Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria
CHIUSURA ESTIVA

Uffici chiusi da lunedì 5 a venerdì 30 agosto.

Nel periodo di chiusura approfitta delle spese di spedizione GRATIS!
È possibile inviare gli ordini, che verranno evasi in ordine di arrivo alla riapertura.

Buone vacanze a tutti.







Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

Risultati della ricerca

argomentotutti Anno2011
Parole Mesetutti
trovati 1377 oggetti
>
31 Dic 2011
Dic 31 2011
20:45

Vaticano

Giovani e giustizia

Sono i due richiami scelti da Benedetto XVI per celebrare domani la “Giornata mondiale della pace”. Pronto l’annullo…


L'annullo

“Educare i giovani alla giustizia e alla pace”. È questo il filo conduttore del messaggio che Benedetto XVI ha firmato in occasione della “Giornata mondiale della pace”.

Per la quarantacinquesima volta, si consumerà l’1 gennaio. Così da permettere al pontefice di “rivolgere a tutti, con grande fiducia e affetto, uno speciale augurio per questo tempo che ci sta dinanzi, perché sia concretamente segnato dalla giustizia e dalla pace”. Ma, in particolare, “si tratta di comunicare ai giovani l’apprezzamento per il valore positivo della vita, suscitando in essi il desiderio di spenderla al servizio del Bene. È un compito, questo, in cui tutti siamo impegnati in prima persona”.

La ricorrenza lascerà una traccia anche a livello postale. L’operatore vaticano, infatti, ha messo a punto un annullo che riporta la data di domani e che sarà disponibile per un mese dal giorno 2. Al centro del bollo, una fra le più classiche rappresentazioni sull’argomento: la colomba in volo con, nel becco, il ramo d’ulivo.



31 Dic 2011
Dic 31 2011
16:13

Notizie dall'Italia

Il servizio ai cittadini letto con l’Istat

Tra gli aspetti considerati dall’“Annuario statistico italiano”, accessibilità e tempi di attesa agli uffici postali

Cittadini in fila, e pure con difficoltà. Attendere, per troppo tempo, il proprio turno davanti ad uno sportello resta una costante. A dirlo è l’Istituto italiano di statistica che, prima di lavorare i dati del “XV Censimento nazionale delle famiglie e delle abitazioni”, ha firmato l’edizione 2011 dell’“Annuario statistico italiano”. Elaborando in ventisei capitoli la situazione e aggiungendovi un raffronto con i quattro anni precedenti.

Nel 2011 la quota di famiglie che denuncia difficoltà di accesso a servizi di pubblica utilità, quali farmacie, pronto soccorso, uffici postali e comunali, forze dell’ordine e servizi commerciali costituisce ancora una porzione rilevante, specialmente in alcuni contesti territoriali. Le situazioni più serie -si legge nella parte dedicata a “Famiglie e aspetti sociali vari”- “continuano a manifestarsi relativamente al pronto soccorso (54,8 per cento) e alle forze dell’ordine (38,3 per cento), seguono gli uffici comunali (34,2 per cento), i supermercati (29,2 per cento) e gli uffici postali (26,7 per cento)”. Sapendo che i residenti nel Mezzogiorno risultano particolarmente sfavoriti nel raggiungere tutti i supporti indicati.

Il numero dei maggiorenni che ha utilizzato almeno una volta nell’anno i servizi di sportello varia dal 71,0 per cento degli uffici postali al 43,5 per cento di quelli anagrafici. In una situazione intermedia (49,5 per cento) si collocano le sedi amministrative delle Asl. Per quel che concerne Poste italiane, le attese più lunghe riguardano coloro che devono ritirare le pensioni (56,6 per cento) o effettuare un versamento in conto corrente (47,6 per cento). In generale, è necessario aspettare di più al Centro o nel Mezzogiorno. Nel Sud il 70,8 per cento della popolazione dichiara di attendere in fila per più di venti minuti nel caso della pensione, laddove nel Nord tale fetta scende al 36,1 per cento. Rispetto al 2010, la quota di utenti che ammette tempi di attesa superiori ai venti minuti per le varie operazioni svolte presso gli uffici postali non è variata in maniera statisticamente significativa.



31 Dic 2011
Dic 31 2011
12:41

Dall'estero

Da Pyongyang il cordoglio e la successione

Due francobolli da 70 won, raccolti in altrettanti foglietti, sottolineano il passaggio del timone dopo la scomparsa del “caro leader”

Consiste in due francobolli raccolti in altrettanti foglietti il primo omaggio che la Corea del Nord ha tributato al “caro leader”, in seguito alla sua scomparsa avvenuta il 17 dicembre. A darne la notizia sono i media locali, ripresi dalla stampa cinese.

Entrambi gli esemplari valgono 70 won e hanno debuttato ieri, dopo i dieci giorni proclamati di lutto e dopo le esequie svoltesi il 28.

In uno campeggia la foto di Kim Jong Il, associato ai fiori della pianta che ne porta il nome, la kimjongilia, e a quelli di magnolia. Nell’altra carta valore compare al fianco del figlio predestinato a succedergli Kim Jong Un, mentre sul bordo viene richiamato il monte Paektu, sacro all’iconografia politica locale. La fotografia è stata scattata il 4 dicembre scorso. Tradotte, le frasi che caratterizzano i margini suonano “Il grande leader camerata Kim Jong Il vivrà per sempre” e “Il grande leader camerata Kim Jong Il sarà sempre con noi”. Gli esemplari -è il commento che arriva da Pyongyang- riflettono la sua vita, quella di “un patriota senza pari e un padre del popolo dal cuore tenero, che ha vissuto con ardente amore e grande devozione per il Paese e il popolo”.



31 Dic 2011
Dic 31 2011
00:23

Notizie da Vaccari

Tra convegni, mostre ed iniziative

L’anno che sta per chiudersi visto attraverso le attività realizzate dalla ditta


Il presidente della società, Paolo Vaccari

“Il 2011 si è caratterizzato per un impegno particolare, volto a commemorare il centocinquantesimo anniversario dalla proclamazione del Regno d’Italia, e il nostro contributo non è mancato”, ricorda il presidente della società, Paolo Vaccari. “Penso all’esposizione di Montecitorio «Quel magnifico biennio 1859-1861», dove abbiamo collaborato prestando numerosi pezzi importanti, ma abbiamo avuto la possibilità di proporre la filatelia in contesti diversi, fra i quali l’importante allestimento di Venaria Reale «La reggia d’Italia - La bella Italia - Arte e identità delle città capitali». In questa stessa ottica si inseriscono alcune iniziative, come la ristampa del lavoro dovuto a Eduard Paul Ohnmeiss «Dai moti carbonari a Ciro Menotti 1820-1831», o il saggio di Enrico Sturani, presentato anche in ambienti di prestigio, «Italia! Sveglia! Uno Stivale di cartoline - Tutti i simboli della nostra Patria»”.

“Poi, naturalmente, c’è il resto. Cito, giusto per dare qualche idea, l’asta del 7 maggio, la presenza ai maggiori convegni commerciali italiani di filatelia -ossia «Milanofil», «Romafil» e le due edizioni di «Veronafil»- nonché la partecipazione ad una serie, selezionata, di appuntamenti diversi, da «Militalia» a «Più libri più liberi». Cui si aggiungono una significativa attività editoriale, i due numeri del semestrale «Vaccari magazine», il quotidiano on-line «Vaccari news», i cataloghi «Vendita a prezzo netto», «Libreria filatelica» e «Libreria storica». E non va dimenticato il supporto ad importanti esposizioni, fra le quali la recentissima «Monacophil». Tutte idee volte a presentare la filatelia come strumento culturale, che però non dimentica i risvolti economici del materiale. È anche per questo che abbiamo sempre garantito le nostre vendite, certificando formalmente, e come azienda, gli articoli più importanti”.

Accanto al quadro nazionale, quello locale, perché la ditta è di Vignola e dedica al territorio parte della propria attenzione. “Su questo aspetto vorrei indicare la rassegna «Libriamodena», l’intervista a Telesanterno, conferenze come quella tenuta al Lions, la collaborazione con Poste italiane in occasione dell’apertura della nuova filiale nel capoluogo provinciale. E, a proposito di Poste, non posso non citare il nuovissimo libro, edito in esclusiva, «Buon Natale! Il libro-album per la raccolta dei francobolli italiani sul Natale 1970-2010», dovuto a Fabio Bonacina”.

Le attività imprenditoriali non perdono di vista i drammi della cronaca; ecco dunque il lotto benefico inserito nell’asta e destinato ad aiutare l’Associazione sostegno ematologia oncologia pediatrica, oppure gli interventi in favore dell’Unicef e degli alluvionati di Liguria e Toscana.



30 Dic 2011
Dic 30 2011
18:14

Notizie dall'Italia

I francobolli di Fiume raggiungono il Vittoriale

La raccolta-accumulazione, donata dal giornalista Augusto Traina, fa parte dell’ultimo gruppo di acquisizioni


Al Vittoriano la collezione di Augusto Traina

La nuova stagione del Vittoriale, oggi guidato da Giordano Bruno Guerri, si incrementa gradualmente di altri tesori. Ha fatto scalpore, un mesetto fa, la consegna a Gardone Riviera (Brescia) dell’obelisco di quasi sette metri ceduto da Arnaldo Pomodoro e giunto con un elicottero. “Apparirà al visitatore come quello che incantava Andrea Sperelli nel «Piacere»”, ha commentato il presidente: “L’obelisco era tutto roseo, investito dal sole declinante; e segnava un’ombra lunga, obliqua, un po’ turchina… pareva uno stelo d’àgata. Tutte le cose prendevano un’apparenza più ricca, a quella ricca luce autunnale”.

Meno appariscenti ma altrettanto significative sono le restanti acquisizioni, come il ritratto di Gabriele D’Annunzio realizzato da Luca Del Baldo, i cimeli aeronautici di Maria Fede Caproni, i documenti di Anselmo Viti, i carteggi dalla collezione di Licio di Luzio e poi i francobolli regalati dal giornalista Augusto Traina.

“Si tratta -spiega a «Vaccari news» lo stesso Traina, parlando di questi ultimi- di una imponente raccolta-accumulazione di francobolli che copre il periodo dal plebiscito di Fiume al regime interalleato, all’ingresso dei legionari sino al termine della vicenda dannunziana e all’annessione al Regno d’Italia. La raccolta è costituita da fogli, blocchi e francobolli singoli. Molte le perizie accluse e le rarità”.

Come mai tale interesse? “Il mio interesse per Gabriele D’Annunzio risale agli anni della giovinezza… Ho ritenuto giunto il momento di accrescere il patrimonio storico del Vittoriale con la donazione di un materiale importante che consentì di arricchire le vuote casse di Fiume e lasciare in tutto il mondo la memoria dell’impresa straordinaria”.

Augusto Traina è specializzato, in particolare, sul “Vate”. Nel 2003 ha firmato il volume “Gabriele D’Annunzio - Le immagini di un mito”, realizzato dalle edizioni L’epos. Corredato di un colto saggio di Patrizia Veroli, è la sua precisazione, offre “moltissime illustrazioni che provengono dal mio archivio”. È prossima l’uscita di un nuovo libro.



30 Dic 2011
Dic 30 2011
13:07

Notizie dall'Italia

Pubblicità, l’offensiva di Poste

Numerose, in questi giorni, le campagne promozionali firmate dall’azienda. Spaziando dagli invii d’affari al risparmio


Il richiamo all'invio di denaro

Da Postexport (“un mondo di destinazioni per il tuo business”) a postepay.it (“la community che ti somiglia”), da “Postemailbox” (l’ufficio postale “ha un nuovo indirizzo. Il tuo”) all’invio di denaro con Moneygram. In questi giorni Poste italiane ha varato una sostanziosa campagna pubblicitaria che richiama più argomenti.

Il filone principale, però, tocca il tasto del risparmio: in questi mesi difficili subordinati dallo spread cerca di indurre il pubblico a scegliere i servizi e i prodotti disponibili dietro agli sportelli della società. Come il conto corrente Bancoposta, che per tutto il 2012 garantirà il 4% annuo sui nuovi depositi. Oppure i libretti di risparmio, concordati con Cassa depositi e prestiti e rivolti a minori o adulti. Il 31 dicembre, ad esempio, scade una promozione che, a determinate caratteristiche, permette di ottenere un rendimento compreso tra il 4,80% ed il 4,99%. Probabilmente -commenta “Milano finanza”- “il nuovo bonus di fine anno è stato lanciato anche per rispettare i target di raccolta del risparmio postale fissati dalla Cdp e sulla base dei quali viene stabilita la remunerazione della società di Sarmi”.



30 Dic 2011
Dic 30 2011
10:58

Notizie dall'Italia

Spedizioni editoriali - Pubblicato il decreto-legge

L’attuale regime rimarrà fino al 31 dicembre 2013. Associazioni ed organizzazioni senza fini di lucro, d’arma e combattentistiche potranno richiedere le stesse tariffe postali riconosciute alle aziende


Il premier Mario Monti ieri alla conferenza stampa

Il 23 dicembre la decisione dell’Esecutivo, ieri sera l’inserimento in “Gazzetta ufficiale” e la contemporanea entrata in vigore. Sapendo che comunque il testo dovrà passare alle Camere per la sua conversione.

È il decreto-legge del 29 dicembre n°216, “Proroga di termini previsti da disposizioni legislative”, che, nei suoi trenta articoli, richiama una serie variegata di settori. Quello postale è citato, sostanzialmente, nel n°21.

Oltre ad una norma transitoria sul personale appartenente a Poste italiane spa da inquadrare in amministrazioni pubbliche, si occupa delle tariffe agevolate per le spedizioni a carattere editoriale. Queste ultime, se inoltrate dalle imprese editrici di quotidiani e periodici iscritte al Registro degli operatori di comunicazione (Roc) e dalle imprese editrici di libri, continueranno a godere dell’attuale regime, introdotto con l’1 settembre 2010 ed operativo fino al 31 dicembre 2013 (il termine precedente era il 31 dicembre 2012). Naturalmente, sempre “senza oneri a carico del bilancio dello Stato”.

Novità anche se i mittenti sono onlus. Da ieri e ancora fino al 31 dicembre 2013 -è la norma- “i gestori dei servizi postali sono autorizzati ad applicare apposite tariffe per le spedizioni di prodotti editoriali con riferimento alle associazioni ed organizzazioni senza fini di lucro e alle associazioni d’arma e combattentistiche”, ferma anche per queste la necessità dell’iscrizione al Roc. Sono esclusi “i periodici per i quali i relativi abbonamenti siano stati stipulati, a titolo oneroso, direttamente dai destinatari, per una percentuale inferiore al 50 per cento del totale degli abbonamenti”. Dettaglio importante, “non si applica l’articolo 3, comma 1, del decreto-legge 24 dicembre 2003, n°353”, ossia quello che prevede i rimborsi da parte del Dipartimento per l’informazione e l’editoria, attivo presso la Presidenza del Consiglio.

A proposito di Governo, ieri il premier Mario Monti, nell’ambito della conferenza stampa di fine anno e riferendosi agli appuntamenti europei di fine gennaio, ha parlato di “uno sforzo intenso e spero ben distribuito sul fronte concorrenza e liberalizzazione”. Ci saranno sorprese anche tra lettere e pacchi?



30 Dic 2011
Dic 30 2011
01:16

Notizie dall'Italia

I francobolli nel corridoio degli gnomi

Citazione filatelica nel film di animazione “Arrietty - Il mondo segreto sotto il pavimento”


La locandina del film

Chi potrebbe utilizzare dei singoli francobolli per abbellire il corridoio di casa? Semplice, degli gnomi. Ed è quello che si vede in “Arrietty - Il mondo segreto sotto il pavimento”, film di animazione prodotto in Giappone nel 2010 e che ha raggiunto il pubblico italiano.

Racconta la storia di una famiglia di tre piccoli esseri molto umani. Tranne forse il padre, che spesso risponde a… mugugni. Sono nascosti sotto ad una casa “vera” dal lussureggiante giardino alla periferia di Tokyo e sopravvivono di “prestiti”: oggetti (il fazzoletto di carta, la zolletta di zucchero…) presi di notte così da non farsi notare. Perché la condizione principale per continuare il proprio tran-tran è evitare i contatti con gli umani di grandi dimensioni. Sarà Arrietty, la quattordicenne protagonista della vicenda, ad infrangere il divieto, finendo per farsi vedere e per parlare con il coetaneo Sho, in attesa di una difficile operazione al cuore.

Sotto la regia di Hiromasa Yonebayashi, viene lanciato, fra l’altro, un messaggio dai connotati ambientalisti, associato al richiamo delle teorie darwiniane sulla lotta per la sopravvivenza. Un presagio a quanto sarebbe accaduto a Fukushima?



29 Dic 2011
Dic 29 2011
19:08

Dall'estero

Le Samoa non vivranno San Silvestro

Passerà dal 30 dicembre direttamente all’1 gennaio, così da allinearsi con il calendario degli attuali partner commerciali

Lo chiamano “lost day”, ossia “giorno perso”. Ed è quello che verrà registrato domani nelle Samoa, le piccole isole da 193mila abitanti del Pacifico che hanno deciso di orientarsi differentemente. Allo scoccare della mezzanotte, infatti, si considereranno dall’altra parte della linea teorica che regola il cambio di data. Da ultime terre emerse del mondo a vedere il sorgere del nuovo giorno, diverranno le prime.

Ciò vuol dire che passeranno direttamente dal 30 dicembre all’1 gennaio, senza vivere le ventiquattro ore intermedie. Così da allinearsi con i ritmi degli attuali partner commerciali più importanti, ossia Australia, Cina e Nuova Zelanda.

Un cambio epocale, che vale una serie specifica, disponibile dal 15 dicembre sotto il nome “Un salto nel futuro”. Si tratta di due esemplari da 2,50 e 3,00 taia uniti da una bandella, che cercano di rappresentare graficamente -attraverso un tassello di puzzle mancante- quel che sta per succedere.

Nel 1892 le Samoa fecero il percorso inverso, così da relazionarsi meglio con i loro interlocutori del tempo, principalmente l’Europa e gli Stati Uniti.



29 Dic 2011
Dic 29 2011
15:20

Notizie dall'Italia

Ma quanti sono i Paesi del mondo?

L’Onu ne coinvolge 193; Poste italiane, però, dichiara di poter spedire pacchi in oltre 200…

Ma quanti sono gli Stati del mondo? I membri delle Nazioni Unite risultano 193, ed è vero che l’Onu non li comprende tutti; qualcuno -Formosa (sostituita nel 1971 dalla Cina Popolare) e Vaticano (presente solo in qualità di osservatore come Santa Sede)- manca all’appello.

Ha colpito non poche persone, però, la pubblicità di Poste italiane che dichiara, presentando Postexport (cioè “la nuova gamma di spedizioni internazionali per inviare documenti e merci in tutto il mondo”), o più semplicemente i servizi di corriere espresso, di consegnare “in oltre 200 Paesi”.

Una campagna che ha originato qualche nota salace. Come quella pubblicata dal “Giornale”. “Svelato il mistero”, si legge. “Sicuramente tutti i nostri pacchi smarriti vanno a finire nei sei Paesi e più che conoscono solo i dirigenti” dell’azienda.

In realtà, il diritto internazionale si presta ad interpretazioni plurime, secondo cosa si intende dimostrare. Se l’essere membro dell’Onu è un dato inequivocabile, esistono territori autoproclamatisi indipendenti nonché casi riconosciuti da pochi o tanti attori, ed oggi non rappresentati in quanto tali al Palazzo di vetro. Fra gli altri, Palestina, Sahara Occidentale, Sovrano militare ordine ospedaliero di san Giovanni di Gerusalemme di Rodi e di Malta (tutti osservatori), ma anche Abkhazia, Cipro Turca, Kosovo, Nagorno-Karabakh, Somaliland…



Per continuare a leggere "Vaccari news" cliccare sul pulsante "archivio notizie".



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366