Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria






Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

05 Mar 2015 - ore 12:21
Mar 05 2015
12:21

Libri e cataloghi

Grande guerra/1 “Scrivere è un’«impresa»”

Lettere, diari e memorie dei soldati analizzati da Quinto Antonelli, responsabile dell’archivio della scrittura popolare allestito presso il Museo storico del Trentino


Testimonianze, anche epistolari

“Io mi trovo sempre bene e così spero di voi, ma fatemi sapere presto notizie. Vi scrivo con queste cartoline che ci passa il governo, che per le lettere non si trovano i francobolli e neanche la carta, perché siamo in mezzo alle macerie e alte montagne e ci vuole un giorno per andare a trovare qualche cosa. Però non si sta tanto male, ci danno da mangiare buono e si fa molto fuoco per scaldarci. Questa notte sono di guardia al comando e ho trovato l’inchiostro per scrivere, ma se no mi tocca a scrivere col lapis”. Così, dalla zona di guerra, si rivolgeva alla famiglia il soldato Giovanni Gaggi; era il 4 febbraio 1916. Testimoniando, perlomeno, la difficoltà nel comunicare.

Un altro, Giuseppe Capacci: “Io, che da cinque giorni che avevo ricevuto lettere da genitori e da Maria, mi misi subito a scrivere alla fidanzata; era quasi sera, mi misi nel mio pagliariccio vicino alla porticina scrivendo nelle ginocchia, mentre al difuori il tempo nevicava. Un soldato che si mise ritto nella porta, e io le chiesi se si levava che non potevo scrivere; lui mi rispose: «Vai fuori!»; io essendo agitato gli dissi quello che si meritava, e lui mi venne con le mani al viso, come se avesse avutomille ragioni. Allora balsai in piedi incominciando la lotta; non vidi più niente: calci e cazzotti come se fosse stato un tedesco! La carta e l’inchiostro andiedero per terra, la penna la ruppi sopra di lui; la lotta luttò poco: me lo sentii strappare dalle mani, due soldati ci scompagnarono, così fu fenita; per quella sera dovetti cessare di scrivere”.

Le testimonianze sono citate, insieme a tante altre, nel volume “Storia intima della Grande guerra - Lettere, diari e memorie dei soldati dal fronte”. L’atto della scrittura -annota l’autore, Quinto Antonelli- “presuppone uno spazio, una postura, un piano d’appoggio, una fonte luminosa. Scrivere è un’«impresa»: si scrive di notte al lume di una candela, si scrive inginocchiati per terra, si scrive su un’asse appoggiata alle ginocchia, dentro un ricovero (caverna o baracca) dove si è continuamente intralciati nei movimenti, spintonati, dove non è possibile raccogliersi e godere di un po’ di intimità”.

È uno degli aspetti toccati dal lavoro, che attinge principalmente dall’archivio della scrittura popolare allestito presso il Museo storico del Trentino, di cui Antonelli è il responsabile. Si tratta -aggiungono dalla casa editrice, Donzelli- “di una ricchissima documentazione (che quasi sempre si sottrae alle norme ortografiche e sintattiche, e per questo può sembrare ingovernabile)”, a lungo esclusa dal racconto nazionale in quanto considerata marginale, se non conflittuale: gli autori sono infatti “tutti” gli italiani, anche quelli che un secolo fa risultavano sudditi dell’Austria-Ungheria: trentini, giuliani, triestini.

Nel volume (336 pagine, 32,00 euro) è incluso il dvd “Scemi di guerra”, il documentario che Enrico Verra ha dedicato ai soldati colpiti da psiconevrosi, chiusi in manicomio e sottoposti a trattamenti spesso crudeli.



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

 



https://www.vaccarinews.it/news/Grande_guerra_1____Scrivere____un_____impresa_____/18140