Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria






Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

29 Dic 2015 - ore 17:08
Dic 29 2015
17:08

Dall'estero

Ue/2 Tariffe aumentate, ma restano contenute

Secondo Bruxelles, i rialzi sono dovuti all’inflazione ed al minor traffico. Però, le spese rimangono più basse rispetto a quanto richiesto con altri strumenti, come la telefonia mobile


Meno lettere

Tra gli aspetti sottolineati nella relazione sottoscritta dall’Eurocommissione (news precedente), quello riguardante la sorveglianza regolamentare indipendente: si ritiene sia migliorata, anche se non basta, specie nel capitolo dei colli.

Viene ricordato che gli Stati membri sono tenuti a garantire la raccolta e la distribuzione di lettere e pacchi almeno cinque giorni lavorativi a settimana, con interventi di qualità specifica in tutti i punti del territorio. Il numero di quelli che fanno di più (ossia, lavorano sei giorni su sette) sta diminuendo.

La stragrande maggioranza della corrispondenza nazionale è recapitata il giorno lavorativo seguente (a condizione che il mittente impieghi lo specifico supporto, e non un’alternativa dichiaratamente più lenta e meno costosa) e la qualità della distribuzione all’interno dell’Ue continua ad essere superiore alle norme specificate nella terza direttiva sui servizi postali.

Oltre la metà degli Stati membri ha fissato una tariffa massima per assicurare un prezzo ragionevole alle prestazioni di base. In molti Paesi, negli ultimi anni, i prezzi dei francobolli “sono aumentati generalmente in linea con i tassi d’inflazione e per contribuire a compensare la diminuzione del numero di lettere inviate”. Comunque, il rincaro “non ha avuto un impatto significativo” sull’accessibilità economica di questo supporto, “che continua ad avere un costo contenuto, soprattutto se confrontato alla spesa delle famiglie per altri mezzi di comunicazione”, come la telefonia mobile.

Quanto alla concorrenza, “si è sviluppata lentamente per la corrispondenza e alcuni operatori hanno posto in essere condotte anticoncorrenziali”. Il numero di lettere inviate tramite i fornitori del servizio universale è sceso da un valore stimato di 107,6 miliardi nel 2008 a 85,5 miliardi nel 2013. In generale, la pubblicità diretta e le pubblicazioni sono state meno colpite.



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

 



https://www.vaccarinews.it/news/Ue_2_Tariffe_aumentate__ma_restano_contenute/19872