Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria






Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

29 Mag 2011 - ore 00:43
Mag 29 2011
00:43

Libri e cataloghi

Un secolo di telegrammi

Valter Astolfi esamina il servizio in Italia tra il 1847 e il 1946, leggendolo con occhio collezionistico


Sotto la lente del collezionista, i telegrammi

Pensare che la globalizzazione è nata con il telegrafo. Prima della sua invenzione, per scambiare una notizia commerciale tra Londra e New York occorreva attendere una decina di giorni, il tempo necessario alla nave per attraversare l’oceano.

Eppure, almeno a livello collezionistico, il settore appare sostanzialmente nuovo, e Valter Astolfi, l’autore del volume “Il telegrafo in Italia 1847-1946”, non ha difficoltà ad ammetterlo. Nuovo negli aspetti positivi (non c’è concorrenza e i pezzi hanno in genere costi abbordabili) e negativi (proprio perché nessuno chiede tale materiale, si fa fatica a trovarlo ed occorre frequentare ambienti diversi dal filatelico, come quello cartaceo o antiquariale).

“All’inizio -scrive il presidente dall’Aicpm Piero Macrelli (il sodalizio ha edito il volume) nella presentazione- il sistema telegrafico era nettamente distinto da quello delle poste, ma era naturalmente fratello, e tali e tante furono le commistioni che, quasi naturalmente, in poche decine d’anni ovunque le due amministrazioni statali si fusero. Parlare di telegrafo, quindi, è naturale per chi si interessa di posta; e collezionare ne è il passo successivo”.

In 352 pagine a colori (40,00 euro), il lavoro considera un secolo di documenti, particolarmente articolati soprattutto per quel che riguarda gli Antichi Stati, in quanto ogni realtà preunitaria impiegava spesso non solo tecniche ed apparecchi differenti dalle altre, ma pure le norme e la modulistica mutavano.

Il lavoro -sottolinea Astolfi- è circoscritto alla versione elettrica; è stato voluto con l’ottica del catalogo organizzato secondo i formulari e, dove possibile, evidenziando i risvolti postali, che variavano secondo i tempi, anche in base alle norme internazionali. Quattro le sezioni: Antichi Stati, società concessionarie, Regno d’Italia nell’Ottocento e nel Novecento; nell’ambito di ciascun Paese vengono affrontati tre campi: il quadro generale, quello normativo e la modulistica (puntando in particolare su ricevuta rilasciata al mittente, busta e comunicazione pervenuta al destinatario).

Non vi sono valutazioni monetarie, ma sei scaglioni di rarità. Con questa impostazione pare non sia mai stato pubblicato nulla, “nemmeno in altri Paesi”.



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

CHIUSURA ESTIVA

Uffici chiusi da lunedì 5 a venerdì 30 agosto.

Nel periodo di chiusura approfitta delle spese di spedizione GRATIS!
È possibile inviare gli ordini, che verranno evasi in ordine di arrivo alla riapertura.

Buone vacanze a tutti.

 



https://www.vaccarinews.it/news/Un_secolo_di_telegrammi/10376