Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria






Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

14 Giu 2015 - ore 01:08
Giu 14 2015
01:08

Libri e cataloghi

La posta via mare da e per la Sicilia

Il lavoro di Vincenzo Fardella de Quernfort ricostruisce i transiti dei natanti cominciando con il 1384. Quando disponibili, oltre alle date ed ai nomi dei porti, comprende quelli delle navi e dei comandanti


La Sicilia al centro delle comunicazioni

Come si chiamava il comandante della feluca che il 5 settembre 1720 salpò da Palermo per Napoli? Che tipo di imbarcazione era quella che il 13 settembre 1819 coprì la tratta tra Lipari e Messina? Quali risultavano le tempistiche registrate da un vapore in servizio tra Marsiglia e Malta che nel 1848 transitava per i principali porti d’Italia?

A queste ed a molte altre domande può dare una risposta il “Catalogo postale marittimo” firmato da Vincenzo Fardella de Quernfort (Ducezio edizioni, 100,00 euro). In 540 pagine “A4” con illustrazioni a colori (numerose riguardano documenti spediti), affronta il tema -lo indica il sottotitolo- dai velieri del XIV secolo ai piroscafi del XIX fra la Sicilia ed i porti del Tirreno e del Mediterraneo. Lo scopo è mettere i collezionisti nelle condizioni di rilevare i nomi dei mezzi e dei relativi responsabili che eseguirono lo spostamento di una specifica missiva.

“Le prime notizie, certamente attendibili, sul trasporto della corrispondenza per via marittima fra la Sicilia e i porti mediterranei possono datarsi al secolo XI”, spiega l’autore. “L’irregolarità nella durata dei viaggi e il timore di incidenti costringeva i mercanti a moltiplicare i messaggi: una lettera col medesimo contenuto veniva scritta e spedita con diversi corrieri, o affidata a diversi capitani o viaggiatori, con l’augurio che almeno una di esse giungesse al destinatario”. Occorse tempo affinché il servizio venisse strutturato, ma già tra il XIV ed il XVIII secolo nell’area operava “un gran numero di velieri di varia nazionalità” e spesso l’appellativo della nave e quello del suo comandante erano indicati nel testo della missiva. Per avere il primo servizio postale via acqua tra Napoli e Palermo bisognò attendere il 1686, quando furono destinati due vascelli a vela, adibiti principalmente al trasporto della corrispondenza governativa. Ancora a metà Ottocento, i dispacci con l’estero erano trattati dai vapori francesi.



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

 



https://www.vaccarinews.it/news/La_posta_via_mare_da_e_per_la_Sicilia/18778