Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria






Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

27 Feb 2012 - ore 09:47
Feb 27 2012
09:47

Appuntamenti

Ed ora tocca a Catania

Già ospitata a Roma, la mostra “Le donne che hanno fatto l’Italia” resterà aperta sino all’8 marzo


La mostra è esposta al Museo civico “Castel Ursino”

Ospitata in precedenza a Roma, fino all’8 marzo farà scalo a Catania, presso il Museo civico “Castello Ursino” (piazza Federico II di Svevia, orari: da lunedì a sabato 9-13 e 14.30-19, domenica 9-20; ingresso gratuito). È “Le donne che hanno fatto l’Italia”: sostanzialmente lo stesso allestimento -confermano i promotori- proposto nella capitale ma “con qualche integrazione relativa all’eroina siciliana Giuseppa Bolognari, detta Peppa la Cannoniera, protagonista di un episodio” in città.

Il percorso offre dipinti, foto, filmati, abiti, giornali, cimeli e documenti (anche dal richiamo postale), così da attestare “come le donne abbiano fortemente contribuito al processo di unificazione, ai cambiamenti e alla crescita del Paese”. Perché “la storia della nostra nazione si è fatta per mano anche femminile, con coraggio, determinazione, passione”. Cominciando con le protagoniste di un secolo e mezzo fa, alle quali è dedicato il primo segmento della mostra, si dipana la narrazione che segna di volta in volta trasformazione e rinnovamento. Coloro che hanno fatto il Paese sono state tante: da sole o unite in esperienze collettive, hanno saputo affermare progressivamente le proprie idee, guadagnando posizioni di rilievo e una rinnovata concezione di sé.

Non c’è ambito, sfera o settore che non ne conosca la presenza: ricordare le donne e la loro crescita politico-sociale porta a tracciare un racconto costellato di grosse e minute -ma sempre intense- battaglie, indispensabili all’abbattimento di disuguaglianze sia nella sfera privata sia in quella pubblica; raccontare delle letterate equivale a riscoprire pagine di grande spessore stilistico e autentica vocazione; descrivere le pittrici conduce a scoprire e a riscoprire immagini fondamentali per l’evoluzione artistica nazionale.

Alcune hanno nomi noti, come Grazia Deledda e Rita Levi Montalcini, le due sole italiane che hanno conquistato il Nobel, Lina Merlin, Nilde Iotti e Tina Anselmi, di primo piano della scena politica, Bice Lazzari, Carla Accardi, Marisa Merz, significativi nomi dell’arte. Altre, invece, sono meno conosciute, però hanno compiuto scelte in grado di incidere nell’evoluzione politica e sociale, come Franca Viola, la prima ad aver rifiutato con coraggio un matrimonio riparatore, Alfonsina Strada, vincitrice al “Giro d’Italia” in gara con corridori uomini, o Anna Maria Mozzoni, pioniera del femminismo italiano e delle lotte per la conquista del diritto di voto alle donne.



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

 



https://www.vaccarinews.it/news/Ed_ora_tocca_a_Catania/11736