Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria






Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

Risultati della ricerca

argomentotutti Anno2017
Parole Mesetutti
trovati 1547 oggetti
>
27 Dic 2017
Dic 27 2017
00:45

Dall'estero

Ed ora il libretto

Gli stadi di “Russia 2018”, già visti nei tre fogli da otto esemplari (due per soggetto), sono stati ripresi in dodici foglietti inseriti in un carnet


La copertina…

Non paga dei tre fogli da due serie usciti, il 25 dicembre Mosca ha emesso -d’altro canto, era previsto- anche un libretto dedicato agli stadi di “Russia 2018”.

Il carnet contiene i già visti francobolli con i dodici impianti scelti per il Campionato mondiale di calcio, a ciascuno dei quali questa volta dedica un foglietto. I nominali e le immagini sono appunto gli stessi adottati nel tempo, ossia i quattro da 21,00 rubli (riguardano l’emissione del 17 novembre 2015, con il “Fišt” di Sochi, il “Lužniki” e lo “Spartak” di Mosca, il “Kazan arena” di Kazan), i quattro da 21,50 (26 agosto 2016, dedicati agli “Arena” di Volgograd, Ekaterinburg, Rostov sul Don e Samara), i da quattro 22,00 (23 agosto 2017, incentrati sul “Baltika” di Kaliningrad, il “Nižnij Novgorod” di Nižnij Novgorod, lo “Zenit arena” di San Pietroburgo ed il “Mordovia arena” di Saransk).

In copertina figura la carta nazionale con individuate le città ospiti e la mascotte “Zabivaka”; al suo interno compaiono pure delle brevi storie inerenti alle strutture sportive rappresentate.

L’insieme porta la firma di Olga Shushlebina.



26 Dic 2017
Dic 26 2017
17:45

Dall'estero

“Brexit”, ci sarà il francobollo?

A richiederlo sono i sostenitori dell’uscita dalla Ue, fissata al 29 marzo 2019. Ma, almeno per adesso, non trovano il necessario sostegno

Mentre la Spagna si confronta dopo il risultato del nuovo referendum catalano che ha visto primeggiare ancora una volta gli indipendentisti, lo sguardo volge a Londra.

Nel dibattito sulla “Brexit”, si fa notare il rifiuto di un francobollo-annuncio. È la cosa non è piaciuta ai richiedenti. I quali hanno ricordato ad esempio la serie in favore delle Comunità europee, emessa quando il Regno Unito vi entrò. Datata 3 gennaio 1973, è composta da tre cartevalori, una da 3 e due da 5 pence in coppia.

La risposta negativa è stata definita “decisamente oltraggiosa”, riporta ad esempio la testata “Express”, affidando uno dei commenti al deputato conservatore Peter Bone. “È un nuovo e importante capitolo per la storia del Paese ed abbiamo un obbligo morale nel sottolinearlo”. Dal Governo, comunque, prendono tempo: “Sembra prematuro, ma di certo l’idea richiede maggiore considerazione. I momenti importanti della nostra storia sono stati segnalati da Royal mail”.

Ovviamente di segno contrario risultano coloro che si sono opposti alla scelta, come la responsabile del gruppo di lavoro per rimanere nell’Unione, Eloise Todd. “Royal mail non sta facendo cartevalori perché quello della «Brexit» è risultato un giorno di lutto, non una celebrazione, per milioni di persone le quali credono che il Regno Unito debba guidare l’Europa, non lasciarla”.



26 Dic 2017
Dic 26 2017
13:37

Pubblicità redazionale

  Poste Italiane celebra la Costituzione

Un folder filatelico, in occasione del 70° anniversario della promulgazione della Costituzione della Repubblica Italiana


Il giorno 27 dicembre il Ministero dello Sviluppo Economico emette un francobollo celebrativo del 70° anniversario della promulgazione della Costituzione della Repubblica Italiana.

Oltre ai consueti prodotti legati all’emissione, cartolina e tessera, Poste Italiane, per celebrare questo importante avvenimento, ha realizzato un folder filatelico (tiratura 8.000 pezzi) che viene posto in vendita (al costo di € 12,00) nella stessa data di emissione del francobollo.

Il folder contiene un francobollo, una cartolina correlata all’emissione ed una busta personalizzata, entrambe affrancate ed annullate Spazio Filatelia Roma (Piazza San Silvestro 20) con l’annullo speciale realizzato da Filatelia di Poste Italiane.

Il francobollo ed i prodotti filatelici correlati possono essere acquistati presso gli Uffici Postali, gli “Spazio Filatelia” di Firenze, Genova, Milano, Napoli, Roma, Roma 1, Torino, Trieste, Venezia, Verona e sul sito poste.it.



26 Dic 2017
Dic 26 2017
10:23

Emissioni Italia

Non dimenticare Lucio Dalla

È quanto suggerisce il commerciante filatelico Luca Gherardi. Da tempo ha proposto un francobollo per il cantante, che il prossimo 4 marzo avrebbe compiuto settantacinque anni


Era nato il 4 marzo 1943

Un francobollo per Lucio Dalla? Lo stesso sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli, l’aveva buttata lì, come un’ipotesi; era il 21 ottobre 2016. Ma nel programma di quest’anno non s’è visto e -per quel che si conosce ora- nemmeno in quello del 2018.

Una buona occasione sarebbe il prossimo 4 marzo, nel settantacinquesimo anniversario trascorso dalla nascita. Pensando appunto a tale data, il 19 agosto 2016 il commerciante filatelico Luca Gherardi aveva provveduto ad inviare una proposta al ministero dello Sviluppo economico. “Potrebbe essere una buona occasione per commemorare una gloria italiana conosciuta anche all’estero”, ha scritto nella domanda. Il “Festival della canzone italiana” di Sanremo ha testimoniato, con il brano “La sera dei miracoli” reinterpretato dagli Stadio, che il protagonista “è sicuramente uno dei cantanti più amati in tutta Italia e da persone di tutte le età. Il massimo sarebbe distribuire il francobollo il 4 marzo 2018 nella «sua» piazza Maggiore a Bologna”.

Ci si riuscirà? Settimana scorsa il dicastero ha introdotto una nuova serie ordinaria, “Le eccellenze italiane dello spettacolo”, dove già compaiono Mia Martini e Domenico Modugno. “Sono artisti bravissimi”, conclude il sostenitore, ma la prima, ora, non ha anniversari specifici ed il secondo è stato celebrato indirettamente con un foglietto da 0,60 euro il 25 febbraio 2008.



26 Dic 2017
Dic 26 2017
00:32

Appuntamenti

Il territorio visto dagli alunni

Dopo il corso di filatelia, i giovanissimi della scuola primaria di Ronzo-Chienis (Trento) hanno realizzato la mostra. È visitabile sino al 31 gennaio


Dal corso alla mostra

Un’ulteriore mostra, accanto a quelle già segnalate, caratterizza il periodo natalizio. È stata allestita a Ronzo-Chienis (Trento) con il supporto del Circolo culturale numismatico filatelico roveretano.

A dirla tutta, è un po’ particolare, poiché rappresenta l’esito del seminario dedicato al collezionismo di francobolli rivolto -grazie all’impegno della maestra Patrizia Ciaghi, del rappresentante del sodalizio Renzo Bianchi e della postale Patrizia De Pascali- ai bimbi che frequentano la quinta classe alla locale scuola primaria. Il percorso -spiega il segretario dell’associazione, Nereo Costantini- “mette in evidenza la ricerca fatta dagli alunni nel corso dei dieci incontri. Gli argomenti trattati in modo molto approfondito con didascalie e foto sono stati il Trentino nei suoi luoghi più caratteristici, i personaggi più illustri, la sua storia e in particolare un periodo della Prima guerra mondiale riferito alla valle di Gresta”. È raggiungibile, fino al 31 gennaio, presso la biblioteca: si trova in via Teatro 13/b ed è aperta gratuitamente dal lunedì al venerdì tra le ore 14.30 e le 17.30.



25 Dic 2017
Dic 25 2017
17:57

Emissioni Italia

Natale/2 Quella proposta al ministro Spagnolli

Nella rivista “Filatelia” del 25 dicembre 1967 il suggerimento di dedicare un’emissione italiana alla festività. L’idea venne adottata tre anni dopo e da allora sempre confermata


La proposta

“È facile mettere in imbarazzo l’Amministrazione delle poste, suggerendo nuovi temi per le emissioni”. Esordiva così una nota pubblicata dalla rivista “Filatelia” nel numero datato 25 dicembre 1967, mezzo secolo fa esatto oggi. La pagina, firmata da Mario Materassi, cita la serie sottoscritta il 14 dicembre 1959 dal Vaticano in vista del Natale, proponendo in particolare il 15 lire con un’opera di Raffaello Sanzio, peraltro la stessa immagine presente negli altri valori, da 25 e 60.

Scelta non a caso. Pur sapendo -prosegue il riquadro- “che i responsabili delle nuove emissioni saranno sommersi da pro-memoria e suggerimenti”, avanza la proposta, diretta al ministro Giovanni Spagnolli. Il tema collegato alla nascita di Gesù -vi si legge- potrà trovare “una buona accoglienza in via del Seminario (allora, in quella centralissima strada di Roma aveva sede il dicastero delle Poste e delle telecomunicazioni, ndr), tenendo conto che moltissimi Paesi hanno già dedicato a questo tema serie commemorative e che l’Italia, centro della Cristianità, è anche la patria del presepe”, alludendo a quello di Greccio (Rieti), voluto da san Francesco.

L’idea sarebbe stata adottata -e mantenuta nel tempo fino ad oggi- tre anni dopo, quando, era il 12 dicembre 1970, sarebbero giunti due francobolli con altrettanti dipinti. Sono il 25 lire con la Vergine adorante il Bambino di Filippo Lippi ed il 150 lire aereo per l’opera riguardante la visita dei magi di Gentile da Fabriano. Negli ultimi tempi il titolo è stato inquadrato nel modulo tematico “Le ricorrenze”, che con le nuove linee guida rivelate settimana scorsa è ritornato ad essere “Le festività”.



25 Dic 2017
Dic 25 2017
14:05

Vaticano

Natale/1 Pronti annullo, buste e folder

Il manuale, con la data odierna, cita il dipinto dello Spagna noto come “Madonna della Spineta”. È conservato ai Musei vaticani


Auguri d’autore

Anche per il 2017, le Poste vaticane non hanno fatto mancare il manuale-ricordo datato 25 dicembre. Resterà a disposizione degli interessati fino al prossimo 27 gennaio presso l’ufficio obliterazioni.

Vi è raffigurato un particolare tratto dal dipinto “Natività e arrivo dei magi”, detto “Madonna della Spineta”. Venne realizzato da Giovanni di Pietro, più noto come lo Spagna: vissuto tra il 1450 circa ed il 1528, fu allievo del Perugino. L’opera -prodotta ad olio su tavola- è databile attorno al 1507 ed è conservata ai Musei del minuscolo Paese.

Sottoscritte internamente le due buste collegate. Riproducono la stessa scena, nel particolare con i protagonisti e nella sua interezza. Sono affrancate con i due tagli augurali, da 0,95 e 1,00 euro, datanti 23 novembre. Il costo della coppia è di 5,00 euro, 10,00 se inserita nel folder illustrato. Il contributo per le spese di spedizione via raccomandata è di 1,50 per i due plichi semplici, 2,50 se nel contenitore. Le richieste vanno inoltrate tramite vaglia postale internazionale o assegno bancario non trasferibile all’ordine di Poste vaticane, Governatorato, 00120 Città del Vaticano.



25 Dic 2017
Dic 25 2017
10:23

Appuntamenti

Gli invii… errati di Alighiero Boetti

Centottantuno cartelle contengono le fotocopie dei plichi che l’artista spedì volutamente a indirizzi sbagliati. È la mostra “Dossier postale 1969-1970”


“Dossier postale” in mostra fino al 26 gennaio

Il suo rapporto con il settore è noto. L’allestimento “Dossier postale 1969-1970. Alighiero Boetti con Clino Castelli”, che l’Accademia di Brera propone fino al 26 gennaio, permette però di approfondire uno specifico capitolo.

È una mostra “difficile” e visivamente “dura”, perché meno concede all’occhio dello spettatore, avvertono gli organizzatori. Tuttavia, racconta il suo approccio, se si vuole un po’ sadico pensando alle difficoltà create ai portalettere…

Consiste in centottantuno cartellette grigie, povere, uniformi, contenenti ciascuna la fotocopia di una busta inviata ad un amico presso un indirizzo che l’autore sapeva essere errato. Riavuto il plico con la dicitura “Sconosciuto”, l’artista lo infilava in un involucro più grande e lo inoltrava ad un altro recapito altrettanto sbagliato. E così via, per quante tappe aveva deciso dovesse durare quel viaggio, reale e virtuale insieme. Una massa di materiali raccolta per mesi, poi accantonata in attesa di decidere cosa farne, messa in ordine da una numerazione progressiva di protocollo così come gliela aveva organizzata formalmente e praticamente il collega Clino Castelli.

La caratteristica del progetto risiede nell’aver saputo combinare insieme tempo e spazio senza muoversi: ci sono la partenza, il percorso, l’attesa, il ritorno, il caso. Ossia tutto l’armamentario retorico del “viaggio sentimentale”, racchiuso però in un’antitetica struttura notarile, “ministeriale”, tanto classificatoria quanto apparentemente indifferente.

Tommaso Trini, uno degli amici cui il mittente veicolò le sue attenzioni, dipinge tale lavoro come “una cipolla fatta di lettere inviate a un periplo sconosciuto di indirizzi impossibili, lettere spedite via espresso a un «indirizzo sconosciuto» e restituite al mittente da un postino a ciò costretto da abbondante affrancatura. E un mittente, artista, che le raccoglie e le impila in buste via via dilatate”.

L’esposizione è raggiungibile presso il salone Napoleonico in via Brera 28 a Milano nei giorni feriali (da lunedì a venerdì ore 9-18.30, sabato 9-14). L’ingresso è gratuito.



25 Dic 2017
Dic 25 2017
01:00

Dall'estero

Auguri con il sorriso

Tra le tante emissioni, si fa notare per originalità quella dell’Argentina, che ha coinvolto il fumettista connazionale Quino. A formulare gli auspici di Natale sono Mafalda e i suoi compagni

L’emissione dell’Argentina data 11 dicembre, ma meritava di essere segnalata oggi per la sua originalità. Il Paese sudamericano, infatti, ha deciso di auspicare il buon Natale affidandosi a Mafalda, la bambina ideata dal connazionale Quino (è nato a Mendoza il 17 luglio 1932), non nuova tra le cartevalori postali e capace -dicono da Buenos Aires- di trascendere il tempo e le generazioni.

Insieme agli amici appare nel 32,00 pesos augurale prodotto in fogli da sedici e con testo anche in braille. Si aggiungono un carnet, contenente due foglietti con tre tagli differenti da 32,00, 53,00 e 85,00 unità, nonché una cartolina postale da 16,00.



24 Dic 2017
Dic 24 2017
01:13

Libri e cataloghi

Cin cin per le feste

Tutti i francobolli per le etichette a denominazione di origine controllata e garantita classificati e descritti nel volume “Made in Italy - Vini Docg”


Filatelia enologica

Giorni di festa, ed ecco un libro… adeguato. S’intitola “Made in Italy - Vini Docg - Storia e filatelia”, di Djana Isufaj e Francesco Maria Amato, quest’ultimo anche nelle vesti di editore.

Al centro dell’attenzione, la serie completa dei settantatré francobolli nazionali emessi tra il 2012 ed il 2016 dedicati ai vini a denominazione di origine controllata e garantita. “Abbiamo voluto contribuire alla divulgazione di una tale «eccellenza» attraverso l’analisi dettagliata”, precisano i due autori.

Il lavoro, sviluppato in 270 pagine “A4” con immagini a colori (35,00 euro), non è organizzato nel senso temporale delle emissioni, ma è suddiviso per regioni. Andando dall’Abruzzo che conta una sola etichetta e arrivando fino al Veneto, il quale ne contempla quattordici.

La documentazione tecnica si basa soprattutto sui rispettivi disciplinari emanati dal ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali. Quanto a quella filatelica, ecco anche gli annulli del primo giorno e le cartoline realizzate da Poste italiane per l’occasione.

Più generale è la parte introduttiva, dove si affronta la storia della bevanda, associandola ad immagini del settore, fra cui due storiche buste lettere postali. La chiusura è affidata a detti, aforismi e citazioni in argomento.



Per continuare a leggere "Vaccari news" cliccare sul pulsante "archivio notizie".



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366