Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria


Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

20 Set 2017
Set 20 2017
20:53

Dall'estero

Ritorna il robot semovente

Una nuova fase di test per il recapito a breve distanza: questa volta La posta svizzera consegna, nel centro storico di Zurigo, i prodotti venduti da Jelmoli

Alle prove svolte nei mesi scorsi (circa duecento giri per mille chilometri) se ne stanno aggiungendo altre: riguardano i robot di Starship technologies, che per l’occasione battono la... bandiera della Posta svizzera.

Lo spunto per una nuova serie di test -annunciano dalla sede- è giunto dalla collaborazione con il magazzino di prodotti di lusso Jelmoli. Durante queste settimane, i clienti dell’azienda possono ricevere senza costi aggiuntivi i prodotti acquistati tramite internet, a condizione che il recapito sia destinato nel centro storico di Zurigo e vi sia indicata la fascia oraria preferita. Se l’anno scorso il progetto verteva sugli aspetti tecnici e sociali, ora si testa l’integrazione della tecnologia nelle catene logistiche esistenti.

È possibile, per dire, “farsi consegnare il picnic sulla panchina di fronte al lago, le scarpe da ginnastica in hotel o la nuova camicia direttamente in ufficio”. Poco prima dell’arrivo del particolare fattorino a motore (che viene sempre seguito da un tecnico), il cliente riceve un link per sms che gli consente di aprire lo scomparto di trasporto.

Previsti, più avanti, ulteriori saggi, “dalla consegna di generi alimentari alla spedizione di prodotti farmaceutici fino al recapito il giorno stesso di invii speciali”. Questa logistica sull’ultimo miglio “non viene coperta dal personale della Posta”, motivo per cui gli automi potrebbero rappresentare un ampliamento delle catene esistenti.



20 Set 2017
Set 20 2017
18:04

Notizie dall'Italia

Notificazioni: la parola all’Agcom

Entro novanta giorni dall’approvazione della legge, l’Autorità dovrà varare una normativa di riferimento. Ora ha aperto una consultazione pubblica

La legge annuale per il mercato e la concorrenza (è la 124 del 4 agosto scorso) ha abbattuto lo steccato permettendo, dal 10 settembre, anche ai concorrenti di Poste italiane di notificare atti giudiziari e violazioni al Codice della strada. Almeno in teoria.

Quello che manca, ora, è la normativa di riferimento, ossia obblighi e requisiti per il rilascio degli specifici titoli abilitativi. La deve definire -dice il comma 58 dell’articolo 1- l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, entro novanta giorni dall’entrata in vigore del disposto, attraverso un proprio regolamento ma sentendo il ministero alla Giustizia.

Non a caso, ha avviato una consultazione pubblica “al fine di raccogliere da parte dei soggetti interessati orientamenti ed elementi informativi in ordine alla valutazione della possibile disciplina”. Una volta che il testo verrà adottato, il dicastero allo Sviluppo economico pubblicherà il disciplinare e provvederà a rilasciare le licenze (il problema -ha fatto notare ieri “Il sole 24 ore”- riguarda questa fase intermedia che, allo stato e non essendovi alternative, potrebbe indurre gli interlocutori a prorogare o rinnovare i contratti eventualmente in scadenza con Poste italiane).

Per ora vi è un documento di consultazione; è aperto -precisa l’Agcom- alle osservazioni degli interessati, che dovranno pervenire entro il 15 ottobre; in esso sono esposti gli orientamenti che s’intendono seguire. Sono previsti requisiti ed obblighi definiti “rigorosi” per gli operatori che vorranno svolgere il supporto. Viene proposta, poi, la diversificazione delle licenze in base all’ambito territoriale servito (regionale e nazionale) e la digitalizzazione di alcune fasi della notificazione a mezzo posta, “in particolare quella del recapito dell’avviso di ricevimento che molto spesso ha dato luogo a disservizi”.



20 Set 2017
Set 20 2017
14:41

Notizie dall'Italia

Tutti gli altri spostamenti in Poste

La sostituzione di Giovanni Accusani con Fabio Gregori non è che una delle modifiche introdotte ai livelli alti dell’azienda


Francesco Bianchi, da Torino a Napoli

Il passaggio -che “Vaccari news” ha annunciato ieri in prima mattinata- tra Giovanni Accusani e Fabio Gregori al vertice di filatelia ha provocato non poco sconcerto nel comparto, anche considerato il pochissimo tempo, sei mesi, che il primo è rimasto alla guida del settore.

Si inserisce, però, in una serie di spostamenti che stanno caratterizzando Poste italiane. Il 28 aprile la nomina di Matteo Del Fante ad amministratore delegato e direttore generale; il 3 agosto la sostituzione di Pasquale Marchese con Pietro Paolo Raeli a capo di mercato privati ed ora -per la precisione due giorni fa- le novità sul livello immediatamente più basso. Tutte con effetto immediato.

Perché, se Accusani è stato spostato a Torino per fare il responsabile dell’area territoriale Nord-Ovest (comprende Liguria, Piemonte e Valle d’Aosta), il precedente titolare, Francesco Bianchi, è andato alla Sud (Calabria e Campania), mentre alla Centro 1 (Toscana e Umbria) è finito Giovanni Giulio Zunino. Altre novità hanno interessato, ad esempio, le funzioni gestione operativa (qui, al supporto normativo e di conformità, si è spostato l’ex rat toscano-umbro Michele Deiana) e commerciale privati, i titolari delle filiali Torino 2 Nord, Milano 2 Nord, Bergamo 1 nonché altre figure in ambito risorse umane e organizzazione.

Confermato, infine, il passaggio della stessa filatelia da mercato privati alla funzione corporate affairs.



20 Set 2017
Set 20 2017
12:14

Pubblicità redazionale

  “Italiafil Genova 2017”

L’importante appuntamento filatelico previsto a Genova il 6 e 7 ottobre 2017

Sono in corso i preparativi per la prossima manifestazione filatelica autunnale organizzata dalla Filatelia di Poste Italiane: “Italiafil Genova 2017”.

Si svolgerà il 6 e il 7 ottobre, presso il Porto Antico di Genova - Centro Congressi Magazzini del Cotone.

Durante la manifestazione, il salone sarà aperto al pubblico dalle 9.30 alle 18.30 con ingresso gratuito.

Il 6 ottobre alle ore 12:00 si svolgerà la cerimonia di inaugurazione.

Sono già pervenute diverse adesioni da parte di qualificati operatori commerciali del settore e amministrazioni postali estere, che garantiscono la propria partecipazione; per la prima volta abbiamo ricevuto l’adesione dell’Amministrazione postale estera dell’isola di Cipro e della Croazia.

Due importanti emissioni nelle due giornate:

- il 6 ottobre sarà emesso il francobollo dedicato alla Associazione Italiana Donne Ingegneri e Architetti, nel 60° anniversario della fondazione;

- il 7 ottobre sarà emesso il francobollo della Filatelia.

Dopo il grande successo avuto a Milano e a Bologna proseguirà l’esperienza sensoriale tra il mondo della filatelia e quello della gastronomia; infatti anche in questa manifestazione sarà presente un’area dedicata all’enogastronomia.

Sarà allestito uno Spazio curato dall’Uicos con una collezione di francobolli olimpici e il 7 ottobre saranno presenti alcuni ex campioni olimpici per dar vita ad un evento dedicato fatto di ricordi e non solo.

Ci saranno anche altri Spazi incentrati su tematiche non propriamente filateliche, ma che speriamo possano dare un contributo in più alla manifestazione.

Sarà allestito, come di consueto, uno stand di Poste Italiane dove si potranno acquistare tutti i prodotti filatelici dell’anno.



20 Set 2017
Set 20 2017
10:21

Appuntamenti

A Modena comunicazioni e Grande guerra

Il 22 settembre una giornata di studi dedicata a telecomunicazioni, posta e ferrovie durante il conflitto. Il programma

Il Primo conflitto mondiale affrontato, il 22 settembre a Modena, con un taglio particolare. È la giornata di studi “Le comunicazioni: nuove tecnologie e nuova organizzazione”, promossa dall’Accademia nazionale delle scienze detta dei XL e dall’Università di Modena e Reggio Emilia. Il punto di riferimento è l’aula magna ovest del foro Boario, in viale Berengario 51; l’ingresso è libero.

“Uno degli aspetti meno affrontati della Grande guerra è quello che si riferisce alle comunicazioni”, anticipa per i lettori di “Vaccari news” il moderatore dell’appuntamento, Andrea Giuntini. “Viceversa si tratta di un campo da esplorare per entrare nello specifico dei momenti cruciali”. “Il convegno verterà fondamentalmente sull’analisi di tre settori: le telecomunicazioni, la posta e le ferrovie”.



20 Set 2017
Set 20 2017
00:33

Dall'estero

Il Lussemburgo punta in alto

Visto dal Granducato, il giro 2017 della Sepac diventa artigianato d’arte. Per questo ha coinvolto Ellen van der Woude


Arte

L’artigianato, tema adottato dalla Small european postal administration cooperations per le emissioni comuni 2017, visto dal Lussemburgo diventa artigianato d’arte. Per questo ha dato incarico ad Ellen van der Woude di trasformare un’attività tradizionale in qualcosa di moderno.

L’esito è visibile nel francobollo con logo Sepac che ha debuttato ieri contro 95 centesimi: è l’opera in ceramica “Dita verdi”, rappresentata ed impaginata da Fargo design per essere venduta come carta valore.

Ed è proprio la ceramica il settore in cui l’artista si è specializzata, dando origine ad uno stile personale ispirato alla bellezza ed alla diversità della natura, puntando in particolare ai soggetti floreali e marini.

“La maggior parte delle volte -ammette la diretta interessata- ho un’idea nella testa, ma senza alcun piano concreto circa gli oggetti da creare. Come la natura, che spinge e sviluppa e di cui le forme finali sono imprevedibili, la stessa cosa accade a me con le mie sculture. Ciascuna è unica”.



Per continuare a leggere "Vaccari news" cliccare sul pulsante "archivio notizie".



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366