albert Roche, l’informatrice Émilienne Moreau, il pilota di aerei da caccia Roland Garros, la scienziata impegnata come radiologa vicino al fronte Marie Curie, lo scrittore in armi Maurice Genevoix, il pittore che si specializzò nel camuffamento André Mare ed il mezzofondista morto nel conflitto Jean Bouin.

Lo stesso Paul Flickinger ha realizzato l’etichetta Lisa, raffigurante i visi di quattro simbolici “poilus”, com’erano chiamati i fanti.

Ancora più impegnativa economicamente è la terza voce. Riprende la serie “Orfani di guerra” emessa tra il 1917 ed il 1919, trasformando i nominali degli otto dentelli di allora in moneta attuale: due sono da 1,00, due da 2,00, tre da 3,00 e l’ultimo da 15,00; totale: 30,00 euro! All’epoca vi lavorarono Louis Dumoulin per le immagini e Léon Ruffé per le incisioni (fa eccezione l’1,00 verde che, invece, porta i nomi di Gustave Surand e Jarraud); ora sono stati impaginati da Valérie Besser.



23 Mag 2018
Mag 23 2018
19:31

Appuntamenti

La saga dei Tasso scende a Bergamo

Il 26 maggio alle ore 17 conferenza al palazzo del Podestà, in Città Alta. Due i relatori: Tarcisio Bottani e Maria Mencaroni Zoppetti

Il successo dei Tasso nel realizzare la rete delle Poste moderne europee? Dipese dal fatto che il loro servizio fosse veloce ed efficiente; si basava sul sistema delle staffette che consentiva di percorrere lunghe distanze in tempi relativamente brevi. Ad esempio, il tragitto tra Bruxelles e Parigi era coperto in trentasei ore.

È il tema di fondo che verrà affrontato alle ore 17 del 26 maggio a Bergamo presso il palazzo del Podestà: si trova in piazza Vecchia, quindi in Città Alta. Titolo: “Per staffetta, volando… In viaggio con le poste dei Tasso agli inizi del Cinquecento”. L’ingresso è libero.

Al tavolo, il presidente del Centro storico culturale valle Brembana e responsabile dei servizi educativi al Museo dei Tasso e della storia postale di Camerata Cornello, struttura tra gli organizzatori dell’appuntamento. È Tarcisio Bottani, autore di diversi studi sulla famiglia: sarà presentato, tra l’altro, il suo ultimo libro, “Francesco Tasso e la nascita delle Poste d’Europa nel Rinascimento”. Interverrà inoltre la presidente dell’Ateneo di scienze, lettere e arti cittadino, Maria Mencaroni Zoppetti.

Verrà delineata la figura di Francesco, nonché dei suoi fratelli e nipoti. Operando giorno e notte, in condizioni spesso difficili, tra guerre e intrighi politici, seppero raggiungere posizioni di prestigio alla corte asburgica, ottenendo ricchezza e titoli nobiliari. E dando origine ad una dinastia di mastri generali di posta destinata a durare secoli.



23 Mag 2018
Mag 23 2018
17:20

Pubblicità redazionale

  Unificato, un catalogo migliorato. E “Storie di Posta”, n.17

“Monete e cartamoneta”, con 82 anni di emissioni in più ma sempre a € 19,50


“Storie di Posta” n.17, un numero davvero insolito

Mentre Veronafil raggiunge il traguardo delle 130 edizioni, l’Unificato propone ancora una volta un catalogo migliorato e ampliato, senza toccare il prezzo di copertina. Cosa che, di questi tempi, ha una bella importanza! Ecco quindi che nelle giornate scaligere verrà presentato il nuovo “Monete e cartamoneta”, edizione 2018-19, che per la prima volta arriverà a comprendere le emissioni dei Savoia fino a quelle di Amedeo II, ovvero facendo un balzo all’indietro di ben 82 anni. E sempre a meno di 20 €, in modo tale da permettere a tutti collezionisti di tenersi aggiornati - non solo sulle quotazioni di mercato - senza dover spendere molto.

E poi il n.17 di “Storie di Posta”, la più bella rivista di filatelia edita in Italia, sicuramente fra le più ammirate ed interessanti al mondo. Fra i tanti, ci piace citare l’articolo sulla posta militare italiana in Cecoslovacchia, di Emilio Simonazzi, e l’inedita e corposa trattazione della posta carceraria tra storia e cronaca, opera di Danilo Bogoni. Oltre ad altri importanti articoli di Luraschi, Filanci e Cataldi, le consuete ma sempre inconsuete rubriche e gli stimolanti editoriali. Il tutto, come ogni sei mesi, a soli 18 €.

Tutte le pubblicazioni di CIF-Unificato sono disponibili allo stand 123 G di Veronafil.



23 Mag 2018
Mag 23 2018
15:14

Notizie dall'Italia

Ad Abbiategrasso la nuova partenza

La diciottesima tappa del “Giro d’Italia” comincerà dalla cittadina del Milanese per raggiungere Prato Nevoso. Pronto l’annullo speciale


Domani da Abbiategrasso

Come si chiamano gli abitanti di Abbiategrasso? Semplice, abbiatensi. Casomai non lo si fosse saputo, arriva in aiuto l’annullo speciale che l’Associazione filatelica numismatica attiva nella cittadina del Milanese (è l’Afna) ha richiesto per il 24 maggio.

Nonostante la data “storica”, non vi sono riferimenti alla Prima guerra mondiale. I residenti, infatti, saranno impegnati con i ciclisti del “Giro d’Italia”. I concorrenti della gara, giunti alla diciottesima tappa, partiranno da qui per raggiungere, dopo 196 chilometri di pianura Padana e Langhe, Prato Nevoso, frazione del comune di Frabosa Sottana, in provincia di Cuneo.

Ecco perché gli addetti di Poste italiane cominceranno a lavorare di primo mattino, per la precisione alle ore 9, e proseguiranno sino alle 15. Il riferimento per presentare buste e cartoline verrà collocato in piazza Castello. Nel manuale figurano un atleta in bici e la campana civica dedicata a santa Rosa da Lima, presente sul palazzo Comunale.Come si chiamano gli abitanti di Abbiategrasso? Semplice, abbiatensi. Casomai non lo si fosse saputo, arriva in aiuto l’annullo speciale che l’Associazione filatelica numismatica attiva nella cittadina del Milanese (è l’Afna) ha richiesto per il 24 maggio.

Nonostante la data “storica”, non vi sono riferimenti alla Prima guerra mondiale. I residenti, infatti, saranno impegnati con i ciclisti del “Giro d’Italia”. I concorrenti della gara, giunti alla diciottesima tappa, partiranno da qui per raggiungere, dopo 196 chilometri di pianura Padana e Langhe, Prato Nevoso, frazione del comune di Frabosa Sottana, in provincia di Cuneo.

Ecco perché gli addetti di Poste italiane cominceranno a lavorare di primo mattino, per la precisione alle ore 9, e proseguiranno sino alle 15. Il riferimento per presentare buste e cartoline verrà collocato in piazza Castello. Nel manuale figurano un atleta in bici e la campana civica dedicata a santa Rosa da Lima, presente sul palazzo Comunale.

Aggiornamento del 24 maggio 2018: sullo stesso confronto, un ulteriore manuale verrà impiegato il 25 maggio a Bardonecchia (Torino), dalle 11 alle 17 presso l’Ufficio turistico di piazza De Gasperi.



Per continuare a leggere "Vaccari news" cliccare sul pulsante "archivio notizie".



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366