Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria






Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

15 Giu 2011 - ore 21:33
Giu 15 2011
21:33

Notizie dall'Italia

Il blackout informatico approda in Parlamento

Almeno quindici i documenti già presentati da deputati e senatori. Intanto, Pino Arlacchi investe del problema Bruxelles


L’odissea agli sportelli iniziò due settimane fa

Archiviato (pare, e nonostante qualche segnalazione di segno contrario) il blackout che all’inizio del mese ha fermato gli uffici di Poste italiane, si attende il secondo incontro che venerdì la società avrà con le associazioni dei consumatori. Uno dei fronti su cui dovrà intervenire, ma non l’unico.

Un altro -che ha come interlocutore principale il ministero allo Sviluppo economico- è quello del Parlamento, dove nelle ultime due settimane sono stati presentati almeno quindici documenti (interrogazioni a risposta scritta e non solo) nei quali deputati e senatori, di maggioranza ed opposizione, chiedono conto di quanto è accaduto. Nel frattempo, lo stesso dicastero ha avviato un’istruttoria amministrativa.

Il problema è arrivato persino alla Commissione Europea, dove Pino Arlacchi, del Pd, ha domandato quali rimedi Bruxelles ritenga “utili a risarcire i consumatori utenti postali italiani per i disservizi subiti”. “La Banca europea degli investimenti di cui l’Italia é azionista importante, detenendo circa il 16 % del capitale azionario, sin dal 2001, ha erogato a Poste italiane prestiti per un totale di un miliardo di euro per sostenere la modernizzazione della logistica”. “In particolare -prosegue l’eurodeputato- nel mese di dicembre 2009, la Bei e Poste italiane hanno firmato un contratto di 200 milioni di euro per finanziare un piano pluriennale di sviluppo della società. Il prestito doveva servire a finanziare parte del piano di Poste italiane per aggiornare la sua rete informatica attraverso l’introduzione di tecnologie avanzate per supportare nuovi servizi. È inaccettabile che nonostante queste ingenti risorse a disposizione… gli utenti italiani abbiano dovuto sopportare notevoli ritardi e conseguenti disagi, legati all’operatività di un software”.



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

 



https://www.vaccarinews.it/news/Il_blackout_informatico_approda_in_Parlamento/10476