Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria


Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

18 Lug 2018
Lug 18 2018
10:03

Appuntamenti

“Appropriarsi” del Museo

È quanto si propone ai bambini tra i sei e gli undici anni. Il laboratorio è previsto a Camerata Cornello (Bergamo) per il 22 luglio

Bambini al Museo dei Tasso e della storia postale, che per il 22 luglio ha organizzato un laboratorio loro dedicato. È “Il mio Museo”, rivolto a partecipanti di età compresa tra i sei e gli undici anni. Presenta la struttura come spazio di produzione creativa e di riflessione sulle collezioni ed il linguaggio degli oggetti esposti.

L’idea ed il titolo -spiegano i promotori- prendono spunto dall’albo illustrato “My museum”, realizzato dalla disegnatrice Joanne Liu e edito nel 2017 da Prestel publishing. Racconta la storia di un piccolo in visita ad una struttura artistica che gioca con quello che vede e costruisce un’alternativa personale. Si riappropria di un luogo e lo rende familiare creando prospettive “altre”, usando cioè l’immaginazione e la creatività.

Questo è anche l’obiettivo del laboratorio in programma domenica: osservare in libertà, interpretare i reperti nelle teche ampliando la visione. Durante l’esperienza, i presenti sceglieranno cosa mettere nella loro raccolta, creando disegni e didascalie.

La prenotazione è obbligatoria fino all’esaurimento dei posti chiamando il numero 0345.43.479 (è possibile telefonare dal mercoledì alla domenica nelle fasce orarie 10-12 e 14-18). Comincerà alle 15 e si svilupperà per novanta minuti. Il costo è di 3,00 euro.

La sede si trova a Camerata Cornello (Bergamo), in via Cornello 22.



18 Lug 2018
Lug 18 2018
01:17

Note classiche

A Napoli, il giorno dopo

Ufficialmente, i francobolli con lo stemma delle Due Sicilie vennero emessi l’1 gennaio 1858, ma gli esperti non ne conoscono viaggiati in quella data…

Non solo il Ducato di Modena, come evidenziato nella news del 4 luglio scorso. Anche per gli altri Stati preunitari si conoscono invii spediti nel primo giorno di emissione dei francobolli che portano, eventualità particolarmente apprezzata dai collezionisti.

Fanno eccezione le cartevalori di Napoli, quelle con lo stemma del Regno delle Due Sicilie. Formalmente vennero emesse l’1 gennaio 1858, ma il giorno effettivo del debutto risulta il 2. Assume pertanto un interesse particolare la lettera scritta ad Aversa e spedita da Napoli per Castrovillari/Francavilla, in Calabria; è affrancata per 3 grana, impiegando il taglio da 1 e quello da 2. Va notata pure la tariffa, ancora d’epoca prefilatelica.



17 Lug 2018
Lug 17 2018
17:51

Notizie dall'Italia

Da vent’anni contro i reati sul web

Nel modo in cui è strutturata ora, rappresenta il principale campo in cui opera la Polizia postale e delle comunicazioni. Domani a Roma l’annullo speciale


Domani l’annullo

Talvolta al centro di notizie riguardanti la sua riorganizzazione, al tempo stesso protagonista pressoché quotidiana soprattutto in fatto di reati sul web e della loro conseguente repressione.

È la Polizia postale e delle comunicazioni, che -nell’attuale organizzazione- compie vent’anni. Pur mantenendo le vecchie attività tra lettere e pacchi, nel tempo ha visto diventare più importanti quelle inerenti alle reti elettroniche. Tra i campi di impegno che vengono citati figurano analisi criminologica dei fenomeni emergenti, copyright, cyberterrorismo, e-banking, giochi e scommesse on-line, hacking, pedopornografia, protezione delle infrastrutture critiche del Paese.

Il giro di boa temporale è precisato nell’annullo richiesto dal ministero dell’Interno. Verrà impiegato domani, nella capitale, in due luoghi. A palazzo La lanterna di via Tomacelli 157 (ingresso non consentito al pubblico) ed allo sportello filatelico del Roma Vr, in piazza San Silvestro 19 (operativo dalle ore 8.20 alle 19.05).



17 Lug 2018
Lug 17 2018
14:27

Notizie dall'Italia

Se il mittente sbaglia la cassetta

L’Agcom sta definendo il problema conseguente; per questo ha diffuso un testo e sei domande alle quali i soggetti interessati possono rispondere. Proroga per un’altra procedura, riguardante i grandi appalti

Nuovo aggiornamento con la procedura che l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha denominato “Condizioni giuridiche ed economiche di restituzione degli invii affidati ad altri operatori e rinvenuti nella rete di Poste italiane”, di cui alla delibera 621/15 che si intende integrare; attraverso la 293/18, ha avviato un’ulteriore consultazione pubblica con sei domande, così da arrivare al quadro che farà da riferimento.

In particolare, l’Agcom propone di: esplicitare gli obblighi gravanti in capo alle aziende terze in merito alla conclusione di accordi individuali con Poste italiane ovvero all’adesione alle sue condizioni generali di contratto; fissare una soglia dei volumi rinvenuti, superata la quale la ditta è tenuta a negoziare l’accesso alla rete di raccolta della società diretta da Matteo Del Fante; rivedere le condizioni economiche della restituzione, basate sul principio dell’orientamento ai costi evitabili. Ulteriori proposte riguardano le condizioni dell’accesso in raccolta, nel caso in cui i volumi rinvenuti nella rete dell’operatore più grande superino il valore di soglia, quelle da applicare alla restituzione degli invii ed una serie di misure a carattere informativo per tutelare l’utenza.

I soggetti interessati hanno tempo sessanta giorni per aderire all’invito e rispondere ai quesiti.

Il Garante, inoltre, ha prorogato di trenta giorni un altro procedimento; concerne la “Definizione del test di replicabilità delle offerte di servizi di recapito di invii multipli di Poste italiane e dei criteri per la sua conduzione”.



17 Lug 2018
Lug 17 2018
10:08

Appuntamenti

Due le proposte

Verona sta ospitando una mostra dedicata a Giovanni Guareschi, Champoluc (Ayas, provincia di Aosta) accoglierà il raduno dei meccanofili


A Verona Giovanni Guareschi

Il francobollo uscirà il 21 luglio, ma la mostra collegata è aperta già e lo resterà fino al 31 del mese. S’intitola “Francobolli e cartoline illustrate per raccontare vita e opere di Giovannino Guareschi”. È ospitata presso lo spazio filatelia di Verona, collocato in via Teatro Filarmonico 11 (il negozio di Poste italiane risulta aperto dal lunedì al venerdì nella fascia oraria 8.20-13.35, il sabato dalle 8.20 alle 12.35). Nelle vetrine, la collezione di Renzo Maistrello, membro dell’Associazione filatelica numismatica scaligera. Offre francobolli, annulli e cartoline in argomento.

Dopo il Veneto, ecco la Valle d’Aosta. Tra il 20 ed il 22, Champoluc (è una frazione di Ayas) accoglierà il raduno dell’Associazione italiana collezionisti di affrancature meccaniche. Presso Monterosaspa, in piazzale Ramey 1, verrà offerta la “37ª Esposizione nazionale di affrancature meccaniche”, raggiungibile venerdì (inaugurazione alle 17.30) e sabato dalle 17 alle 19 e dalle 21.15 alle 23.15, domenica tra le 15.30 e le 19. Nelle teche figurano ventidue collezioni di “rosse”, dedicate soprattutto alla regione ed alla montagna. Domenica alle 10.30 si svolgerà il 37° Congresso nazionale del sodalizio.

Entrambe le iniziative sono ad ingresso libero.



17 Lug 2018
Lug 17 2018
01:00

Dall'estero

Il vecchio ed il nuovo

L’Estonia ricorda i cento anni dei francobolli nazionali con un dentello specifico. Pone l’attenzione sulla carta valore dei primordi


Secolare

Agli sportelli arrivò il 24 novembre 1918, espresso ancora nella vecchia moneta russa: è il 5,00 copechi che diede il via alla produzione dell’Estonia, uno dei Paesi sorti quale conseguenza della Prima guerra mondiale. Nel caso specifico, nato dall’implosione dell’Impero zarista.

Tallinn, ovviamente, non ha perso di vista il giro di boa secolare: la carta valore di cento anni fa compare nel nuovo francobollo che ha debuttato il 13 luglio.

Senza particolari contenuti la vignetta del progenitore (vi campeggia una decorazione che potrebbe essere definita floreale, ma quello che importa è la scritta centrale, “Eesti post”, vale a dire “Posta estone”) ed altrettanto essenziale appare il bozzetto impiegato per l’erede.

Dal costo di 65 centesimi, il taglio odierno porta la firma del “solito” Indrek Ilves.



16 Lug 2018
Lug 16 2018
17:52

Dall'estero

Pastori e pellegrini lungo la strada

Dalla Spagna francobollo per il “camino de la lana” un percorso poco conosciuto ma che si intende promuovere. E la carta valore dà il suo contributo


Da valorizzare

Da Alicante e Valencia verso Burgos, è il “camino de la lana”, segnalato dalla Spagna oggi attraverso un francobollo inserito nella serie “Tradizioni e costumi”; risulta in vendita a 1,35 euro.

Si tratta di un percorso seguito dalle greggi, ma pure da allevatori, tosatori e commercianti specializzati lungo il XVI ed il XVII secolo. Vi erano anche i pellegrini, documentati già nel 1624 e nel dentello segnalati dallo zaino appoggiato al monumento eretto a Monteagudo de las Salinas (da notare, sul vicino bastone, la presenza della conchiglia, richiamo a san Giacomo il Maggiore).

L’itinerario attraversa lande, città e paesi che meritano di essere raggiunti per gli aspetti naturali, storici e culturali. L’emissione contribuisce a riscoprire la strada, peraltro ora poco nota e destinataria di progetti tesi a valorizzarla.



16 Lug 2018
Lug 16 2018
15:31

Emissioni Italia

Non solo il ritratto

Per Giovanni Guareschi ci sarà anche la firma, applicata su una pagina originale relativa ad un racconto inedito: protagonisti, don Camillo e Peppone

Non più il solo ritratto, già impiegato nel 60 centesimi emesso l’1 maggio 2008 nel centenario dalla nascita. Questa volta è associato alla firma autografa, posta in evidenza su una pagina originale, dattiloscritta dallo stesso scrittore, giornalista ed umorista. Riguarda un racconto inedito, che vede al centro don Camillo e Peppone; il reperto è tratto dall’archivio lui intitolato ed esistente a Roncole Verdi (Busseto, provincia Parma). La molteplicità di dettagli ricorda un po’ l’1,40 euro sammarinese, emesso il 22 agosto di dieci anni fa.

Così, il 21 luglio l’Italia rammenterà Giovanni (o Giovannino) Guareschi nel mezzo secolo dalla morte, avvenuta il 22 luglio 1968; per l’obiettivo ha coinvolto la bozzettista Silvia Isola. Il tributo (appartiene alla serie “Il patrimonio artistico e culturale italiano”) sarà autoadesivo, organizzato in fogli da ventotto e tirato addirittura in un milione di esemplari. Quest’ultimo dettaglio è spiegato dalla tariffa, sintetizzata tramite la sigla “B-50g”. Ovvero, serve per il secondo porto ordinario nazionale, quindi per gli invii tra i venti ed i cinquanta grammi di peso; tale prestazione adesso è assicurata contro 2,60 euro.



16 Lug 2018
Lug 16 2018
12:16

Dall'estero

Francia in festa per la nuova stella

Disponibile da oggi la sottolineatura postale riguardante la vittoria al Campionato mondiale di calcio “Russia 2018”. Si tratta di due pre personalizzati


Una delle proposte “Mon timbre en ligne”

Rapidissima la Francia nel festeggiare la vittoria per 4 a 2 contro la Croazia, finale giocata ieri nel contesto del Campionato mondiale di calcio “Russia 2018”. E che ha dato al Paese il secondo trionfo nella popolare competizione (il primo l’ottenne nel 1998, quando operava in casa).

Il tributo postale è disponibile già da stamattina: si tratta di un raccoglitore con quattro francobolli autoadesivi pre personalizzati ed utili con la lettera “verde” nazionale entro i venti grammi (ora 80 centesimi): ecco il motivo della velocità con cui l’articolo è stato realizzato. Due i tipi: in entrambi campeggiano il ringraziamento agli artefici (“Merci les bleus”) ed i colori nazionali; in uno vi è la coppia di stelle a citare le conquiste, nell’altro compaiono anche la folla, i palloni e le bandiere. Il prezzo complessivo è di 5,00 euro. Non manca l’annullo speciale.

Una linea produttiva molto simile (è il “Mon timbre en ligne”) è stata impiegata nei giorni scorsi per ottenere digitalmente cartevalori già predisposte e riguardanti -tramite le “faccine”- ad esempio la squadra o le diverse partite sostenute. In questo frangente, il costo minimo è di 77 centesimi al pezzo.



16 Lug 2018
Lug 16 2018
10:12

Appuntamenti

Donne ticinesi tra i pennelli

È la mostra “Arte e diletto”, ospitata alla Pinacoteca “Giovanni Züst” di Rancate (Mendrisio) e disponibile sino al 26 agosto


Una delle cartoline esposte

Quadri a soggetto postale e cartoline. È quanto trova -oltre ovviamente ad altro materiale- chi visiterà la mostra “Arte e diletto - Valeria Pasta Morelli (1858-1909) e le pittrici del suo tempo” allestita a Rancate, sobborgo di Mendrisio (Svizzera), e raggiungibile sino al 26 agosto.

Due in particolare i dipinti di settore, entrambi oli su tela. Il “Ritratto maschile” del 1854 è dovuto a Bernardino Pasta (1828-1875); il “Fanciulla con fotografia” (o “La lettera”) venne realizzato attorno al 1890 dalla protagonista, Valeria Pasta Morelli. Il primo -viene spiegato- raffigura un personaggio che non è stato possibile identificare, ma che si presume appartenesse alla borghesia imprenditoriale: lo testimoniano le località vergate sulle lettere appoggiate sul tavolo. La presenza epistolare nel secondo associata allo scatto, invece, evoca la distanza che separa mittente e destinataria.

L’idea del percorso, curato da Mariangela Agliati Ruggia, Stefania Bianchi e Sergio Rebora, nasce da un’importante donazione -trentaquattro tra opere a pennello, anfore, album di studi, medaglie e diplomi- riguardante una delle rare donne pittrici che il Ticino conti: appunto Valeria Pasta Morelli. Rare ed oltretutto spesso confinate nell’ambito familiare. Anche per questo motivo quasi sempre dimenticate. È stata la nipote a destinare, alla sua morte, il lascito alla Pinacoteca “Giovanni Züst”, sede dell’esposizione attuale.

Fu una delle poche ragazze a frequentare l’Accademia di Brera. Raccolse premi e riconoscimenti, mentre in patria la “Gazzetta ticinese” la celebrava come “esimia giovane artista”; il matrimonio con un alto funzionario dell’Esercito italiano chiuderà tuttavia le ambizioni. La rassegna intende far luce sulla sua personalità, non mancando di contestualizzarla nel particolare ambito nel quale si muoveva. Lo zio, ad esempio, era proprio Bernardino Pasta, inserito nella cerchia degli Induno che godette di buona fama.

Una sezione presenta inoltre lavori di altre signore attive contemporaneamente nell’area, come Adele Andreazzi, Marie-Louise Audemars Manzoni, Giovanna Béha-Castagnola, Olga Clericetti, Regina Conti, Elisa Rusca, Antonietta Solari. Appartenenti quasi tutte a famiglie della borghesia locale, non frequentarono le accademie né le scuole di disegno. Coltivavano privatamente la loro passione, come un hobby piuttosto che come un lavoro, e si esercitavano perlopiù negli studi dei professionisti.



Per continuare a leggere "Vaccari news" cliccare sul pulsante "archivio notizie".



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366