Vaccari News

www.vaccarinews.it


Philately
Books






The world of philately in one App

Vaccari Shop

Search in Vaccari News

Fill in one field or more to effect your search and press "search"

Risultati della ricerca

SubjectVaticano Yearall
Keywords Monthall
585 objects found
>
03 Set 2019
Set 03 2019
14:36

Vaticano

Verso l’Africa

Da domani al 10 settembre papa Francesco raggiungerà Mozambico, Madagascar e Mauritius. Tre gli annulli realizzati dalle Poste vaticane

Agenda fitta quella che attende papa Francesco da domani al 10 settembre. In sette giorni dovrà visitare tre Paesi africani, ovvero Mozambico (vi starà fino al 6), Madagascar (dal 6 al 10) e Mauritius (è previsto uno soggiorno il 9).

Il viaggio apostolico sarà sottolineato da tre annulli speciali in uso presso le Poste vaticane, dove resteranno a disposizione degli interessati sino al 12 ottobre.

Le immagini richiamano, perlomeno parzialmente, i loghi delle tappe. Mentre quanto figura nel primo e nel terzo manuale appare di immediata comprensione, per il secondo è necessaria qualche parola in più: riproduce, oltre alla carta dell’isola, un disegno con la croce pettorale dell’ospite.



21 Ago 2019
Ago 21 2019
10:39

Vaticano

Negli interi i simboli dello Stato

I novant’anni del Vaticano ricordati anche con quattro cartoline postali. Dovute a Gabriella Titotto, appaiono molto dense di richiami


Una delle impronte di affrancatura

Curioso che le serie dell’11 febbraio (il taglio congiunto con l’Italia, i due in minifoglio e quello ricamato) non siano bastate. Il 10 settembre, sempre per ricordare i novant’anni dalla fondazione dello Stato, il Vaticano metterà sul tavolo anche quattro cartoline postali, tirate con un limite di dodicimila e cinquecento pezzi per tipo. Portano il nome di Gabriella Titotto e sono dense di richiami non immediati. Hanno sempre un nominale diverso, nell’ordine 1,10 euro (utile per l’interno e l’Italia), 1,15 (Europa e Mediterraneo), 2,40 (Africa, America ed Asia), 3,00 (Oceania).

Sul primo intero figura la Madonna di Lourdes, tratta dalla statua presente nei giardini interni al minuscolo Paese. Ricorda l’11 febbraio come data per la prima apparizione mariana nella località francese e per la firma dei Patti lateranensi; si aggiungono gli stemmi di Pio XI (in alto a sinistra) e di Pio XII (in basso a destra).

Il secondo riproduce la bandiera, associata all’inno pontificio composto da Charles Gounod e dichiarato brano ufficiale da Pio XII nel 1950. I restanti elementi alludono agli emblemi dei santi Giovanni XXIII e Paolo VI.

Il perimetro delle mura che oggi rappresentano il confine territoriale campeggia sul terzo valore. Vi sono inoltre il monumento a san Pietro, dovuto ad Arnolfo di Cambio, e lo Spirito santo nella Basilica, nonché i richiami araldici a Giovanni Paolo I e a san Giovanni Paolo II.

Da ultimo, ecco il patrono, san Michele Arcangelo. Il riferimento è alla scultura omonima presente nei giardini, qui associata ai gonfaloni di Benedetto XVI e Francesco.

La custodia della serie riproduce invece il palazzo del Laterano, dove i trattati sono stati firmati, con l’annessa Basilica. Sull’impronta di affrancatura, immutata, parte dello stemma statale.



15 Ago 2019
Ago 15 2019
00:22

Vaticano

Neil Armstrong e Paolo VI

Compaiono sull’aerogramma vaticano che, il 10 settembre, ricorderà il mezzo secolo trascorso dalla missione dell’“Apollo 11”

Tardivo, annunciato solo a fine luglio e un po’ forzato. È l’omaggio -sotto forma di aerogramma- che il Vaticano ha deciso di compiere per ricordare il mezzo secolo trascorso dalla missione dell’“Apollo 11” e dall’arrivo del primo uomo sulla Luna, Neil Armstrong.

Anche l’immagine, dovuta a Patrizio Daniele, conferma una certa… velocità di approntamento. Nella simulazione di affrancatura campeggia la famosa impronta lasciata dall’astronauta sul suolo selenico, mentre a sinistra figurano, semplicemente sovrapposti, lo stesso esploratore spaziale e papa Paolo VI, nel cui Pontificato si svolse l’esperienza.

L’intero, tirato in un massimo di undicimila esemplari, è stato inserito nel gruppo di emissioni programmato per il 10 settembre; prezzo di vendita: 2,40 euro.



07 Ago 2019
Ago 07 2019
18:29

Vaticano

Diario di viaggio

Quattro francobolli raccontano le visite compiute da papa Francesco l’anno scorso. La serie fa parte di quelle programmate dal Vaticano per il 10 settembre


L’annullo fdc

Quattro viaggi, quattro francobolli, quattro voci del tariffario. E quattro artisti diversi. Si potrebbe riassumere così l’emissione che, insieme ad altre tre (due sono interofile) arriverà agli sportelli del Vaticano il 10 settembre. Quella ora presentata riguarda le visite che papa Francesco ha compiuto lungo il 2018 fuori dall’Italia.

Il valore da 1,10 euro (utile per i rapporti interni e per lo Stivale), opera di Chiara Principe, ricorda l’itinerario svolto in Cile e Perù, registrato dal 15 al 22 gennaio. Al profilo del pontefice si affianca quello di una bambina mapuche, popolazione indigena incontrata nella tappa a Temuco (città compresa nella prima meta), mentre la cattedrale di Trujillo sullo sfondo evoca un momento fondamentale riferito all’altra destinazione.

L’1,15 (rivolto agli invii in Europa e nel Mediterraneo) è dedicato al pellegrinaggio ecumenico a Ginevra, compiuto il 21 giugno; vi ha lavorato Orietta Rossi. Ha raffigurato il protagonista in un abbraccio simbolico con una figura astratta, metafora di tutte le chiese, mentre il ramoscello d’ulivo riprende l’educazione alla pace. Si aggiungono lo Spirito santo, il logo creato per l’occasione e il simbolo cittadino, lo “Jet d’eau”.

Con il taglio da 2,40 (buono per i plichi diretti in Africa, America ed Asia) si cita l’Eire, dove Jorge Mario Bergoglio restò il 25 ed il 26 agosto per partecipare al “IX Incontro mondiale delle famiglie”. Stefano Morri ha tratteggiato il pontefice con la casula verde indossata per la funzione tenutasi al Phoenix park. Completano il quadro la miniatura della procattedrale di santa Maria a Dublino, da lui raggiunta, e l’icona concepita per l’incontro, intitolata “Amoris lætitia”.

Infine, ecco il 3,00 (Oceania), lasciato a Daniela Fusco. Concerne l’esperienza, compiuta dal 22 al 25 settembre, nelle Repubbliche baltiche. Vi campeggia la Vergine della Misericordia, immagine collocata nel santuario omonimo di Vilnius, in Lituania. Compaiono inoltre il tempio della Madonna Nera di Aglona, in Lettonia, ed una bambina in abiti tradizionali dell’Estonia.

Le cartevalori sono prodotte in un massimo di ottantamila repliche, raccolte in fogli da dieci pezzi uguali.



02 Ago 2019
Ago 02 2019
15:03

Vaticano

Quattro emissioni per il 10 settembre

Dal Vaticano - Riguardano la congiunta con Israele, i viaggi di papa Francesco nel 2018, l’aerogramma per la Luna e le cartoline dedicate al novantesimo dello Stato

Il Vaticano dà appuntamento al 10 settembre con quattro emissioni, cui si aggiungono alcuni gadget. Le prime riguardano i rapporti diplomatici con Israele (si tratta di un foglietto da 1,15 euro in congiunta con Tel Aviv), i viaggi di papa Francesco nel 2018 (francobolli da 1,10, 1,15, 2,40, 3,00), l’aerogramma dedicato al primo uomo sulla Luna (2,40) e quattro cartoline postali inerenti al novantesimo anniversario trascorso dalla fondazione dello Stato (ancora 1,10, 1,15, 2,40, 3,00).

Per il blocco occorre tornare al 30 dicembre 1993, venticinque anni fa. Sotto il Pontificato di Giovanni Paolo II, viene siglato a Gerusalemme l’“Accordo fondamentale tra la Santa Sede e Israele”, entrato in vigore nel 1994 con lo scambio, in aprile, dei rispettivi ambasciatori. Il documento, oltre a stabilire relazioni diplomatiche, prevede -viene spiegato- la collaborazione nella lotta contro l’antisemitismo e ogni tipo di razzismo e di intolleranza religiosa, la promozione di scambi a livello accademico e l’incremento dei pellegrinaggi cristiani in Terrasanta, combinando dunque elementi politici e spirituali.

Prodotto in un massimo di sessantamila unità, il titolo raffigura la chiesa di san Pietro (casa di Pietro) e la sinagoga di Cafarnao, “a testimonianza della profondità e unicità delle relazioni e delle interazioni tra Ebraismo e Cristianesimo”. Da notare, la carta valore tonda.



11 Giu 2019
Giu 11 2019
16:05

Vaticano

Ufn/1 Tutto come prima (per ora)

Il 7 giugno è entrata in vigore la “Legge sul governo dello Stato della Città del Vaticano”, ma ancora non vi sono novità specifiche. L’elogio di papa Francesco al settore

Ancora nessuna novità da piazza San Pietro, dove il 7 giugno (novant’anni esatti prima entrarono in vigore i Patti lateranensi) è divenuta operativa la “Legge sul governo dello Stato della Città del Vaticano”. Dovrebbe riorganizzare, fra l’altro, la distribuzione di francobolli e monete, ma anche le prestazioni postali.

“L’attività delle Poste e dei Telefoni vaticani -ha detto papa Francesco il 6 giugno in un incontro con il personale del settore- supera di gran lunga il piccolo territorio e l’esigua popolazione in esso residente: si apre alle necessità di innumerevoli persone disseminate nel mondo intero. Proprio per questa ragione, il Vaticano e la Santa Sede riconoscono l’importante funzione dei mezzi di comunicazione e degli organismi internazionali che incoraggiano la comunicazione” (continua).



05 Giu 2019
Giu 05 2019
16:18

Vaticano

Tirature 2018, queste le definitive

Il confronto tra i valori massimi autorizzati e quelli effettivi di tutte le emissioni giunte l’anno scorso in piazza San Pietro

Tempo di bilanci per il Vaticano; la notizia riguarda le effettive tirature registrate nel 2018. Da qualche anno, infatti, l’Ufficio filatelico e numismatico annuncia dei numeri autorizzati, che poi adatta alle esigenze reali.

L’aspettativa massima, ovvero l’importo più alto, è stato riconosciuto al francobollo per don Giuseppe Puglisi, stimato in 360mila unità e a conti fatti sceso a 300mila. Seguono Cupola di santa Maria del Fiore e Pasqua, entrambi fissati a 250mila: in bilancio risultano 200 e 100mila. Si pensava a quota 200mila per gli omaggi a padre Pio (deciso invece a 160mila), papa Francesco nell’anno VI (150mila), Paolo VI e Giovanni Paolo II (100mila).

Scendendo, tre le voci ipotizzate a 150mila: Gioacchino Rossini (confermata), PostEurop (in verità 100mila), Angelo Secchi e Maria Gaetana Agnesi (60mila). A 120mila si presenta la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo (immutata). A 100mila ecco “Anno europeo del patrimonio culturale” e “Centesimus annus pro pontifice” (entrambe definite ad 80mila).

L’80mila era il limite teorico per il foglietto anno VI (poi calato a 70mila), la lingua liturgica slava (lo stesso) ed il Sinodo dei vescovi (60mila). Proseguendo ancora nella lista, diversi titoli avevano come barriera proprio il 60mila. Dati alla mano, convalidati a tale traguardo risultano i tributi a Canaletto e Tintoretto nonché il Natale, sia in fogli che in carnet; il medesimo quantitativo, poi decurtato a 50mila, riguarda i viaggi del papa lungo il 2017, Adeodato I e Zosimo.

Decisamente più basse le cifre per gli interi: la busta dedicata al pontefice era valutata in 20mila, quindi ridotta a 15mila; l’aerogramma per Marcelo González Martín è passato da 16mila a 11mila; le cartoline inerenti all’Abbazia di san Miniato al Monte di Firenze da 15mila a 12.500.



30 Mag 2019
Mag 30 2019
14:15

Vaticano

Due gli annulli per il viaggio

Uno è destinato alle buste del primo giorno inerenti al foglietto, l’altro sottolinea direttamente la visita in Romania di papa Francesco

Senza più segreti, oramai, i due foglietti di Vaticano e Romania che usciranno domani per la visita di papa Francesco nel Paese balcanico. Restano invece da segnalare gli annulli messi a punto dall’operatore attivo oltre il fiume Tevere, quello al servizio diretto del pontefice.

Com’era prevedibile, i manuali saranno due: uno da utilizzare sulle buste del primo giorno relative al blocco, l’altro (con le date 31 maggio - 2 giugno) per sottolineare il viaggio. Il primo mostra un dettaglio del logo ufficiale predisposto per l’esperienza, il secondo richiama la cattedrale di Bucarest intitolata a san Giuseppe. Qui, proprio venerdì, Jorge Mario Bergoglio celebrerà la messa. Entrambe le impronte resteranno disponibili per gli interessati sino al 6 luglio presso il servizio obliterazioni.



29 Mag 2019
Mag 29 2019
17:41

Vaticano

Francesco benedice sulla busta di servizio

Come nel passato, il plico è identico all’intero postale dell’anno. A cambiare sono solo l’impronta di affrancatura (assente) e la presenza della finestrella per l’indirizzo del destinatario

Anche per l’edizione 2019, l’Ufficio filatelico e numismatico del Vaticano ha scelto il doppio impiego. Il soggetto della notizia è l’immagine, nel caso specifico di Patrizio Daniele, utilizzata per l’intero postale disponibile con l’11 febbraio a 3,00 euro e poi ripresa per l’involucro destinato a veicolare, ad esempio, i bollettini delle emissioni successive.

Pure questa volta, il quantitativo riservato alle comunicazioni dello stesso Ufn non mostra l’impronta di affrancatura ma l’indicazione del porto pagato; inoltre ha la finestrella, in modo da non ripetere l’indirizzo del destinatario. Di fatto, sono le uniche differenze. Si aggiungono, già visti, il viso e la mano benedicente di papa Francesco nonché la frase, in quattro lingue (le altre sono tedesco, inglese e francese) “Colleziona i francobolli e le monete della Città del Vaticano”.



24 Mag 2019
Mag 24 2019
10:45

Vaticano

“Patrono di tutti gli educatori cattolici”

Così venne proclamato nel 1950 da Pio XII. È san Giovanni Battista de La Salle, morto tre secoli fa. Per il giro di boa il francobollo del Vaticano, che si aggiunge a quello melitense


A tre secoli dalla morte

Fu canonizzato nel 1900 da Leone XIII; cinquant’anni dopo Pio XII lo proclamò “patrono di tutti gli educatori cattolici”. Una lunga fase per il riconoscimento dei meriti cominciata alla morte, avvenuta tre secoli fa, il 7 aprile 1719. È san Giovanni Battista de La Salle, che il 31 maggio verrà ricordato dal Vaticano (oggi si è sommato l’analogo tributo dello Smom) con un francobollo.

“È stato uno dei maggiori promotori dell’educazione popolare, prima in Francia e poi nel mondo intero”, ricordano dall’Ufficio filatelico e numismatico. “Impressionato per l’abbandono dei figli degli artigiani e dei poveri, fondò una comunità laicale, che prese il nome di Fratelli delle scuole cristiane”. Dedicò così tutta la vita a creare strutture didattiche, formando inoltre i suoi religiosi e i maestri. Per loro e per gli alunni scrisse opere a carattere spirituale, catechistico e pedagogico.

La carta valore ha un costo di 1,15 euro. Prodotta in un massimo di cinquantamila unità con fogli da dieci, offre il lavoro di Chiara Principe: vede il protagonista insieme a due fanciulli.



To go on reading "Vaccari news" click "news archives".



VaccariNews


Copyright © March 2003 - Vaccari srl
all rights reserved

Law Court of Modena registration
n. 1854, 4 December 2007

editor Fabio Bonacina
publishing director Valeria Vaccari
editorial staff and press office Claudia Zanetti

Vaccari news runs on software designed, developed and maintained by internet images & fabioferrero.it.

All contents of this site, html pages and images included, are protected by copyright.
In case of publication or reference, please quote Vaccari News and advise the editorial staff at info@vaccari.it

Vaccari srl is not responsible for links (tested at first insertion) not properly functioning or that may cause problems.
A notice will be appreciated.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - VAT n. IT-1917080366