Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria
CHIUSURA ESTIVA

Uffici chiusi da lunedì 5 a venerdì 30 agosto.

Nel periodo di chiusura approfitta delle spese di spedizione GRATIS!
È possibile inviare gli ordini, che verranno evasi in ordine di arrivo alla riapertura.

Buone vacanze a tutti.







Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

Risultati della ricerca

argomentoEmissioni Italia Annotutti
Parole Mesetutti
trovati 1932 oggetti
>
09 Ago 2019
Ago 09 2019
17:05

Emissioni Italia

A tu per tu con l’opera

L’autore, Ruggiero Leoncavallo, ed un clown, così da richiamare il suo lavoro più famoso, “Pagliacci”. Oggi, nel centenario della morte, il francobollo. La presentazione a Montalto Uffugo (Cosenza)


Montalto Uffugo (Cosenza), luogo della sua infanzia

“Ridi pagliaccio, vesti la giubba, l’aurora di bianco vestita… sono frasi che richiamano alla mente qualcosa che si è già sentito, che si canticchia o si fischietta, parole e musica che entrano nell’animo e vi restano per la loro armoniosità, la loro bellezza”; a scriverle è stato Ruggiero Leoncavallo. Lo ricorda, dal Museo di Montalto Uffugo (Cosenza) intitolato all’artista, Franco Pascale, cui si deve il bollettino illustrativo collegato al francobollo odierno.

Nato a Napoli il 23 aprile del 1857, il musicista ebbe un’infanzia movimentata a causa dei continui spostamenti della famiglia. Fra le località toccate, una incise “molto” nella vita, appunto la cittadina calabrese dov’è stato appoggiato anche l’annullo del primo giorno (l’ufficio postale è in via Moro snc). Completati gli studi, a Bologna frequenta uomini illustri della cultura e della società come Giosuè Carducci e Giovanni Pascoli. Ma è a Parigi, dove inizia la sua carriera come pianista di cafè chantant, che scrive fortunate romanze da camera, senza trascurare la vocazione quale compositore. Il suo grande successo arriva con la prima rappresentazione di “Pagliacci”, avvenuta il 21 maggio 1892 a Milano sotto la direzione di Arturo Toscanini. Ricca è la produzione di opere, operette e romanze.

Il francobollo (stampato in quattrocentomila esemplari organizzati in fogli da ventotto) è inserito nella serie “Il patrimonio artistico e culturale italiano”; vuole celebrare il protagonista nel centenario della morte, registrata il 9 agosto 1919 a Montecatini Terme (Pistoia). Si tratta di un “B” autoadesivo, utile per gli invii ordinari nazionali di primo porto; ora è in vendita a 1,10 euro. Il bozzetto, di Gennaro Pascale, associa il viso del commemorato ad un clown, così da evocare il titolo più noto.



02 Ago 2019
Ago 02 2019
17:56

Emissioni Italia

Oggi il Codice Romano Carratelli

Richiama un’importante documentazione difensiva della Calabria, risalente alla fine del XVI secolo. La mostra a Catanzaro


L’annullo fdc

Un’altra occasione mancata. Chi si trovasse tra le mani questo francobollo (ne sono stati prodotti quattrocentomila, in fogli da ventotto), si domanderebbe di certo cosa vuole rappresentare e la semplice indicazione “Codice Romano Carratelli” non lo aiuterà.

È un manoscritto cartaceo contenente novantanove disegni acquerellati “di fattura pregevole a mezza pagina, la gran parte con testo illustrativo in elegante grafia corsiva cancelleresca dell’epoca, testo vergato con inchiostro ferro-gallo-tannico di color seppia”, annota nel bollettino illustrativo Teresa Saeli, che da tempo lavora in coppia con il proprietario del reperto, appunto Romano Carratelli. La stesura è valutata all’ultimo decennio del XVI secolo. “Rappresenta ed illustra il problema della difesa della zona costiera di Calabria Ultra attraverso la raffigurazione delle città fortificate, dei castelli, delle torri e del territorio”. “Quindi si tratta di un documento ricco di notizie utili agli studi”, “un progetto di pianificazione territoriale unico in tutto il Mediterraneo dell’epoca”, creato nella prospettiva di affrontare le scorribande dei corsari saraceni. Ancora fino al 4 agosto è esposto a Catanzaro nel complesso monumentale del san Giovanni.

Il dentello, un “B” (destinato principalmente agli invii di primo porto ordinari nazionali, costo attuale 1,10 euro), è stato emesso oggi ed appartiene alla serie “Il patrimonio artistico e culturale italiano”. È autoadesivo e dovuto ad Emanuele Bertucci; riprende una delle immagini contenute nel lavoro. L’annullo è disponibile all’ufficio postale di Tropea (Vibo Valentia), sito in viale Crigna snc.



30 Lug 2019
Lug 30 2019
14:27

Emissioni Italia

Con Leoncavallo torna il pagliaccio

Il richiamo alla sua opera, associato al ritratto del compositore, caratterizzerà il francobollo del 9 agosto. Intanto, dalla serie dei cantautori scompaiono Lucio Battisti e Fabrizio De André


L’autore

Nuovo francobollo -il precedente, un 25 lire, venne emesso il 10 luglio 1958 nel centenario abbondante dalla nascita, registrata il 23 aprile 1857- ed ancora una volta il compositore Ruggiero Leoncavallo verrà citato richiamando la sua opera “Pagliacci”. Accadrà il 9 agosto, nel secolo preciso dalla morte.

Inserito nella serie “Il patrimonio artistico e culturale italiano”, sarà un “B”, quindi volto principalmente ad affrancare lettere ordinarie di primo porto e cartoline per destinazioni nazionali. Prezzo di vendita: 1,10 euro.

Per il bozzetto è intervenuto Gennaro Pascale; ha associato il ritratto del personaggio ad un clown, rammentando così il capolavoro del Verismo musicale che -lo annotano dal ministero allo Sviluppo economico- rese famoso l’artista. L’omaggio, organizzato in fogli da ventotto autoadesivi, conta su quattrocentomila unità.

A proposito del programma, sono state introdotte alcune modifiche alle date di uscita. Unico il cambiamento da sottolineare: la serie in calendario per il 2 ottobre (non più l’1) e dedicata ai cantautori è stata ripensata, scendendo da cinque a tre esemplari. Confermati quelli per Lucio Dalla, Pino Daniele e Giorgio Gaber; cancellati (forse per problemi di diritti?) i restanti, inerenti a Lucio Battisti e Fabrizio De André. La lista aggiornata è scaricabile gratuitamente dalla “home page” di “Vaccari news”.



29 Lug 2019
Lug 29 2019
17:28

Emissioni Italia

Viaggio tra le fortificazioni di Calabria

Il francobollo per il Codice “Romano Carratelli” arriverà il 2 agosto per far conoscere il manoscritto risalente alla fine del XVI secolo


Il proprietario, Domenico Paolo Romano Carratelli

Un manoscritto cartaceo risalente alla fine XVI secolo, composto da novantanove acquerelli raffiguranti strutture difensive, in particolare città murate e manieri, distribuite nella provincia di Calabria Ultra del Regno di Napoli. Il reperto è di proprietà dell’avvocato, già sindaco di Tropea, attivo in Regione e deputato, Domenico Paolo Romano Carratelli e da lui prende il nome.

È il Codice “Romano Carratelli”, cui è stato destinato un francobollo “B” (dunque dal costo di 1,10 euro e utile per gli invii ordinari di primo porto nazionali), previsto per il 2 agosto.

Appartenente alla serie tematica “Il patrimonio artistico e culturale italiano”, è autoadesivo, stampato in quattrocentomila unità predisposte in fogli da ventotto. La vignetta reca il nome di un esterno all’Istituto poligrafico e zecca dello stato, Emanuele Bertucci. Attinge alle scene che caratterizzano la raccolta, proponendo alcune fortificazioni.



22 Lug 2019
Lug 22 2019
16:31

Emissioni Italia

Ciampi: un francobollo per il centenario?

Andrea Gandolfo l’ha proposto al ministro Luigi Di Maio. Il secolo dalla nascita scoccherà il 9 dicembre del prossimo anno, il 2020


Carlo Azeglio Ciampi

C’è il 95 sum di Uzbekistan datato 24 agosto 2001, ma Andrea Gandolfo ha chiesto al ministro allo Sviluppo economico, Luigi Di Maio, un francobollo italiano dedicato a Carlo Azeglio Ciampi. Dovrebbe essere emesso il 9 dicembre 2020, nel centenario dalla nascita, nascita avvenuta a Livorno (è morto a Roma il 16 settembre 2016).

“Non mi sembra adesso il caso di ricordarle i numerosi meriti acquisiti dal presidente Ciampi nel corso della sua lunga e prestigiosa carriera di uomo politico e membro delle più importanti istituzioni economiche e bancarie”, annota nella lettera il mittente. “Mi basterà solo citare alcune tra le cariche più rilevanti da lui ricoperte: governatore della Banca d’Italia dal 1979 al 1993, presidente del Consiglio dei ministri dal 1993 al 1994, ministro del Tesoro, del bilancio e della programmazione economica dal 1996 al 1999 e, infine, presidente della Repubblica dal 1999 al 2006”. “Particolarmente cospicua -conclude- è stata anche l’attività scientifica”, sottoscrivendo “numerose pubblicazioni sia in ambito economico che governativo”.



21 Lug 2019
Lug 21 2019
15:38

Emissioni Italia

Il record spaziale italiano

Secondo gli esperti, il francobollo da 25 lire del 22 settembre 1956 è il primo a rappresentare un satellite artificiale. Ma c’è anche la sorpresa politica…

Mentre tutto il mondo ha seguito le iniziative per il cinquantesimo anniversario trascorso dalla missione dell’“Apollo 11”, gli esperti ricordano un record italiano.

Il primo francobollo noto che mostri un satellite artificiale è tricolore e risale al 22 settembre 1956. Da 25 lire, intendeva sottolineare il Congresso astronautico internazionale, in essere a Roma dal 17 al 22 di quel mese. Accanto alla Terra, e questa sarebbe la novità, vi compare un satellite artificiale.

La vignetta venne disegnata da Corrado Mancioli. Offre una seconda sorpresa, meno nota e visibile solo con un forte ingrandimento o, ancora meglio, osservando il bozzetto conservato al Museo storico della comunicazione: lo Stivale è evidenziato in un colore più scuro e comprende anche l’Istria. Vista l’epoca e rammentato l’analogo precedente (la serie per la televisione del 25 febbraio 1954), non può essere ritenuta una svista.



10 Lug 2019
Lug 10 2019
17:52

Emissioni Italia

Novità/2 E la lista si allunga ancora

Aggiunti gli omaggi per il Tribunale superiore delle acque pubbliche e l’Arsenale militare marittimo della Spezia. “Dimenticanze” ora chiarite fanno crescere ulteriormente il numero dei francobolli

Senza un formale interlocutore politico che si assuma le responsabilità e proponga un dialogo, il programma delle emissioni italiane appare alla deriva.

Oggi -dopo i particolari per l’omaggio all’Ania (notizia precedente)- è arrivato l’aggiornamento, appesantito da due nuove voci: riguardano il Tribunale superiore delle acque pubbliche (il tributo arriverà il 19 settembre) e l’Arsenale militare marittimo della Spezia (in ottobre), peraltro due anniversari “tondi”, centesimo e centocinquantesimo.

Sono state corrette, inoltre, le “dimenticanze” precedenti, che davano un solo esemplare per le serie PostEurop (invece saranno due, in calendario per il 30 settembre), cantautori (cinque, 1 ottobre), turistica (quattro, 10 ottobre: tali suggerimenti vacanzieri serviranno quindi per l’anno prossimo), Federazione ginnastica d’Italia e Federazione italiana giuoco handball (due, ad ottobre), Natale (due, da definire). Tale chiarimento, quindi, grava ulteriormente sull’elenco.

Per il resto si tratta di date finora imprecisate e adesso stabilite, oppure di ricollocamenti: al solito, per scoprire i particolari basta scaricare gratuitamente il file dalla “home page” di “Vaccari news” (fine).



10 Lug 2019
Lug 10 2019
16:15

Emissioni Italia

Novità/1 Ania da… sera

Presentato questa mattina durante l’assemblea annuale il francobollo dedicato all’Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici


Il francobollo

Elegante francobollo da… sera, peraltro poco informativo: mostra il logo, su uno sfondo… astronomico difficile da contestualizzare. Si collega all’evento che si è tenuto questa mattina a Roma partecipi, fra l’altro, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ed il presidente del Consiglio Giuseppe Conte. È l’assemblea annuale dell’Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici. Il dentello, dedicato al sodalizio, lo celebra per aver raggiunto i settantacinque anni.

Fondato il 31 agosto 1944 -ricorda nel bollettino illustrativo la doppia presidente, di Ania e Poste italiane, Maria Bianca Farina- intendeva “supportare la ripresa e accompagnare il nuovo corso storico. Nell’atto costitutivo e nello statuto venne dichiarato, innanzitutto, l’interesse di tutelare la categoria e di provvedere al regolamento di tutti «i rapporti di lavoro nei confronti delle associazioni di prestatori d’opera», nonché di collaborare alla risoluzione di «problemi di ordine tecnico, economico, finanziario, amministrativo, legale e sociale»” riguardanti il settore. Ora coinvolge 131 compagnie, quasi il 90% del mercato in termini di premi, ha un forum permanente con i consumatori e una fondazione. Quest’ultima sensibilizza su come prevenire i rischi, promuovere la sicurezza nonché la protezione dei cittadini e delle imprese.

La carta valore, autoadesiva, mostra la lettera “B”; costa quindi 1,10 euro e serve per spedire invii di primo porto ordinari nel Bel Paese. Inserita nel modulo “Le eccellenze del sistema produttivo ed economico”, annovera un milione e cinquecentomila esemplari organizzati in fogli da quarantacinque. L’annullo fdc è disponibile nella capitale, presso lo spazio filatelia di piazza San Silvestro 20 (continua).



05 Lug 2019
Lug 05 2019
13:12

Emissioni Italia

La Juventus si fa in otto

Otto vittorie consecutive del Campionato, otto francobolli autoadesivi nel foglio emesso oggi. Naturalmente a Torino l’annullo per le buste del primo giorno


L’annullo odierno

Ieri l’omaggio ai centovent’anni della Fiat, oggi quello per la Juventus: protagonista marcofilo è ancora lo spazio filatelia di Torino, sito in via Alfieri 10.

Quanto al francobollo bianconero, dovuto ad Angelo Merenda, è allegro, con il calciatore in azione visto dall’alto. Si aggiungono il logo della società che ha vinto, per l’ottava volta consecutiva, il Campionato di serie “A”, lo scudetto ed i colori nazionali. Gioca invece sull’equivoco il foglio: il fondo con il campo da pallone e la ripetizione del giocatore stimoleranno non poche persone, filatelisti o tifosi, ad acquistare l’intera confezione e non la singola carta valore. Carta valore autoadesiva, in vendita a 1,10 euro (è un “B”, impiegabile per la lettera ordinaria domestica di primo porto) e tirata in due milioni e quattrocentomila unità. La serie di riferimento, naturalmente, risulta “Lo sport”.

“Mai nessuno prima di noi era riuscito in questa impresa nei cinque principali campionati europei. Un’annata arricchita anche dalla conquista della Supercoppa italiana, l’ottava della nostra storia, che ci ha reso il club più vincente anche in questa competizione”, commenta nel bollettino illustrativo il presidente della società, Andrea Agnelli. E già si guarda avanti. “Il prossimo anno ripartiremo pronti per affrontare nuove sfide, con l’obiettivo di proseguire questa striscia di successi e scrivere un nuovo capitolo nella storia della Juventus, come sempre con ambizione, professionalità e passione. Perché questa è sempre la Juventus. Fino alla fine”.



04 Lug 2019
Lug 04 2019
15:12

Emissioni Italia

“Una storia trasversale”

Così il presidente di Fiat Chrysler automobiles, John Elkann, definisce quella dell’azienda che rappresenta. Azienda giunta al centoventesimo anniversario. Oggi il francobollo

A parità di soggetto (la “3½ Hp”), se si dovesse scegliere tra il francobollo per il centesimo anniversario (emesso il 10 luglio 1999) e quello del centoventesimo (disponibile da oggi), non ci sono dubbi: il primo appare elegante, anche se entrambi propongono la vettura più antica. Rendono omaggio alla Fiat: non a caso, l’annullo speciale è appoggiato allo spazio filatelia di Torino.

Inserito nella serie tematica “Le eccellenze del sistema produttivo ed economico”, il nuovo è un autoadesivo stampato in quattrocentomila esemplari con fogli da ventotto. Il bozzetto giunge direttamente dalla società celebrata. Merita una spiegazione il testo che sostituisce il nominale: “Azona1” significa che con tale carta valore si può spedire una lettera prioritaria, entro i cinquanta grammi, in Europa o nel Mediterraneo; il servizio attualmente richiede 3,50 euro.

Dietro all’emissione, “una storia trasversale, che unisce e amalgama, che continua a costruire l’identità degli automobilisti e delle persone: una storia alla quale attingere per capire da dove veniamo e dove andremo, per anticipare la mobilità del futuro”, annota nel bollettino illustrativo il presidente di Fiat Chrysler automobiles, John Elkann. Ora “il viaggio continua con la consueta autenticità, con la grande semplicità, con la creatività italiana che strizza l’occhio alla bellezza. Non solo un brand, non solo un’azienda, ma un fatto sociale e culturale”.



Per continuare a leggere "Vaccari news" cliccare sul pulsante "archivio notizie".



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366