Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria
AUGURI DI BUON NATALE

Gli uffici saranno chiusi
dal 22 dicembre al 6 gennaio

BUONE FESTIVITÀ
A TUTTA LA NOSTRA
AFFEZIONATA CLIENTELA



Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

17 Dic 2018
Dic 17 2018
15:12

Notizie dall'Italia

Libretti al portatore: scocca l’addio

Bancari o postali, entro il 31 dicembre dovranno essere estinti, scegliendo fra tre modalità. Da Capodanno previste sanzioni amministrative


Libretti al portatore addio (foto: Archivio storico di Poste italiane)

“Entro il 31 dicembre 2018 i libretti al portatore, bancari o postali, ovvero i libretti non nominativi e quindi non riconducibili ad alcun soggetto specifico, dovranno essere estinti”. Lo ricorda il ministero ad Economia e finanze, citando la norma di riferimento, l’articolo 49 del decreto legislativo 231 datato 21 novembre 2007, concernente misure di contrasto al riciclaggio. Già dal 4 luglio 2017, con il recepimento nella normativa italiana della IV direttiva europea in materia, banche e Poste italiane devono emettere esclusivamente libretti di deposito nominativi. Dalla stessa data, quelli al portatore non possono essere trasferiti più.

La novità -aggiungono ancora dal Mef- “è in linea con quanto indicato dagli organismi internazionali che si occupano di formulare regole e indirizzi per tutelare l’economia dai rischi di infiltrazioni criminali nel sistema finanziario e che già da tempo suggerivano di limitare progressivamente l’utilizzo di strumenti finanziari e titoli al portatore”.

Dunque, l’interessato deve presentarsi agli sportelli della realtà che ha emesso il titolo e scegliere una delle tre vie di estinzione: chiedere la conversione in un libretto di risparmio nominativo; trasferire l’importo su un conto corrente o su un altro prodotto comunque associato ad un nome; domandare la liquidazione in contanti.

Da Capodanno saranno inutilizzabili; per ottenere più avanti il denaro, il dicastero applicherà una sanzione amministrativa compresa tra i 250,00 e i 500,00 euro.



17 Dic 2018
Dic 17 2018
12:48

Pubblicità redazionale

  Il libro dei francobolli 2018

La raccolta delle carte-valori postali emesse nel 2018, la storia dell’Italia


È in vendita “Il libro dei francobolli”, la nuova raccolta di carte-valori postali emessa dal Ministero dello Sviluppo Economico nel corso dell’anno 2018, con relativo annullo del giorno di emissione e con un testo che spiega il tema e le motivazioni dell’emissione.

Il libro non è solamente una raccolta di francobolli emessi in un anno, ma è anche il racconto dell’Italia attraverso i francobolli, che celebra imprese, eccellenze, eroi, tesori, patrimoni culturali; la rappresentazione di un’affascinante storia di eccellenza.

Quindi una ribalta nuova, istituzionale e storica, un palcoscenico dato non solo a personaggi, eventi, film, luoghi artistici e monumenti tra i più conosciuti al grande pubblico, ma anche a soggetti meno conosciuti che costituiscono comunque il patrimonio culturale italiano in tutta la sua varietà, particolarità e vivacità.

In questo piccolo rettangolo possiamo riconoscere una vera e propria opera d’arte!

L’edizione 2018 ha una novità: oltre a raccogliere i 59 francobolli dell’emissione contiene 5 francobolli della serie “Alti Valori” del 1978/‘79 da lire 1.500, 2.000, 3.000, 4.000, e 5.000, ormai introvabili. Scelta questa per sottolineare l’evoluzione di tali meravigliose carte-valori postali nel tempo.

Molte le emissioni di grande successo nel 2018. Ricordiamo i francobolli dedicati a Domenico Modugno e Mia Martini, indimenticabili personaggi dello spettacolo; i tre Presidenti della Repubblica Italiana, Giovanni Gronchi, Giuseppe Saragat e Oscar Luigi Scalfaro; i tre francobolli dedicati alle celeberrime pellicole del cinema italiano “I soliti ignori”, “Il giorno della civetta” e “C’era una volta il West”; il francobollo celebrativo dell’Aula di Palazzo Montecitorio. Numerose anche le emissioni dedicate allo sport italiano come il 110° anniversario del Football Club Internazionale Milano, il 125° del Genoa Cricket and Football Club, il 130° della Federazione Italiana Canottaggio e, come ogni anno, quella dedicata alla squadra vincitrice del Campionato Nazionale di calcio di serie A del 2017/2018.

Il libro è disponibile in tutti gli uffici postali con sportello filatelico e negli spazi filatelia di Roma, Roma1, Milano, Venezia, Napoli, Trieste, Torino, Genova, Firenze e Verona, oltre che sul sito www.poste.it al costo di 160,00 euro.



17 Dic 2018
Dic 17 2018
10:36

Appuntamenti

Topolino a Desenzano

La cittadina in provincia di Brescia sta ospitando la mostra “Mickey 90 - L’arte di un sogno”. Valorizzati i francobolli italiani, ma non solo…


Lo spazio con i bimbi

Nonostante il tempo passato, Topolino e la sua “banda” sono ancora apprezzatissimi. La dice lunga il foglietto emesso dall’Italia il 3 novembre 2017. In questi mesi, comunque, non sono mancate le iniziative ed una mostra è aperta ancora. S’intitola “Mickey 90 - L’arte di un sogno”, accolta fino al 10 febbraio presso il castello di Desenzano (Brescia). Dove le cartevalori italiane (ma non solo quelle, visto che una piccola selezione dell’esistente, fdc ed annulli speciali compresi, è stata messa a disposizione da Fabrizio Fabrini) sono ben valorizzate in un’area dedicata ai “topobolli”. Addirittura, un tavolo è riservato a Poste italiane, che ha impiegato un annullo il 10 e il 18 novembre ed un altro è previsto per il 22 dicembre dalle 9.30 alle 18 (anche sabato pomeriggio parteciperà l’autore dei disegni impiegati per i dentelli, Giorgio Cavazzano).

Tra gli oltre trecento reperti distribuiti in sette sale, accanto a tavole preparatorie e giornaletti, ecco dischi, contenitori, cancelleria, statuette, giochi, spille e “banconote” di ogni luogo e tempo, capaci di certificare il successo del roditore. Fra gli oggetti sotto teca si fanno notare il volumetto “Topolino pilota postale” risalente al 1935 (come non ricordare “Volo di notte” di Antoine de Saint-Exupéry?) e un salvadanaio che in realtà ha le fattezze di un “pillar box”, la tradizionale cassetta del Regno Unito dove imbucare le lettere.

L’esposizione -annota lo specialista Federico Fiecconi, che ha curato l’allestimento- “intende immergere i visitatori nei momenti più significativi dell’arte del Mickey Mouse originale”, un’opera collettiva nata dal genio di Walt Disney e del suo socio, l’animatore Ub Iwerks, poi “resa immortale dalla creatività di grandi artisti, molti dei quali italiani e tutt’ora in attività”.



17 Dic 2018
Dic 17 2018
01:09

Dall'estero

“Scomparso” il Sahara Occidentale

Gaffe diplomatica in Algeria, che pure sostiene la popolazione locale contro le mire espansionistiche del Marocco. La svista nel francobollo per il satellite “Alcomsat-1”


Il taglio del 13 marzo 1976 emesso per solidarizzare con il popolo saharawi

È possibile che dallo spazio la percezione sui confini statali sia differente rispetto alla realtà? Considerazioni filosofiche a parte, la risposta non può che essere negativa. Fa eccezione… l’Algeria, dove è stato emesso un francobollo con uno strafalcione geografico capace di mettere il coltello in una piaga che da decenni affligge l’area. L’ha segnalato il giornalista locale Med Achour Ali Ahmed.

Il problema riguarda il Sahara Occidentale (ex Sahara Spagnolo), area che il Marocco avoca a sé ma che i locali del Fronte polisario (sostenuti -ed è questa la contraddizione- pure dalla stessa Algeri, come dimostra ad esempio il mezzo dinaro del 13 marzo 1976), vorrebbero indipendente. Tanto da aver proclamato la Repubblica democratica araba dei saharawi, riconosciuta solo da una parte di Stati. La situazione è “raffreddata” (ma non definita) dal 1991 con il cessate il fuoco; sul posto vi è la Minurso, ovvero la Missione delle Nazioni Unite per l’organizzazione di un referendum nel Sahara Occidentale. La consultazione ipotizzata dovrebbe coinvolgere i residenti, affinché decidano sul loro futuro, ma finora non è stata indetta. Un nuovo incontro, destinato a rilanciare i negoziati, si è svolto a Ginevra pochissimi giorni fa, il 5 ed il 6 dicembre, coinvolgendo fra l’altro Algeria e Mauritania.

In tale contesto, ecco la carta valore emessa l’11 di questo mese con testi in tre lingue: arabo, tamazight (berbero) ed inglese (che sostituisce il francese). Da 25,00 dinari, ricorda, nel primo anniversario, il lancio del satellite nazionale “Alcomsat-1”. Tra gli elementi presenti nella vignetta, accanto al vettore ed al logo dell’Agenzia spaziale, il pianeta con in primo piano l’Africa, in cui si nota chiaramente il prolungamento del Marocco fino alla Mauritania. Ovvero, la regione contestata non esiste!



16 Dic 2018
Dic 16 2018
00:51

Libri e cataloghi

Dal Canada a Terranova

Tutta l’America del Nord (quindi anche Messico, Onu New York, Usa e capitoli minori) in 504 pagine. È il rinnovato catalogo della Yvert & Tellier


Dal Canada a Terranova

Si ricomincia da capo con il Nuovo mondo. A rieditare i propri cataloghi filatelici è la francese Yvert & Tellier, che ora ha organizzato il continente in quattro volumi. Uno è dedicato alla parte settentrionale, due alla centrale perché più “prolifica”, l’ultimo alla meridionale.

L’aggiornamento parte proprio dall’America del Nord, l’area numericamente (in fatto di francobolli) meno impegnativa ma quasi di certo la più gettonata, visti i Paesi che contiene.

In 504 pagine con illustrazioni quasi sempre a colori sono repertoriati Canada (ed ex territori oggi inglobati, cioè Columbia Britannica, Nuova Scozia, Nuovo Brunswick, Principe Edoardo e Terranova), Messico, Nazioni Unite (coerentemente al titolo del mercuriale, contempla soltanto la sede di New York), Saint-Pierre et Miquelon, Stati Uniti (comprendendo i confederati ma anche Hawaii, Porto Rico e Zona del canale di Panama nel momento in cui ebbero produzioni autonome).

Rispetto all’edizione precedente, il formato non cambia, è quasi un “A4”, Sono aumentate invece le colonne, passate da tre a quattro, in modo da guadagnare spazio. Naturalmente, le valutazioni economiche restano nella valuta comune.

In Italia il volume già è disponibile, commercializzato a 53,50 euro.



15 Dic 2018
Dic 15 2018
11:18

Notizie dall'Italia

Arte/2 Protagonista è il mare

È un “filone artistico che amo”, ammette nell’intervista con “Vaccari news” Guido Marcello Poggiani. Lo si nota nei suoi lavori


“Bianco, nero e giallo” (del 2018)…

Evoluzioni future? “Il progetto «Post art» (approfondito nella news precedente, ndr) vede toccare diversi argomenti; è in continuo sviluppo per i soggetti che si andranno a ricercare, come indiani d’America e buddisti o sociali quali violenza sulle donne, minori, animali. Ma la particolarità che li accomuna alle opere passate è il tema «mare»”, spiega Guido Marcello Poggiani in questa seconda parte dell’intervista con “Vaccari news”. “Tutto sarà, se possibile, concettualizzato in riva al mare o sotto, così da non snaturare la particolarità e il filone artistico che amo”.

In che luogo si possono scoprire le sue tele? “Visitando il mio studio a Milano, dove vi sono anche i video di diversi lavori, proprio per far vedere come nascono le idee e si sviluppano fino al loro compimento. Visitando il sito, troverete poi gli appuntamenti in gallerie d’arte per mostre ed altri eventi collaterali”.

Tutti questi riferimenti… è collezionista? “Conservo gelosamente le cartoline e il tesserino di mio nonno, le cartoline che mandava dal campo di prigionia; ho una piccola e modestissima raccolta di francobolli, anche della Colonia di Libia, nulla di eccezionale. Mi è sempre piaciuto il mondo della filatelia e della numismatica, ma non ho avuto mai tempo per approfondire. L’occasione, per alcuni aspetti, mi è stata data da Luca Savini realizzando il libro sugli annulli di Milano” (fine).



15 Dic 2018
Dic 15 2018
00:43

Notizie dall'Italia

Arte/1 “Dipingere, ogni superficie è idonea”

Intervista a Guido Marcello Poggiani. Tra i suoi lavori, alcuni hanno richiami postali, evocando francobolli ed annulli


Guido Marcello Poggiani

“Dipingere, ogni superficie è idonea ad essere reinterpretata e modellata a proprio piacimento. Partendo dai lavori di «trompe-l’œil» che eseguo su porte, porte blindate interne, pareti, soffitti e pannelli, da collocare nell’abitazione o nell’ufficio. In passato ho realizzato le prime «cover» per cellulari, dipingendo sulla struttura dei telefonini, le basi dei computer e delle chitarre elettriche, i caschi e... le fiancate di una jeep. Quindi come ultima evoluzione, o progetto, pur continuando nell’eseguire «trompe-l’œil» per varie attività commerciali ed appartamenti, ho messo in pratica «Vespart 1 & 2», dipingendo una prima vespa come se fosse l’interno di un acquario nel quale nuotano solo pesci rossi, ed una seconda, più moderna, con una base simile, ma spostando l’attenzione sulle carpe koi”.

Così si presenta, nell’intervista con “Vaccari news”, Guido Marcello Poggiani, classe 1963. Il quale si è fatto notare con le sue interpretazioni per così dire “filateliche”. È il progetto “Post art”. “Pone l’attenzione sul fatto che il «francobollo» arriva da luoghi a noi sconosciuti e, tramite il contenuto della lettera, può evocare la visione del paesaggio o del tema che in esso vi è contenuto”, spiega. “Quindi, perché non concentrarsi su quello che l’immagine può raccontare in un piccolo frammento e accompagnarla dal timbro, se mai speciale? Così è nata una ricerca grafica su come concettualizzare il soggetto, tenendo conto a volte dei vecchi francobolli, del valore espresso nella moneta locale e magari dei vari timbri, vecchi, di posta aerea o altri. A volte spostando l’attenzione su soggetti attuali, come il «Giorno della Memoria», raffigurante un francobollo di un campo di concentramento... e il timbro, ma con il titolo evocativo «Lettere di libertà»” (continua).



14 Dic 2018
Dic 14 2018
17:37

Notizie dall'Italia

Ancora il terremoto del Belice

L’iniziativa, questa volta marcofila, è stata assunta dal Comune di Calatafimi Segesta (Trapani). Verrà concretizzata il 17 dicembre


Previsto per lunedì

Un nuovo annullo che -caratterizzato dallo slogan “Per non dimenticare”- rammenta a cinquant’anni di distanza il terremoto del Belice.

Il manuale si aggiunge ai precedenti, impiegati il 15 gennaio scorso, ed al francobollo da 0,95 euro emesso il 16 maggio. La commemorazione -annotava nel bollettino illustrativo della carta valore il critico d’arte Bonifacio Tanino (ha coordinato il Comitato scientifico istituito per la ricorrenza)- “ricorda la vita spezzata di tante donne, uomini e bambini”, ma vuole essere al contempo un’importante occasione per narrare e valorizzare la millenaria storia della valle, le sue risorse naturalistiche, i suoi musei, il ricco patrimonio artistico e monumentale.

La prossima iniziativa, fissata per il 17 dicembre, è stata presa direttamente dal Comune di Calatafimi Segesta (Trapani), il quale ospiterà gli addetti di Poste italiane in municipio, sito in piazza Cangemi 1. Saranno in attività tra le ore 9 e le 14.



14 Dic 2018
Dic 14 2018
13:21

Notizie dall'Italia

Cdp pronta per il piano industriale

Ammontano a 254 i miliardi di euro in buoni e libretti postali. Il programma, valido lungo il triennio 2019-2021, individua quattro linee di intervento

Sono oltre 110 i miliardi di euro in risorse proprie che il gruppo Cassa depositi e prestiti mobiliterà, attivandone poi altri 90 coinvolgendo investitori privati e istituzioni locali, nazionali e sovranazionali. Questi i dati di sintesi riguardanti il piano industriale 2019-2021, approvato la settimana scorsa.

Verrà sostenuto utilizzando anche fondi interni interamente privati, oggi costituiti da 254 miliardi di euro in buoni e libretti postali (per essi proseguirà il rinnovamento e lo sviluppo attraverso l’estensione della gamma dei prodotti e dei servizi digitali e con l’ampliamento delle forme di raccolta dedicate ad attività con impatto sociale ed ambientale). Riconosciuta, comunque, la necessità di assicurare l’equilibrio economico-patrimoniale e, quindi, la piena tutela del risparmio conferito dalle famiglie. Si aggiungono 87 miliardi individuati sul mercato finanziario.

Quattro le principali linee di intervento: 83 miliardi serviranno per sostenere le imprese con un’offerta integrata; 25 verranno impiegati per infrastrutture, pubblica amministrazione e territorio; 3 saranno investiti nella cooperazione in favore dei Paesi in via di sviluppo. Si somma, nelle partecipazioni strategiche, il rafforzamento delle competenze settoriali e industriali.

Il documento “rappresenta un passaggio molto innovativo e allinea le strategie di Cassa depositi e prestiti con i grandi trend globali e gli obiettivi di sviluppo sostenibile definiti dall’Agenda 2030 dell’Onu”, annota l’attuale presidente di Cdp, Massimo Tononi. Al tempo stesso, “conferma il profondo legame di Cassa depositi e prestiti con i suoi valori storici: il sostegno all’economia del Paese e al suo sviluppo, da un lato, e dall’altro la gestione e la tutela del risparmio che ci è stato affidato da milioni di italiani”.

Sancisce l’avvio di una fase che, “con un impegno senza precedenti, assumerà nel prossimo triennio un ruolo di crescente proattività nel sostenere la crescita economica e lo sviluppo sostenibile”, aggiunge l’amministratore delegato, Fabrizio Palermo. “Stiamo introducendo un nuovo modello operativo che punta all’ulteriore rafforzamento delle competenze di gruppo, alla semplificazione organizzativa e operativa”.

Deciso inoltre l’ampliamento della rete fisica, prevedendo almeno un presidio in ogni regione.



14 Dic 2018
Dic 14 2018
10:08

Notizie dall'Italia

Strurmtruppen - All’attacco da mezzo secolo

Sono protagoniste di una mostra a Bologna e di un annullo a Torino. Il precedente postale da San Marino: un francobollo datato 18 settembre 1997


L’omaggio postale di San Marino

Le strisce che Bonvi (Franco Bonvicini, vissuto tra il 1941 ed il 1995) ha intitolato “Sturmtruppen”, già rappresentate in un francobollo da 800 lire di San Marino emesso il 18 settembre 1997, hanno raggiunto i cinquant’anni.

Lo ricordano alcune iniziative, come la mostra allestita a Bologna ed aperta fino al 7 aprile. Oppure l’annullo speciale che domani sarà usato a Torino. In questo caso, verrà impiegato nell’ambito della quinta tappa della manifestazione “Xmas comics & games”, accolta al Lingotto il 15 ed il 16 dicembre. Rappresenta -viene spiegato- l’anteprima natalizia “dell’appassionante mostra mercato del fumetto in programma ogni anno ad aprile. Una grande festa dedicata a fumetti, games, videogames, cosplay e youtubers”. Vedrà non solo espositori, ma anche -ad esempio- incontri con gli autori e sfilate. Un secondo manuale, questo con la data del 16, cita direttamente il salone. Essendo l’ingresso a pagamento, le impronte potranno essere ottenute anche presso lo spazio filatelia cittadino, sito in via Alfieri 10.



Per continuare a leggere "Vaccari news" cliccare sul pulsante "archivio notizie".



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366