Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria






Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

27 Nov 2013 - ore 13:23
Nov 27 2013
13:23

Appuntamenti

San Dorligo della Valle-Dolina tra lettere e bolli

La storia del paese in provincia di Trieste letta attraverso il suo ufficio postale, che ha compiuto centoquaranta anni. Domani l’inaugurazione della mostra


Annullo d’antan

Domani alle ore 17 l’inaugurazione, e poi ingresso libero dal 29 novembre al 28 febbraio. È la mostra “San Dorligo della Valle-Dolina - 140 Anni di storia postale”, firmata dal Museo postale e telegrafico della Mitteleuropa di Trieste, ubicato in piazza Vittorio Veneto 1.

Racconta la storia della piccola comunità e del suo ormai vetusto ufficio. Rispetto ad altri della provincia e della stessa regione, il presidio -spiegano gli organizzatori- “appare storicamente ben documentato e intimamente connesso alla presenza di un’antica famiglia del paese, quella dei Pangerc”. Vi sono infatti delle tracce documentali di una Ursula Pangerc, figlia dell’allora borgomastro di Dolina, che già nel marzo del 1873 faceva il mastro di posta.

Curato da Chiara Simon e Marco Manin con la collaborazione dell’Associazione storico culturale e dell’Archivio storico della famiglia Pangerc, l’allestimento presenta una serie di testimonianze scritte, come le cartoline, e di oggetti, dai bolli ai costumi, che documentano l’evoluzione del servizio. Nato per sostenere la crescita commerciale attraverso l’accettazione di missive e pacchi.

L’iniziativa è dedicata ad Ursula ed ai suoi successori. A lei segue il fratello Josip. Con l’accorpamento del territorio a Roma, nel 1920 la sede si trasforma in quella di San Odorico di Valle, ma tre anni più tardi diventa San Dorligo della Valle. Alla fine della Seconda guerra mondiale ritorna ad essere gestita dai Pangerc, il cui cognome si presenta italianizzato in Pancrazi. Nel 1952 la ricevitoria cambia in pubblico ufficio sotto la diretta dipendenza dello Stato. Anche in questo passaggio c’è un parente che assicura il lavoro: è Amato Pancrazi, ovvero Ljubivoj Pangerc. Nel 1984 gli sportelli traslocano dal centro della località alla nuova struttura costruita a fianco della scuola. È del 2008 l’ultimo mutamento nella denominazione: diventa San Dorligo della Valle-Dolina.

La rassegna resterà aperta dal lunedì al sabato tra le 9 e le 13; il giovedì pure di pomeriggio, tra le 15 e le 18.

Aggiornamento del 28 febbraio 2014: la mostra resterà aperta fino al 20 marzo.



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

 



https://www.vaccarinews.it/news/San_Dorligo_della_Valle_Dolina_tra_lettere_e_bolli/15402