Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria






Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

29 Dic 2015 - ore 14:25
Dic 29 2015
14:25

Dall'estero

Ue/1 Il mercato visto da Bruxelles

A cinque anni dall’entrata in vigore della terza direttiva sui servizi postali, la Commissione ha presentato un bilancio su quanto ottenuto


Passo dopo passo (foto © Unione europea, Reporters press agency, Alain Schroeder)

“I servizi postali continuano a svolgere un ruolo fondamentale in tutta l’Unione Europea, sebbene la natura di tale ruolo stia cambiando per effetto delle nuove tecnologie”, che determinano la sostituzione della corrispondenza cartacea con quella elettronica ed un volume crescente di acquisti on-line. Tuttavia, la possibilità di spedire lettere e colli con recapito entro un determinato termine ad un prezzo definito “resta un fattore fondamentale della coesione sociale, economica e territoriale e dello sviluppo del mercato unico”. E c’è di più: l’e-commerce implica che prestazioni di rimessa pacchi, economicamente accessibili ed affidabili, siano “più che mai importanti per contribuire a realizzare il potenziale del mercato unico digitale” (anche se consumatori e rivenditori “lamentano la qualità e i costi dei servizi di consegna transfrontaliera”).

È in questo modo che dalla Commissione Europea -rivolgendosi ad Europarlamento e Consiglio- disegnano il settore oggi, nel momento in cui tutti i Paesi membri hanno adottato -chi prima e chi dopo (l’Italia lo fece cinque anni fa)- la direttiva 2008/6/Ce, quella che ha introdotto la base giuridica per realizzare il mercato interno del comparto, ultima tappa legislativa del processo. Inoltre, la terza direttiva sui servizi postali -come viene chiamata- ha rafforzato i compiti e le competenze delle autorità nazionali di regolamentazione, cambiato le modalità di possibile fornitura e finanziamento del servizio universale, imposto l’accesso a determinati elementi dell’infrastruttura ed esteso le disposizioni a tutela dei consumatori.



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

 



https://www.vaccarinews.it/news/Ue_1_Il_mercato_visto_da_Bruxelles_/19871