Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria






Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

09 Giu 2011 - ore 21:32
Giu 09 2011
21:32

Notizie dall'Italia

Interlocutorio l’incontro con le associazioni dei consumatori

Dopo il primo confronto, considerato positivo, il rinvio al 17 giugno. Intanto -dice Adiconsum- attenzione ai modelli di rimborso falsi. Sono 9,6 milioni le operazioni eseguite oggi

Pare proprio che il peggio del blackout informatico sia passato: oggi agli sportelli di Poste italiane -sia pure ancora con il rallentatore- sono state effettuate 9,6 milioni di operazioni, con 230mila pensioni pagate e 2,5 milioni di bollettini di conto corrente accettati.

Ma l’interesse, ormai, è al tavolo di confronto con le associazioni dei consumatori, apertosi in mattinata alla presenza dell’amministratore delegato della società, Massimo Sarmi. L’operatore -spiega una nota, diffusa dal quartier generale dell’Eur- “è disponibile a riconoscere rimborsi economici ai clienti che hanno subìto danni documentabili”. Il dialogo -ha aggiunto lo stesso ad- “si è aperto in un clima positivo e ha confermato la bontà dei rapporti... Dal canto nostro, valuteremo attentamente e con la massima disponibilità tutte le richieste che ci perverranno sia direttamente che attraverso le associazioni”.

Innanzi tutto -puntualizza Federconsumatori- “si è parlato del ripristino del servizio, che Poste italiane ha assicurato essere in rapidissima soluzione, anche grazie ai doppi turni dei lavoratori”. I criteri di cui si parla per i rimborsi riguarderebbero: 1) danni accertati e documentabili dovuti al ritardato pagamento di multe, tasse, mutui, bonifici, bollette e così via; 2) danni dovuti alla mancata spedizione di raccomandate per concorsi di varia natura; 3) forme di riconoscimento del disagio patito da categorie particolari quale quella dei pensionati. La definizione più dettagliata di procedure e modulistica avverrà in uno specifico incontro, previsto per il 17 giugno.

Indipendentemente dall’indennizzo che verrà stabilito -tuona il presidente di Codacons, Carlo Rienzi- “chi ha subìto danni materiali di entità superiore potrà rivalersi direttamente sull’Ibm, chiedendo un equo risarcimento in Tribunale. Il Codacons ha infatti ricevuto segnalazioni di cittadini che, a causa del disservizio postale, rischiano di perdere il posto di lavoro, o non avendo potuto pagare alcune rate in scadenza, saranno iscritti nell’elenco dei cattivi pagatori, o ancora utenti che non potranno partecipare a concorsi, non essendo riusciti ad inviare per tempo la raccomandata. Il Codacons valuterà quindi i singoli casi e si farà promotore di una serie di cause di risarcimento contro Ibm per conto dei cittadini danneggiati”.

Tra le richieste presentate dal segretario generale di Adiconsum, Pietro Giordano, quella “che non si aumentino almeno per un anno i costi postali a carico dei consumatori”. Il sodalizio ha domandato anche di “conoscere i risultati delle verifiche ispettive proposte dal ministro Romani, l’eventuale multa da un milione e mezzo teoricamente comminabile alle Poste che dovrà ritornare a beneficio dei consumatori e non scomparire nei meandri della fiscalità generale, l’eventuale intervento della nuova Agenzia di controllo”. Al tempo stesso, Adiconsum “invita i consumatori a diffidare delle modulistiche già presenti online perché false, in quanto la loro definizione sarà concordata” venerdì prossimo.

Oggi si è riunito pure il consiglio di amministrazione di Poste, che ha espresso “un convinto apprezzamento a tutto il personale sia a livello centrale che territoriale, soprattutto ai dipendenti applicati negli uffici postali per l’impegno e la disponibilità dimostrati nel rispondere alle necessità della clientela”. Verificata, inoltre, “la ripresa completa dell’operatività”.



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

 



https://www.vaccarinews.it/news/Interlocutorio_l___incontro_con_le_associazioni_dei_consumatori/10450