Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria






Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

Risultati della ricerca

argomentotutti Anno2007
Parole Mesetutti
trovati 837 oggetti
>
23 Dic 2007
Dic 23 2007
00:15

Libri e cataloghi

Enciclopedico di Repubblica: ora il volume, poi gli aggiornamenti


In distribuzione il nuovo volume dell'Enciclopedico, dedicato alla Repubblica

Dopo tre anni ritorna. È il “Catalogo enciclopedico italiano 2008-2009”, dedicato alla Repubblica italiana e adesso dovuto a Carlo Catelani. Sono 832 le pagine a colori necessarie a documentare le produzioni dal 1945 in poi (prezzo di copertina, 20,00 euro).

Naturalmente, non vi sono soltanto l’elenco dei francobolli e le relative valutazioni, ma numerose altre notizie (come varietà, angoli di foglio, bollettini illustrativi, folder...) che da tempo caratterizzano il volume. Ora ulteriormente ampliato, ad esempio con un nuovo capitolo di approfondimento riguardante carta e filigrana, firmato dal presidente dell’Associazione filatelia italiana specializzata, Marcello Manelli, e l’esame di tutti i francobolli con filigrana lettere. La lente si è posata anche sui “francobolli” targati Città dei ragazzi e su ulteriori produzioni del Poligrafico (fra cui i chiudilettera con vedute di Roma e per l’Ordine dei cavalieri del lavoro). Inserito, inoltre, il misterioso 900 lire che sembrerebbe appartenere alla serie “La donna nell’arte”.

Il volume -precisa a “Vaccari news” l’editore- “è stato rivisitato, integrato e arricchito da nuove notizie, attente valutazioni e minuziose catalogazioni, con approfondimenti storici e notazioni particolareggiate, che si sviluppano fino al 2006 compreso. Le emissioni successive verranno inserite in un opuscolo a parte, che meditiamo di distribuire ogni quattro o cinque anni. La scelta ha una ragione economica, per noi e, in seconda battuta, per il cliente. Senza considerare che i dati più interessanti riguardanti le novità hanno bisogno di tempo per sedimentare, e comunque comportano l’aggiunta di un gran numero di pagine. Lo stesso approccio riguarderà il catalogo per San Marino, Vaticano e Smom”.

“Quanto ai prezzi -prosegue- occorre considerare che questo è il primo catalogo che seguiamo direttamente; abbiamo quindi rivisto l’impostazione. Tra le categorie che abbiamo voluto valorizzare figurano le varietà più eclatanti, come l’Uit ed il Derby di galoppo, e poi tutte le filigrane”. I foglietti per i diciottenni 2006 sono valutati 800,00 (l’azzurro) e 900,00 euro (il rosa), sia nuovi che usati. Su busta le quotazioni salgono a 1.500,00 e 1.600,00 euro; se si tratta dei primo giorno, complessivamente 2.000,00 euro.

Tra tanto materiale tricolore, spicca un bozzetto... turco. “Si tratta -conclude Carlo Catelani- di un saggio per la visita del presidente Giovanni Gronchi in Turchia, programmata nel 1957. Ci è piaciuto inserirlo perché è stato realizzato dal nostro Poligrafico, che per lo stesso cliente tre anni prima aveva già prodotto la serie di posta aerea, ha parte delle scritte in italiano e riguarda l’Italia”.



22 Dic 2007
Dic 22 2007
13:15

Vaticano

Vaticano, occhio ai colori!

Non si tratta della scoperta di una varietà, ma più semplicemente di un accorgimento introdotto dall’Ufficio filatelico e numismatico del Vaticano per “migliorare il servizio offerto alla nostra affezionata clientela” e, in ultima analisi, sveltire lo smistamento della posta in arrivo nonché l’evasione degli ordini.

Le buste e i moduli “di colore blue -viene precisato- sono da utilizzare esclusivamente per gli ordini filatelici”. Successivamente, secondo le utenze, verranno inviate altre buste con altri richiami cromatici, “da utilizzare per gli ordini numismatici (riquadro di colore verde) ed abbonamenti filatelici (riquadro di colore rosso)”. Le normali buste bianche potranno essere utilizzate “per le corrispondenze contenenti richieste di notizie, chiarimenti, come pure eventuali reclami”.



22 Dic 2007
Dic 22 2007
00:00

Dall'estero

La Svizzera nell’area italiana?


Reto Godenzi rappresenta anche in Italia la Posta svizzera

Ha un Cantone di lingua italiana e un altro con vallate in cui si parla italiano. Ma la filatelia tricolore non considera la Svizzera come appartenente alla propria area, tradizionalmente estesa soltanto a San Marino, Vaticano ed eventualmente allo Smom.

“Troppo spesso -spiega dalla Posta elvetica il responsabile delle vendite per la regione sud e l’Italia, Reto Godenzi- ci domandiamo perché il nostro Paese non faccia filatelicamente parte dell’area italiana. Eppure, non parliamo soltanto tedesco e francese, ma anche il romancio e appunto l’italiano, come testimoniano numerosi francobolli e, molto spesso, i bordi dei fogli, dove le indicazioni sono riportate anche nella lingua di Dante. Qui da noi, non dimentichiamolo, ci sono circa 450mila abitanti di lingua italiana, e la comunità straniera più numerosa è proprio quella italiana”.

“Politicamente la Svizzera non appartiene all’Unione Europea, ma a livello geografico fa parte a pieno titolo dell’Europa. La nostra storia è condivisa oltre le frontiere: basti pensare alla Valtellina e alla valle di Poschiavo. Queste due comunità hanno convissuto per secoli, ed ancora adesso ci sono terreni poschiavini in Italia e boschi valtellinesi in Svizzera. Oggi basta pensare al termine «Insubria» per rendersi conto che i confini non sono più quelli nazionali, come d’altro canto dimostrano i progetti che intendono creare sinergie sovranazionali, per esempio tra la Lombardia e il Canton Ticino”.

E se i grandi concetti non bastano, Reto Godenzi aggiunge l’esperienza personale. “Rappresento la Posta svizzera alle manifestazioni di «Milanofil», Riccione e all’edizione autunnale di «Veronafil». Essendo svizzero di madrelingua italiana, è inutile dire che mi sento come a casa mia, e ritengo questa vicinanza contraccambiata”.



21 Dic 2007
Dic 21 2007
13:09

Notizie dall'Italia

Le cartoline promuovono i diritti dell’uomo

I gruppi o le classi delle scuole primarie e secondarie di primo grado toscane hanno tempo fino all’1 febbraio per partecipare al concorso “Disegna la cartolina filatelica”.

Inserito all’interno del progetto “Filatelia e scuola” di Poste italiane, chiede ai partecipanti di presentare un disegno e uno slogan sul tema “Attraverso il cinema i giovani possono comunicare i loro sogni, le loro speranze e promuovere i loro diritti”.

L’iniziativa è firmata dall’Ente Cassa di risparmio di Firenze con Isi produzioni e il supporto dell’Organizzazione internazionale del lavoro. Nasce all’interno della rassegna cinematografica specializzata “Firenze festival”. Giunta alla sua ottava edizione, quest’ultima presenta i film realizzati dalle scuole dell’obbligo toscane. Intende sostenere la qualità della vita e lo sviluppo civile ed economicamente sostenibile, “contribuendo -precisano gli organizzatori- alla rivalutazione dell’identità fiorentina, delle specificità storicamente acquisite dalle antiche comunità toscane, passando alla trattazione di temi di alto spessore, quali il ruolo dei ragazzi nella società, l’integrazione razziale, il rapporto con i compagni diversamente abili, le conseguenze della globalizzazione, la necessità di salvare la natura, la presa di coscienza che esistono bambini senza scuola e sicurezza, senza gioco o sogni per un futuro migliore”. Finora il progetto ha coinvolto circa seimila bambini e ragazzi, sessantadue classi aderenti agli stage di cinematografia, ottantasei scuole vincitrici.

I lavori degli alunni partecipanti al concorso di “Filatelia e scuola” verranno giudicati dalla direzione artistica di “Firenze festival”. Non ci sarà un singolo vincitore, ma verrà privilegiata l’opera di gruppo e, quindi, la somma di tanti talenti. La cerimonia conclusiva è programmata per maggio. Ogni giovanissimo presente riceverà la cartolina con stampato un invito perché “gli adulti prendano coscienza dei diritti di tutti i bambini del mondo”. Saranno poi spedite al presidente della Repubblica, “affinché si faccia ambasciatore di questo appello presso la comunità internazionale”.



21 Dic 2007
Dic 21 2007
00:15

Notizie da Vaccari

Da domani all’Epifania gli uffici restano chiusi

Uffici chiusi, dal 22 dicembre al 6 gennaio. Anche Vaccari srl interrompe le attività per le feste di fine anno. “A nome dell’intera azienda -precisa il presidente, Paolo Vaccari- vorrei augurare ai clienti e ai lettori di trascorrere un periodo di riposo sereno e, ancora di più, di cominciare un 2008 che si riveli ricco di salute e soddisfazioni”.

Restano operative le vetrine elettroniche riguardanti francobolli e libri, anche se gli ordini saranno evasi dal 10 gennaio.

Come tradizione vuole, “Vaccari news” non si ferma, ma continuerà, giorno dopo giorno, ad informare su quanto accade nel mondo filatelico e postale.



20 Dic 2007
Dic 20 2007
17:15

Dall'estero

Area Schengen, è festa anche in posta


L'annullo italiano impiegato al valico di Fernetti questa sera

Non solo l’annullo di Villa Opicina (Trieste), che sarà impiegato tra le ore 21 e le 24 di questa sera al valico di Fernetti. La caduta dell’ennesimo muro in Europa sta generando una piccola festa dentellata.

Da questa notte -come ricordano con efficacia il 45 centesimi distribuito da Lubiana il 23 novembre e il manuale disponibile domani- non ci saranno più barriere in quasi tutto il continente. Ai quindici Paesi (tredici Ue, fra cui l’Italia, ma anche Islanda e Norvegia) che già condividono l’accordo nato il 14 giugno 1985 nella cittadina lussemburghese di Schengen, si aggiungono ora Estonia, Lettonia, Lituania, Malta, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Slovenia ed Ungheria.

Diverso nella immagine ma identico nel messaggio è il 10 corone, giunto ieri da Praga. Il semaforo con tutte le luci verdi sottolinea il fatto che non ci saranno ostacoli capaci di fermare le persone in movimento, almeno all’interno dell’area. Area che da domani si estenderà dal Portogallo all’Estonia, dall’Islanda a Malta e che in marzo accoglierà pure la Svizzera.



20 Dic 2007
Dic 20 2007
11:43

Emissioni Italia

Italia, i dettagli del programma 2008


Come nel 2006, quando alcuni sportelli postali aprirono già a Capodanno per i due 45 centesimi dedicati ai diciottenni, il 2008 dentellato italiano comincia davvero presto, il 2 gennaio

Filatelisti in coda agli sportelli postali, già dal 2 gennaio. Quando, ormai si sapeva, uscirà il 60 centesimi con cui l’Italia ricorderà i sessant’anni trascorsi dall’entrata in vigore della Costituzione. E poi gli omaggi alle infermiere volontarie della Croce rossa (il 29 gennaio), ad Amintore Fanfani (il 6 febbraio), al Liceo ginnasio “Carlo Combi” che esisteva a Capodistria (9 febbraio), all’Olivetti (12 febbraio) e così via.

Fermo restando il punto di domanda sull’emissione dedicata ai diciottenni, posizionata in cima alla lista ma che, in base ai recenti avvenimenti, è restata nella cartellina delle idee da ripensare e definire.

Nero su bianco, con date e nominali, il calendario firmato da Poste italiane per il 2008. Calendario, è bene ricordarlo, provvisorio e suscettibile di modifiche in corso d’opera. Le emissioni decise lunedì scorso, ad esempio, non hanno ancora trovato una collocazione formale.



20 Dic 2007
Dic 20 2007
00:00

Giornali, riviste e siti

La Sicilia? Occupata!


Disponibile il nuovo numero di «Sicil-post magazine»

Apre con l’articolo di Giulio Santoro sull’arrivo dei militari alleati e sulle conseguenze nei traffici postali del 1943-44 il numero 15 di “Sicil-post magazine”. È il proseguimento di quanto pubblicato sul volume precedente del periodico, edito dall’Associazione nazionale di storia postale siciliana e in vendita a 12,00 euro. Lo studio, anche grazie alle numerose illustrazioni, occupa buona parte delle 56 pagine a colori, e non si completa. Annunciata, infatti, una terza parte.

Tra gli altri argomenti toccati, figurano le prefilateliche dei Borbone nella provincia di Catania (l’autore è Cateno Nisi), il bollo di Acireale in transito (Giuseppe Natoli Rivas), i riflessi sul servizio postale durante la rivoluzione del 1820-21 (Vito Mancini). Sergio Leali scrive del recente francobollo per Ferrante Gonzaga: nel 1535 Carlo V nominò il condottiero mantovano a viceré di Sicilia.



19 Dic 2007
Dic 19 2007
20:20

Emissioni Italia

Sarà ricordato Modugno. Diciottenni bloccati


Dopo San Marino, che lo ha celebrato il 25 maggio 1996, l'anno prossimo Domenico Modugno e il suo successo saranno ricordati dall'Italia

La celebre canzone “Nel blu dipinto di blu”, a mezzo secolo dal lancio e già ricordata nel 1996 da San Marino, diventerà un dentello italiano. È una delle integrazioni 2008 discusse lunedì dalla Consulta per l’emissione delle cartevalori postali e la filatelia e formalizzata questa sera dal ministero alle Comunicazioni. Sarà un francobollo -precisano dal dicastero- per celebrare “il «quasi inno nazionale» «Volare»”, il successo mondiale di Domenico Modugno.

La Consulta ha inoltre dato parere favorevole ad un’emissione dedicata ai cento anni del “Corriere dei piccoli”, che “ha rappresentato la prima grande testata a fumetti dell’editoria italiana”, e ad un’altra riguardante la storica “Ducati”. Quest’ultima costituirà la prima tappa della nuova serie tematica riguardante le moto nazionali.

Disco verde anche ai 2.500 anni del Tribuno della plebe nella Roma repubblicana, introdotto per tutelare le classi meno abbienti, e al terremoto di Messina del 1908, “per dare un tributo alle energie profuse con dedizione e generosità dagli italiani e dai siciliani in particolare nella non facile opera di ricostruzione”. Ancora, otterranno un saluto la Biblioteca malatestiana di Cesena, da inserire nella serie tematica “Il patrimonio artistico e culturale italiano”, il pittore Pinturicchio, al quale sarà dedicata una mostra negli Stati Uniti, lo scrittore Edmondo De Amicis nel primo centenario della morte, il filosofo Ludovico Gèymonat, del quale ricorre il secolo dalla nascita, e infine il centenario del sindacato dei giornalisti, cioè la Federazione nazionale della stampa italiana.

Ferma al palo la tanto problematica emissione dedicata ai diciottenni. È stato deciso, infatti, “di prevedere un ulteriore approfondimento sulla fattibilità giuridico-amministrativa e tecnico-organizzativa dell’iniziativa”.

Quanto al 2009, verranno ricordati il giornalista e scrittore Indro Montanelli e il filosofo Norberto Bobbio, entrambi classe 1909, padre Agostino Gemelli, nel cinquantenario della morte, la canzone di Mina “Tintarella di luna” e il XIII Campionato del mondo delle discipline acquatiche, che si terrà a Roma fra due anni.



19 Dic 2007
Dic 19 2007
10:18

Emissioni Italia

Consulta: i diciottenni fanno dimettere Bolaffi e D’Arrò

Il progetto per il francobollo 2008 “Diciottenni”, notevolmente modificato rispetto all’edizione originale, non piace e scattano le dimissioni. Ad aver rimesso il mandato dalla Consulta per l’emissione di cartevalori postali e la filatelia sono l’editore Alberto Bolaffi ed il giornalista Umberto D’Arrò, tra i più forti sostenitori della prima edizione.

In base agli ultimi sviluppi e ad alcune indiscrezioni (l’iniziativa non è ancora stata ufficializzata nei dettagli), il francobollo dovrebbe essere consegnato a tutti gli aventi diritto secondo modalità simili al 2006.

Il punto forte sarebbe collegarlo a facilitazioni per concerti e per altre iniziative. La carta valore, che secondo gli auspici iniziali dovrebbe promuovere il mondo della filatelia, diventerebbe sostanzialmente un gadget. Un mezzo, insomma, per ottenere benefici che non riguardano questo settore.

Parte delle rimanenze potrebbero essere distribuite con un metodo ancora da stabilire, come un’asta, fra i collezionisti.

Più consolidata sarebbe un’altra scelta: non ci sarebbe la doppia versione rosa-azzurro, ma una sola, valevole per ragazze e ragazzi.

Notizia aggiornata il 20 dicembre 2007.



Per continuare a leggere "Vaccari news" cliccare sul pulsante "archivio notizie".



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366