Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria






Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

28 Mag 2012 - ore 15:45
Mag 28 2012
15:45

Giornali, riviste e siti

Mezzo secolo fa la scomparsa di Lorenzo Spallino

Morì in un incidente stradale domenica 27 maggio 1962, dopo aver inaugurato l’ufficio postale di Turate (Como)


Lorenzo Spallino

Quanti i colloqui e gli incontri? “Senza dubbio centinaia e non di rado pieni di vibrazioni, sconfinanti -per la varietà dei problemi che comporta l’Amministrazione Pt- in ogni campo amministrativo, tecnico e politico”. Anche perché, “non era un timido, non mancava di loquacità, non era un pavido; non lasciava sfuggire occasioni per rintuzzare chiunque, nella polemica o negli attacchi dai quali non si salva l’uomo politico o il combattente”.

Così, dalle colonne del numero di maggio-giugno 1962 di “Poste e telecomunicazioni”, il direttore generale delle Poste, Romolo De Caterini, ricorda il ministro delle Poste e delle telecomunicazioni Lorenzo Spallino, scomparso il 27 maggio di mezzo secolo fa per un incidente automobilistico. Anche allora era domenica; stava tornando a casa dopo aver inaugurato l’ufficio postale di Turate, nel Comasco.

Nato a Cefalù (Palermo) il 24 settembre 1897, è stato avvocato, facendo una lunga carriera tra le fila del Partito popolare e poi della Democrazia cristiana. Senatore eletto a Cantù (Como) dove si era trasferito, al dicastero entrò con il terzo Governo Fanfani il 26 luglio 1960, venendo riconfermato, il 21 febbraio 1962, in occasione del quarto.

“L’impulso, l’ordinato procedere, il cammino e il seme nuovo dati a tutti i settori delle Ptt -è la chiosa sottoscritta allora dalla rivista- porteranno e richiameranno il suo nome per molto e molto tempo, mano a mano che i programmati frutti saranno a compimento”. “È ricordato -si legge invece nel supplemento di «Cronaca filatelica» dell’ottobre-novembre 1996, intitolato «Repubblica italiana - 50 Anni a passo di posta»- come il «ministro dello stock»: con i francobolli invenduti pensava di introitare miliardi con cui costruire case per i postelegrafonici. Sua anche la decisione di togliere di mezzo gli annulli speciali, considerati tutti pubblicitari e poco vantaggiosi per le casse postali”.

Al vertice del dicastero venne sostituito da Guido Corbellini.



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

 



https://www.vaccarinews.it/news/Mezzo_secolo_fa_la_scomparsa_di_Lorenzo_Spallino/12294