Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria
BOPHILEX 2017

BOLOGNA
27-28 ottobre
INGRESSO GRATUITO
venerdì 10 - 18
sabato 9 - 18

Nuovo Palanord - Parco Nord
via Stalingrado (zona Fiera)
uscita tangenziale 7bis

Per essere sicuri di trovare ciò che desiderate, inviate le vostre richieste entro mercoledì 25 ottobre.
Vi aspettiamo!




Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

24 Ott 2017
Ott 24 2017
09:42

Notizie dall'Italia

Libretti nominativi, la scelta

Cartacei o dematerializzati? Da ieri è possibile sostituire i primi con i secondi: lo annuncia Cassa depositi e prestiti, ora valutata anche dall’agenzia Scope

L’avviso firmato da Cassa depositi e prestiti è stato pubblicato ieri sera in “Gazzetta ufficiale” e dà un nuovo… colpo nei confronti della materialità. A cominciare appunto dal 23 ottobre, i libretti di risparmio postale nominativi ordinari e gli “Smart” emessi in forma cartacea possono essere sostituiti, a richiesta del titolare e previa restituzione del documento, con altrettanti digitali, regolati dalla disciplina contrattuale per essi prevista. I collegati fogli informativi sono disponibili negli uffici postali; contengono elementi analitici sull’emittente, il collocatore, le caratteristiche economiche dell’investimento, le principali clausole contrattuali nonché sui rischi tipici dell’operazione.

Cdp, inoltre, ha allargato la rosa delle agenzie che ne esaminano l’attività e la stabilità. A Fitch, Moody’s e Standard & Poor’s si è aggiunta l’europea Scope ratings. Questa ha assegnato all’interlocutrice -e al debito senior non garantito- una valutazione di lungo termine pari ad “A-”, con previsioni stabili. È più favorevole rispetto ai giudizi sottoscritti da Fitch (“BBB”, stabile), Moody’s (“Baa2”, negativo), Standard & Poor’s (“BBB-”, stabile).



24 Ott 2017
Ott 24 2017
06:09

Dall'estero

Opere contemporanee tra i dentelli

L’Australia cita due artisti indigeni, Banduk Marika e Bede Tungutalum, dedicando loro ben quattro francobolli con altrettante opere ora alla National gallery di Canberra

Se l’Italia postale appende quadri di autori contemporanei in ufficio, l’Australia va oltre e dedica loro ben quattro francobolli, disponibili con oggi. Due gli autori coinvolti, entrambi di origini locali; provengono da famiglie del Nord note nel settore artistico, hanno un passato costellato di premi ed onorificenze, loro interpretazioni figurano in collezioni pubbliche e private.

La prima è Banduk Marika, classe 1954; lavora in linoleografia, in serigrafia e anche su corteccia riprendendo molti temi relativi alle storie tradizionali. Nella serie, tagli da 1,00 e 2,00 dollari, sono finiti “Waterlili and Gaya” del 1983 e “Guyamala” del 2000.

Si aggiunge Bede Tungutalum, di due anni più anziano. Utilizza una vasta gamma di sistemi, tra cui la scultura in legno intagliata e dipinta, la stampa e la pittura. Con gli stessi nominali, ecco i francobolli riproducenti “Pukumani poles” del 1988 e “Senza titolo” risalente al 1984 circa.

I dentelli più economici, oltre che nei fogli da cinquanta, sono anche in libretti da venti, in questo caso autoadesivi. Tutte le opere, rappresentate nelle cartevalori a cura di Lynette Traynor, provengono da Canberra, per la precisione dalla National gallery of Australia.



23 Ott 2017
Ott 23 2017
20:49

Dall'estero

Congiunta con il Vaticano: la versione di Monaco

Due i francobolli, dovuti a Stefano Morri ed in arrivo il 30 novembre. In primo piano compaiono la Madonna con l’arcangelo Gabriele e con Gesù

Protagonista, con rimandi alla tradizione pittorica classica, è la Madonna, ritratta prima con l’arcangelo Gabriele durante l’annunciazione, e poi con Gesù. Sullo sfondo, il doppio richiamo, come si confà ad un’emissione congiunta, nel frangente sottoscritta da Monaco e Vaticano per Natale. Vi figurano da una parte gli elementi religiosi, ossia piazza San Pietro e la chiesa dell’Immacolata Concezione; dall’altra quelli decisionali, vale a dire il palazzo del Governatorato e quello dei Grimaldi.

I due francobolli, dovuti a Stefano Morri, costituiscono l’interpretazione data nel minuscolo Paese situato sulle coste mediterranee; i nominali risultano da 0,85 e 1,10 euro. Arriveranno il 30 novembre.

Facile immaginare che la versione della controparte non sarà molto differente…



23 Ott 2017
Ott 23 2017
17:08

Notizie dall'Italia

Nuova iniziativa artistica, questa volta a Forlì

Il maestro Ido Erani ha donato alla filiale cittadina di Poste italiane “L’equilibrio”. L’opera interpreta la ricerca di un bilanciamento tra spazio e tempo

Si è arricchita di un elemento d’arte la filiale di Poste italiane relativa a Forlì-Cesena e collocata nella prima città, per l’esattezza in via Volta 5.

È l’opera “L’equilibrio”, donata dall’autore, Ido Erani. Classe 1945, ha partecipato a numerose rassegne nazionali, vincendo prestigiosi premi, ed allestito varie personali all’estero, in prevalenza negli Stati Uniti. Stringe amicizia con Roy Lichtenstein e frequenta il maggior esponente della Pop art, Andy Warhol. Affina le proprie tecniche pittoriche, i metodi di rappresentazione e l’uso del colore osservando tutto ciò che gli gravita attorno senza rimanere contaminato dalla tendenza del momento, cogliendo però ispirazione ed ulteriore energia creativa. Ora alcune sue opere sono esposte ai musei Rockefeller e Guggenheim, oltre che in Francia e in Spagna.

Realizzata appositamente con la tecnica dell’affresco, l’opera ceduta all’azienda diretta da Matteo Del Fante è un quadro dalle sfumature rosate e dalle tonalità ambrate; “interpreta la ricerca di un equilibrio tra spazio e tempo attraverso un richiamo al passato fatto di simboli dove la libra, raffigurata, diventa l’emblema di uno spazio da conquistare, per nuove espansioni e nuovi traguardi”.



23 Ott 2017
Ott 23 2017
15:21

Dall'estero

L’efferatezza nel Bangladesh

Dacca ha firmato una maxi serie di settantadue francobolli fotografici; raccontano i drammatici tempi che la portarono, nel 1971, a staccarsi dal Pakistan

Mentre la cronaca estera segue la rottura tra la Catalogna ed il resto della Spagna, quella filatelica evidenzia ora un’emissione di Dacca, dedicata a quanto accadde fino al 1971, nel momento in cui l’allora Pakistan Orientale si staccò dal resto del Paese diventando Bangladesh.

La guerra fu molto sanguinosa e l’emissione, giunta agli sportelli nelle ultime settimane, ne dà un’ampia quanto molto cruda dimostrazione; ben difficilmente nel passato si sono visti esemplari così, un campionario fotografico con le efferatezze di cui è capace l’uomo.

Intitolata “Genocidio e crimini di guerra dell’Esercito pachistano e dei loro collaboratori in Bangladesh”, è composta da settantuno francobolli da 10 taka ciascuno, raccolti in un enorme foglio unico. Le stesse cartevalori risultano proposte pure in quattordici fogli più piccoli da quattro esemplari differenti.

“Rimarrà una documentazione di riferimento per l’enorme genocidio, i saccheggi, gli incendi dolosi e l’insopportabile vita cui furono costretti i profughi”, ha commentato -presentando l’iniziativa- la primo ministro Sheikh Hasina.

Ad essere precisi, i dentelli sarebbero dovuti essere settantadue. In tutte le confezioni ne manca sempre uno (il primo) e non è dato sapere il motivo, almeno per adesso: Bangladesh post office non risponde.



Per continuare a leggere "Vaccari news" cliccare sul pulsante "archivio notizie".



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366