Vaccari News

www.vaccarinews.it


Philately
Books






The world of philately in one App

Vaccari Shop

Search in Vaccari News

Fill in one field or more to effect your search and press "search"

28 Dic 2016 - ore 13:19
Dic 28 2016
13:19

Notizie dall'Italia

Le due facce della liberalizzazione

Se quella formale appare completata con successo, l’apertura effettiva del mercato risulta insoddisfacente. È quanto commentano dall’Istituto Bruno Leoni


Le valutazioni sono dell’Istituto Bruno Leoni

Il mercato del recapito in Europa? È caratterizzato da un fondamentale equivoco. A sostenerlo è l’Istituto Bruno Leoni nel suo annuale rapporto inerente l’indice delle liberalizzazioni.

Da un lato, l’apertura formale appare conclusa con successo, visto che ogni riserva monopolistica è stata eliminata, al netto di qualche caso isolato di ritardo (Cipro e Romania) o del mantenimento di una limitata riserva sulla consegna degli atti giudiziari (Italia, Portogallo ed Ungheria). D’altro canto, lo stato di avanzamento delle liberalizzazioni sul piano sostanziale appare insoddisfacente.

Al vertice della classifica figurano i Paesi Bassi (100%), seguiti da Germania (86%) e Svezia (84%); chiudono la graduatoria Slovacchia (54%), Lussemburgo (50%) e Cipro (45%).

Tre gli indicatori considerati, ponderati con elementi di natura quantitativa e qualitativa; sono: normativa, accesso e mercato. Rispetto alla scorsa edizione, Roma guadagna cinque punti percentuali, passando dal 58% al 63%, in virtù della parziale privatizzazione di Poste italiane; il nuovo punteggio, tuttavia, “non modifica in modo rilevante il piazzamento nella fascia inferiore della classifica”.

Il parametro regolamentare rimane stabile: la disciplina comunitaria è stata recepita senza ritardi, ma sopravvive la riserva sulla consegna degli atti giudiziari, la cui abrogazione, prevista per il 2017, è attualmente in discussione nell’ambito del disegno di legge sulla concorrenza. Per altro verso, l’assegnazione delle competenze regolamentari all’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, intervenuta ormai da alcuni anni, assicura un soddisfacente livello d’indipendenza.

Rispetto al tema dell’accesso, nessuna novità: il perimetro del servizio universale, sebbene più ampio di quello previsto dai Paesi maggiormente liberalizzati, appare in linea con la media degli altri; viceversa, si segnalano risultati negativi per la compensazione degli oneri inerenti il servizio universale, il regime dei titoli abilitativi e l’esenzione Iva.

Cresce, invece, il fattore mercato, grazie appunto all’alienazione di circa un terzo del capitale azionario di Poste.

Nel suo complesso la relazione considera dieci settori dell’economia di tutti i membri dell’Unione Europea. Nel 2016 il grado di liberalizzazione italiano è stato pari a 70 punti su 100, lo stesso esito ottenuto dalla Germania. Hanno fatto di più Regno Unito (94 punti), Spagna (80) e Paesi Bassi (79); fanalini di coda Cipro e Grecia (entrambi a 54).



VaccariNews


Copyright © March 2003 - Vaccari srl
all rights reserved

Law Court of Modena registration
n. 1854, 4 December 2007

editor Fabio Bonacina
publishing director Valeria Vaccari
editorial staff and press office Claudia Zanetti

Vaccari news runs on software designed, developed and maintained by internet images & fabioferrero.it.

All contents of this site, html pages and images included, are protected by copyright.
In case of publication or reference, please quote Vaccari News and advise the editorial staff at info@vaccari.it

Vaccari srl is not responsible for links (tested at first insertion) not properly functioning or that may cause problems.
A notice will be appreciated.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - VAT n. IT-1917080366

 



https://www.vaccarinews.it/news/Le_due_facce_della_liberalizzazione/21950