Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria






Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

28 Dic 2017 - ore 00:38
Dic 28 2017
00:38

Dall'estero

Niente sovvenzioni per il voto postale

Il Consiglio federale della Svizzera ha respinto l’ipotesi di renderne gratuito l’invio. Ogni Comune che adotta il sistema decide se pre affrancare le buste o far pagare la tassa all’elettore

Si può votare per posta, ma il francobollo -se non diversamente previsto- resta a carico del cittadino. L’ha deciso il Consiglio federale della Svizzera, che non intende assumersi le relative spese.

Il chiarimento à giunto dopo una mozione sottoscritta dalla rappresentante del Gruppo dell’unione democratica di centro Yvette Estermann. Aveva chiesto che, in occasione degli scrutini federali, la Posta si assumesse, in qualità di azienda della Confederazione, i costi di spedizione derivanti dal voto per corrispondenza. Citando l’impatto positivo emerso dalla ricerca dell’Università di Friburgo, secondo la quale davanti ad un plico già affrancato l’elettore si mostrerebbe più propenso ad esprimersi (nei centri del Bernese che utilizzano plichi preaffrancati il tasso di partecipazione alle urne supera del due per cento quello delle altre località).

Il Consiglio federale, tuttavia, ha risposto picche. Oggi il voto per corrispondenza avviene senza spese di porto per scelta di circa un terzo dei Cantoni, più alcuni Comuni presenti in altri. Questi hanno deciso di farsi carico delle spese di spedizione senza l’intervento della Confederazione o senza che quest’ultima se ne assumesse gli oneri. È corretto che essi “sopportino i costi che incorrono e disciplinino la questione del finanziamento, dato che decidono anche le modalità concrete del voto per corrispondenza”. Il Consiglio federale -viene aggiunto- è pronto ad informare in merito allo studio scientifico menzionato e agli effetti positivi dell’esenzione dal porto sulla partecipazione al voto. Non bisogna dimenticare, però, che tutti gli aventi diritto possono deporre personalmente il loro suffragio nell’urna la domenica dello scrutinio o nei giorni precedenti.

Lo stesso organo, inoltre, si impegna per l’introduzione e l’estensione del voto elettronico. A suo avviso, occorre sostenere prioritariamente questo ulteriore canale, invece di promuovere quello per corrispondenza.



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

AUGURI DI BUONA PASQUA

I migliori auguri
a tutta la nostra
affezionata clientela.

 



https://www.vaccarinews.it/news/Niente_sovvenzioni_per_il_voto_postale/24014