Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria






Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

08 Nov 2017 - ore 20:24
Nov 08 2017
20:24

Notizie dall'Italia

I tagli tornano nel dibattito politico

Il Consiglio della Toscana approva all’unanimità una richiesta per intervenire “su presenza territoriale, consegna della corrispondenza, organizzazione del lavoro e livello del servizio”. Così ora l’operatore descrive la posta1

“Favorire l’eventuale apertura di un tavolo di trattativa con i lavoratori e le rappresentanze sindacali per accogliere le richieste avanzate dal coordinamento regionale precari e correggere il piano industriale su presenza territoriale, consegna della corrispondenza, organizzazione del lavoro e livello del servizio ai cittadini”. La nuova fase dei tagli decisa da Poste italiane ritorna nelle stanze della politica.

Ad aver sottoscritto la richiesta è Sì-Toscana a sinistra, la cui mozione oggi è stata approvata all’unanimità dal relativo Consiglio regionale. Il testo, emendato e sottoscritto dal delegato del Partito democratico Enrico Sostegni, ha raccolto le integrazioni presentate dalla collega Ilaria Giovannetti per un’attenzione particolare verso le zone più disagiate. “Ho appreso -ha detto quest’ultima- che in alcuni territori già per natura fragili come Serravezza e Stazzema, Poste ha intenzione di predisporre il servizio di consegna a giorni alterni”. Ricordando poi gli impegni già assunti dal Consiglio con specifici atti, sul piano di razionalizzazione e per la tutela dei cittadini, per la difesa del servizio, per la salvaguardia dei livelli occupazionali nel centro di meccanizzazione ubicato a Sesto Fiorentino (Firenze).

“Il bilancio di Poste ha un andamento positivo ormai da anni. L’utile 2016 ammonta a 633 milioni”, ha osservato Tommaso Fattori (Sì-Toscana a sinistra). Il “massiccio impiego di contratti a tempo determinato, passati dai 1.844 nel 2012 ai 4.545 nel 2016, ha avuto come conseguenza il calo di personale a tempo indeterminato, negli ultimi cinque anni, dell’1,4 per cento e una crescita del 30 per cento dei precari”.

D’accordo con il testo si è dichiarata pure Elisa Montemagni (Lega): “Siamo di nuovo a parlare di Poste”, ha esordito. “Sono anni che assistiamo a vere e proprie emorragie sul territorio”, ha aggiunto ricordando che i presìdi postali sono “utili anche come centri di aggregazione sociale”.

Intanto, è curioso notare come ora Poste italiane descriva i tempi di consegna per la cosiddetta posta1: “in un giorno lavorativo (sabato e festivi esclusi) successivo a quello di accettazione per almeno l’80% degli invii; in quattro giorni lavorativi (sabato e festivi esclusi) successivi a quello di accettazione per almeno il 98% degli invii”. Non basta: “con l’introduzione del recapito a giorni alterni in alcuni comuni del territorio nazionale tale obiettivo di velocità può variare”: da uno a tre giorni a seconda della zona di raccolta e destinazione degli invii.



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

 



https://www.vaccarinews.it/news/I_tagli_tornano_nel_dibattito_politico/23699