Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria






Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

03 Mar 2018 - ore 01:23
Mar 03 2018
01:23

Giornali, riviste e siti

Collezionare/1 “Perché si emettono tanti francobolli”

Così s’intitola un articolo pubblicato dalla “Rivista filatelica d’Italia”. Firmato da Ermes Iacchia, risale ad un secolo fa!


Uno dei tanti sovrastampati ottomani

“I francobolli non sono sempre emessi per bisogno o per opportunità, molte volte si potrebbe far a meno di un valore alto o di una serie nuova!”. È quanto sosteneva Ermes Iacchia nella “Rivista filatelica d’Italia” un secolo fa, era il gennaio 1918, inserendosi nel dibattito sulle produzioni originate dalla Prima guerra mondiale. Già il titolo è indicativo: “Perché si emettono tanti francobolli”.

“Noi collezionisti siamo spesso gli amici acquirenti di certi valori postali. Eppure si emettono perché ciò torna a grande vantaggio dello Stato. Fra i molti mezzi di accrescere le risorse finanziarie (imposte e tasse - debito pubblico) ve ne sono alcuni tanto modesti quanto importanti. Il francobollo non serve soltanto all’affrancazione delle corrispondenze, esso è pure oggetto di collezione. Doppia quindi sarà la richiesta: da una parte coloro che lo domandano e lo impiegano per l’uso ordinario; dall’altra quelli che lo domandano per l’uso di collezione”.

Gli innumerevoli appassionati sparsi per tutto il mondo -prosegue la testimonianza- “acquistando la nuova serie -completa o solo alcuni valori- verseranno nelle casse dello Stato emittente una considerevole somma di denaro. Oserei dire che la condizione di un Paese si può spesso misurare dalla maggiore o minore velocità con cui si succedono le serie. Così la Turchia è prodiga di centinaia di sovrastampe ed alti valori stampati in due o tre colori, la Bosnia, l’Ungheria e l’Austria di francobolli di guerra che spesso sono veri quadretti artistici, a parte l’effigie più o meno… esosa che ci rappresentano. La serie che appare ora in Francia a beneficio degli orfani è per esempio esclusivamente emessa basandosi sulla vendita” ai filatelisti.

Di qui “la necessità di fare dei francobolli tanti piccoli oggetti d’arte, poiché non essendo possibile raccogliere tutti (nel più ampio senso) i francobolli che giornalmente appaiono, i collezionisti preferiranno quelli che sono più belli” (continua).



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

 



https://www.vaccarinews.it/news/Collezionare_1____Perch___si_emettono_tanti_francobolli___/24333