Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria


Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

16 Lug 2018
Lug 16 2018
17:52

Dall'estero

Pastori e pellegrini lungo lo strada

Dalla Spagna francobollo per il “camino de la lana” un percorso poco conosciuto ma che si intende promuovere. E la carta valore dà il suo contributo


Da valorizzare

Da Alicante e Valencia verso Burgos, è il “camino de la lana”, segnalato dalla Spagna oggi attraverso un francobollo inserito nella serie “Tradizioni e costumi”; risulta in vendita a 1,35 euro.

Si tratta di un percorso seguito dagli animali, ma pure da allevatori, tosatori e commercianti specializzati lungo il XVI ed il XVII secolo. Vi erano anche i pellegrini, documentati già nel 1624 e nel dentello segnalati dallo zaino appoggiato al monumento eretto a Monteagudo de las Salinas (da notare, sul vicino bastone, la presenza della conchiglia, richiamo a san Giacomo il Maggiore).

L’itinerario attraversa lande, città e paesi che meritano di essere scoperti per gli aspetti naturali, storici e culturali. L’emissione contribuisce a riscoprire la strada, peraltro ora poco nota e destinataria di progetti tesi a valorizzarla.



16 Lug 2018
Lug 16 2018
15:31

Emissioni Italia

Non solo il ritratto

Per Giovanni Guareschi ci sarà anche la firma, applicata su una pagina originale relativa ad un racconto inedito: protagonisti, don Camillo e Peppone

Non più il solo ritratto, già impiegato nel 60 centesimi emesso l’1 maggio 2008 nel centenario dalla nascita. Questa volta è associato alla firma autografa, posta in evidenza su una pagina originale, dattiloscritta dallo stesso scrittore, giornalista ed umorista. Riguarda un racconto inedito, che vede al centro don Camillo e Peppone; il reperto è tratto dall’archivio lui intitolato ed esistente a Roncole Verdi (Busseto, provincia Parma). La molteplicità di dettagli ricorda un po’ l’1,40 euro sammarinese, emesso il 22 agosto di dieci anni fa.

Così, il 21 luglio l’Italia rammenterà Giovanni (o Giovannino) Guareschi nel mezzo secolo dalla morte, avvenuta il 22 luglio 1968; per l’obiettivo ha coinvolto la bozzettista Silvia Isola. Il tributo (appartiene alla serie “Il patrimonio artistico e culturale italiano”) sarà autoadesivo, organizzato in fogli da ventotto e tirato addirittura in un milione di esemplari. Quest’ultimo dettaglio è spiegato dalla tariffa, sintetizzata tramite la sigla “B-50g”. Ovvero, serve per il secondo porto ordinario nazionale, quindi per invii tra i venti ed i cinquanta grammi di peso; tale prestazione adesso è assicurata contro 2,60 euro.



16 Lug 2018
Lug 16 2018
12:16

Dall'estero

Francia in festa per la nuova stella

Disponibile da oggi la sottolineatura postale inerente la vittoria al Campionato mondiale di calcio “Russia 2018”. Si tratta di due pre personalizzati


Una delle proposte “Mon timbre en ligne”

Rapidissima la Francia nel festeggiare la vittoria per 4 a 2 contro la Croazia, finale giocata ieri nel contesto del Campionato mondiale di calcio “Russia 2018”. E che ha dato al Paese il secondo trionfo nella popolare competizione (il primo l’ottenne nel 1998, quando operava in casa).

Il tributo postale è disponibile già da stamattina: si tratta di un raccoglitore con quattro francobolli autoadesivi pre personalizzati ed utili per la lettera “verde” nazionale entro i venti grammi (ora 80 centesimi): ecco il motivo della rapidità con cui l’articolo è stato prodotto. Due i tipi: in entrambi campeggiano il ringraziamento agli artefici (“Merci les bleus”) ed i colori nazionali; in uno vi sono le due stelle a citare le conquiste, nell’altro compaiono anche la folla, i palloni e le bandiere. Il prezzo complessivo è di 5,00 euro. Non manca l’annullo speciale.

Un sistema produttivo molto simile (è il “Mon timbre en ligne”) era stato impiegato nei giorni scorsi per ottenere digitalmente cartevalori già predisposte e riguardanti -tramite le “faccine”- ad esempio la squadra o le diverse partite sostenute. In questo frangente, il costo minimo è di 77 centesimi.



16 Lug 2018
Lug 16 2018
10:12

Appuntamenti

Donne ticinesi tra i pennelli

È la mostra “Arte e diletto”, ospitata alla Pinacoteca “Giovanni Züst” di Rancate (Mendrisio) e disponibile sino al 26 agosto


Una delle cartoline esposte

Quadri a soggetto postale e cartoline. È quanto trova -oltre ovviamente ad altro materiale- chi visiterà la mostra “Arte e diletto - Valeria Pasta Morelli (1858-1909) e le pittrici del suo tempo” allestita a Rancate, sobborgo di Mendrisio (Svizzera) e raggiungibile sino al 26 agosto.

Due in particolare i dipinti di settore, entrambi oli su tela. Il “Ritratto maschile” del 1854 è dovuto a Bernardino Pasta (1828-1875); il “Fanciulla con fotografia” (o “La lettera”) venne realizzato attorno al 1890 dalla protagonista, Valeria Pasta Morelli. Il primo -viene spiegato- raffigura un personaggio che non è stato possibile identificare, ma che si presume appartenesse alla borghesia imprenditoriale locale: lo testimoniano le località vergate sulle lettere appoggiate sul tavolo. La presenza epistolare nel secondo, invece, associata allo scatto, evoca la distanza che separa mittente e destinataria.

L’idea del percorso, curato da Mariangela Agliati Ruggia, Stefania Bianchi e Sergio Rebora, nasce da un’importante donazione -trentaquattro tra opere a pennello, anfore, album di studi, medaglie e diplomi- di una delle rare donne pittrici che il Ticino conti: appunto Valeria Pasta Morelli. Rare ed oltretutto spesso confinate nell’ambito familiare. Anche per questo motivo quasi sempre dimenticate. È stata la nipote a destinare, alla sua morte, il lascito alla Pinacoteca “Giovanni Züst”, sede dell’esposizione attuale.

Fu una delle poche ragazze a frequentare l’Accademia di Brera. Raccolse premi e riconoscimenti, mentre in patria la “Gazzetta ticinese” la celebrava come “esimia giovane artista”; il matrimonio con un alto funzionario dell’Esercito italiano chiuderà tuttavia le ambizioni. La rassegna intende far luce sulla sua personalità, non mancando di contestualizzarla nel particolare ambito nel quale si muoveva. Lo zio, ad esempio, era Bernardino Pasta, inserito nella cerchia degli Induno che godette di buona fama.

Una sezione presenta inoltre lavori di altre donne attive contemporaneamente nell’area, come Adele Andreazzi, Marie-Louise Audemars Manzoni, Giovanna Béha-Castagnola, Olga Clericetti, Regina Conti, Elisa Rusca, Antonietta Solari. Appartenenti quasi tutte a famiglie della borghesia locale, non frequentarono le accademie né le scuole di disegno. Coltivavano privatamente la loro passione, come un hobby piuttosto che come un lavoro, e si esercitavano perlopiù negli studi dei professionisti.



16 Lug 2018
Lug 16 2018
01:27

Dall'estero

Dall’isola a tutto il mondo

La Jersey overseas aid compie mezzo secolo e le Poste locali la gratificano attraverso sei francobolli; riguardano altrettanti progetti umanitari concretizzati di recente nelle aree più disastrate

La Jersey overseas aid ha mezzo secolo e l’isola dotata di autonomia postale ha deciso di festeggiarla con ben sei francobolli, lanciati il 12 luglio. Messi in pagina dall’agenzia Tpa, illustrano come la struttura operi all’estero per aiutare chi ha bisogno.

La sua missione -ricordano dagli sportelli- è ridurre la povertà nonché fornire aiuti umanitari in caso di disastri ed emergenze in tutto il pianeta. Così facendo, aumenta anche la consapevolezza del proprio ruolo all’interno del territorio, spesso invitando i residenti a prendere parte ai progetti.

Le immagini propongono alcune delle ultime attività, svolte in Ruanda (il richiamo figura nel 50 pence e cita l’allevamento), Sud Sudan (65, fame), Uganda (76, malattie tropicali), Nepal (82, sviluppo economico), Madagascar (94, mezzi di sussistenza rurali), Kenya (1,12 sterline, costruzione di una diga in sabbia).



15 Lug 2018
Lug 15 2018
00:55

Libri e cataloghi

Per cominciare...

Dall’Unificato un nuovo manuale e dizionario filatelico. S’intitola “Francobolli & collezionismo dalla «A» alla «Z»”


Manuale e dizionario

Le cose cambiano, il pubblico cambia ed anche il settore deve essere capace di cambiare. O, perlomeno, di approcciare il mondo esterno in modo adeguato.

È con tale obiettivo che l’Unificato ha redatto una nuova guida rivolta a chi non conosce il settore e, incuriosito, desidera accostarvisi. S’intitola “Francobolli & collezionismo dalla «A» alla «Z»”.

Rappresenta -lo si legge in copertina- un manuale e dizionario, diviso in quattro parti. Le prime due si soffermano sul collezionismo e sul collezionista: sono illustrati il retroterra storico, le specializzazioni, le abitudini, così da “fornire un’idea complessiva di questa realtà”. Poi l’attenzione si concentra sulla carta valore, passando dalle caratteristiche tecniche a dove trovarla, dalle sue condizioni alla stampa, dagli interi ai prodotti firmati Poste italiane. L’ultima sezione riguarda il dizionario filatelico e postale: comincia dalla parola “abbonamento” ed arriva a “vignetta”; è aggiornato al “drone”.

La pubblicazione conta 72 pagine con immagini a colori e costa 11,00 euro.



14 Lug 2018
Lug 14 2018
23:26

Emissioni Italia

Gli spalti ed il calciatore

Sono i due elementi che caratterizzeranno il nuovo francobollo per la Juventus, in arrivo il 28 luglio. Si aggiungono scudetto e logo della società


Nuovo omaggio alla squadra

Sullo sfondo degli spalti inerenti l’Allianz stadium, raffigura un calciatore bianconero durante un’azione di gioco, affiancato dallo scudetto tricolore; in basso è riprodotto il logo della società.

È il bozzetto, firmato da Claudia Giusto, che verrà impiegato per caratterizzare il quattordicesimo francobollo dedicato alla Juventus, questo in qualità di squadra vincitrice dell’ultimo Campionato di calcio riguardante la serie “A”. Sarà disponibile con il 28 luglio.

Inserito nella serie “Lo sport”, risulta autoadesivo, stampato in ottocentomila esemplari con fogli da quarantacinque. Il nominale è sostituto dalla lettera “B”, indicante il servizio ordinario interno per un invio compreso nei venti grammi; ora richiede 1,10 euro.



14 Lug 2018
Lug 14 2018
11:12

Dall'estero

In Italia/2 Quella notte del luglio 1943

A settantacinque anni dai fatti, Malta ha ricordato l’operazione “Husky”, quella che permise agli alleati di invadere la Sicilia provocando la caduta di Benito Mussolini e poi l’armistizio

Se Nevis ha ricordato attraverso i francobolli la visita compiuta in Italia nel 2017 dal presidente statunitense Donald Trump (news precedente), il 10 luglio La Valletta ha rammentato i settantacinque anni di un’altra “visita”, di genere ben diverso. È l’operazione “Husky”, attraverso la quale, nella notte tra il 9 ed il 10 luglio 1943, gli alleati sbarcarono in Sicilia. Fu uno degli elementi focali della Seconda guerra mondiale, che portò al cambio governativo con l’arresto di Benito Mussolini (il 25 luglio) e l’armistizio (8 settembre).

Malta, in precedenza più volte minacciata da un’invasione da parte di Roma, ebbe un ruolo importante poiché, in vista dell’attacco, accolse navi ed aerei. Le forze Usa erano guidate dal generale George Patton, quelle del Regno Unito dal collega Bernard Montgomery. Dall’altra parte del fronte trovarono i pari grado Alfredo Guzzoni e Hans-Valentin Hube.

La serie si compone di tre francobolli in striscia, nominali da 1,00 euro al pezzo. Propone foto del tempo: la pianificazione delle mosse (il secondo da destra è Montgomery); il generale Dwight David Eisenhower mentre ispeziona i soldati sotto il comando del maggiore generale Walter Hayes Oxley; ancora Eisenhower, questa volta con il governatore John Vereker ed il maresciallo capo dell’aria Arthur Tedder.

Non senza polemiche, il Bel Paese commemorò l’impresa attraverso una cartolina postale da 700 lire il 24 settembre 1993; in essa viene richiamata, fra l’altro, una celebre foto di Robert Capa. Rimase lettera morta, invece, la richiesta di un francobollo nel settantesimo anniversario (fine).



14 Lug 2018
Lug 14 2018
00:37

Dall'estero

In Italia/1 Dopo un anno, i francobolli per Donald Trump

Sono tre e provengono da Nevis: uno cita la visita al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, due ricordano il “G7” tenutosi a Taormina (Messina)

La visita in Italia si è consumata in due parti. Il 24 maggio 2017 incontrò papa Francesco, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ed il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. Poi, dopo un salto a Bruxelles, il 26 ed il 27 dello stesso mese si recò a Taormina (Messina) per il “G7”. Protagonista risulta il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump.

Lo ricorda Nevis, che il 5 giugno scorso ha emesso un foglietto dedicato all’esperienza. Si compone di tre francobolli da 5,50 dollari locali; ripropongono altrettante fotografie. La prima e la terza riguardano il summit accolto nella cittadina siciliana (tra gli altri personaggi, si vede l’allora interlocutore di palazzo Chigi); nella seconda, invece, l’ospite è ricevuto dal capo dello Stato. Sullo sfondo dell’insieme, il foro Romano (continua).



13 Lug 2018
Lug 13 2018
17:20

Notizie dall'Italia

Spenti prima del tempo i server

Il servizio certofax venne accantonato nel 2015. Restava l’impegno contrattuale di Poste italiane di assicurare per dieci anni l’archivio. Le cose, però, pare siano andate diversamente...

Un servizio accantonato da Poste italiane nel 2015, con l’impegno a mantenere in archivio i documenti, per dieci anni dalla data di trasmissione. Concetto che ancora adesso compare sulla relativa pagina del sito aziendale. Ma le cose sarebbero diverse, e Poste italiane -a domande dirette- non risponde.

A quel che risulta a “Vaccari news”, Postel, era il 2001, già impiegava, attraverso una fornitura a noleggio, la piattaforma di messaggistica Mfs della società Lyra. Sigla un accordo con Poste italiane per la sub fornitura della stessa struttura, così da erogare il servizio di invio fax denominato certofax.

Sebbene il traffico risultasse costante, nel settembre di tre anni fa il supporto venne interrotto nella modalità di invio, ma rimase attivo per tutti coloro che, in ottemperanza al contratto, avrebbero voluto recuperare, appunto entro i dieci anni, i messaggi inoltrati.

Nel dicembre del 2017, Lyra comunicò a Postel che non era nella condizione di poter continuare a noleggiare la piattaforma Mfs e propose la vendita della stessa. Fino al 30 giugno la fornitura delle prestazioni è stata garantita da un contratto semestrale, in attesa che si concludessero le trattative. Ma il gruppo diretto da Matteo Del Fante non ha replicato più, nemmeno agli interlocutori. Così, il 6 luglio i server sono stati spenti ed anche la prestazione di archivio è stata... archiviata.



Per continuare a leggere "Vaccari news" cliccare sul pulsante "archivio notizie".



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366