Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria






Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

04 Lug 2011 - ore 16:52
Lug 04 2011
16:52

Notizie dall'Italia

Altre lettere raggiungono il Vittoriale

Appartengono all’ambasciatore Antonio Benedetto Spada; ieri la consegna formale. Il Museo della guerra diventa Museo D’Annunzio eroe


Il collezionista, Antonio Benedetto Spada

Settantaquattro voci, fra cui daghe, pugnali, gagliardetti e manoscritti. È il gruppo di reperti offerto al Museo D’Annunzio eroe, ospitato al Vittoriale degli italiani, e che proprio ieri, con la nuova integrazione, ha abbandonato il vecchio nome di Museo della guerra.

Le onorificenze e i cimeli storici appartengono all’ambasciatore Antonio Benedetto Spada, che da collezionista assiduo si è trasformato in esperto della materia. E, alla vigilia delle ottanta primavere, ha voluto depositarli alla struttura di Gardone Riviera (Brescia) in un prestito ventennale rinnovabile. “Mi piace pensare -ha detto- che i miei preziosissimi oggetti trovino la giusta collocazione”.

L’importanza documentaria -ha aggiunto il presidente del Vittoriale, Giordano Bruno Guerri- “è strepitosa”, anche perché il complesso possiede decine di migliaia di oggetti scelti dal Vate per sé, ma pochissimi da lui offerti. Mentre quelli della raccolta Spada sono principalmente testimonianze donate a D’Annunzio o da lui stesso regalate ad amici e amanti.

Tra i materiali, naturalmente, non mancano le lettere. Come quella su carta intestata “Reggenza italiana del Carnaro - comando dell’Esercito italiano”, indirizzata dal poeta-soldato ai legionari bresciani l’1 luglio 1928, riguardante l’attacco rivolto contro uno di loro ed annunciante un’indagine; la missiva, caratterizzata dal motto “Io ho quel che ho donato”, spedita il 3 giugno 1928 all’artista bresciano Giovanni Fumagalli; lo scritto inviato il 29 agosto 1927 al presidente dell’Associazione dei bersaglieri.

Più inconsueto è l’originale del messaggio che lasciò nella baia di Buccari nella notte fra il 10 e l’11 febbraio 1918, controfirmato dallo stesso autore tre anni dopo per garantirne l’autenticità.



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

 



https://www.vaccarinews.it/news/Altre_lettere_raggiungono_il_Vittoriale/10571