Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria






Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

21 Mag 2015 - ore 01:00
Mag 21 2015
01:00

Libri e cataloghi

Aoi/1 Quell’eccidio del 1936

Accadde al confine tra Eritrea ed Etiopia il 13 febbraio. Viene ricordato da Alberto Caminiti anche utilizzando francobolli, buste, cartoline reggimentali


Tra Eritrea ed Etiopia

Nuovo appuntamento con i capitoli meno noti della storia proposti da Alberto Caminiti. Anche questa volta raccontato utilizzando documenti d’epoca e, quando possibile, materiale postale, dai francobolli alle buste ed alle cartoline reggimentali.

S’intitola “L’eccidio del cantiere Gondrand - Aoi 1936” (144 pagine con immagini in bianco e nero, Libero di scrivere, 15,00 euro). La vicenda accadde a Mai Lahlà, presso il cantiere edile 1 della società, che aveva ottenuto l’appalto per costruire strade e ponti, ma anche per garantire la logistica dei rifornimenti alle truppe italiane che avanzavano su Addis Abeba.

Si trattava di un vasto accampamento, situato funzionalmente sulla strada Asmara-Adua, al confine tra Eritrea ed Etiopia, “in piena retrovia ed in una zona che da molto tempo veniva considerata tranquilla, anzi -con termini militari- «non ostile»”. Ospitava operai italiani e locali e non aveva un presidio armato di difesa. Venne attaccato il 13 febbraio 1936 da circa duemila uomini: i morti accertati furono ottantacinque, più due dispersi.

L’episodio ambientato in Africa Orientale Italiana venne citato in un articolo, firmato da Angelo Del Boca e pubblicato su “Storia illustrata” nel 1983; ora è stato ripreso nel lavoro. Tante le foto, riguardanti soprattutto un meccanico di autocolonna, Pietro Mestroni, in Africa Orientale Italiana per la stessa azienda dal 1935 al 1938.



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

 



https://www.vaccarinews.it/news/Aoi_1_Quell___eccidio_del_1936/18639