Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria






Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

25 Gen 2019 - ore 20:05
Gen 25 2019
20:05

Emissioni Italia

Cavallini/2 La storia in pillole

A sintetizzarne premesse, obiettivi ed impieghi è stato, allo spazio filatelia di Torino approfittando dell’emissione commemorativa, il collezionista Francesco Aragno


La mostra documentaria

Una storia -quella, ricordata oggi con un francobollo (news precedente)- che vede le premesse nel 1772, quando il servizio postale viene ristrutturato introducendo la privativa: dunque, le prestazioni sono assicurate soltanto dallo Stato. A spiegarlo ai presenti presso lo spazio filatelia di Torino è stato il collezionista Francesco Aragno, il quale ha approfondito il tema della carta postale bollata del Regno di Sardegna, come dicono gli atti ufficiali. Ma che i collezionisti hanno chiamato sempre cavallini per via dell’immagine che vi compare.

Con Napoleone si adotta il sistema francese, che prevede la bollatura delle corrispondenze, approccio poi mantenuto alla Restaurazione, scalpellando (ma non sempre) il numero del Dipartimento dai timbri. L’obiettivo è frenare l’abuso delle epistole inoltrate privatamente, quindi senza pagare la tassa. Con il regio editto del 12 agosto 1818 si riuniscono le normative riguardanti posta lettere e posta cavalli. Ribadendo l’esclusiva ma concedendo a chiunque di svolgere la prestazione in autonomia saldando un diritto. È il corso particolare, per ottenere il quale occorre andare all’ufficio postale, far registrare la missiva e appunto pagare.

Un sistema non comodissimo. Da qui l’idea del segretario generale delle Regie poste, Pietro Lombard: introdurre la carta bollata, prevista dalle regie patenti del 7 novembre 1818. Tre i tagli, da 15, 25 e 50 centesimi, disponibili dall’1 gennaio 1819 e da impiegare secondo la distanza. L’immagine, unica, è dovuta allo scultore e medaglista Amedeo Lavy (1777-1864); propone insieme tutti i simboli: il cavallo, il corriere ed il corno di posta raccolti in cornici diverse, tonda, ovale, ottagonale.

Risulta impressa, con inchiostro e poi a secco, su carta, anche vergata e costolata, proveniente da forniture diverse senza o con filigrane varie. Solo in un secondo momento si impiega la carta filigranata con lo stemma e la scritta “Direzione generale delle Regie poste”. Ne viene prevista una quantità enorme, ma alla fine risulta poco usata. Per certi itinerari, andare a bollare in posta talvolta costa meno.

Il 30 maggio 1836 il sistema viene superato da un servizio statale più efficiente, rendendo inutile il ricorso ai privati. Gli specialisti sanno che esistono falsificazioni e reimpressioni, tipi di fogli diversi e addirittura una ristampa con autorizzazione, compiuta nel 1875 da Carlo Usigli. Accantonato l’oggetto, l’approccio concettuale tornerà decenni dopo con le marche riservate al recapito autorizzato ed ai pacchi in concessione (fine).



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

CHIUSURA ESTIVA

Uffici chiusi da lunedì 5 a venerdì 30 agosto.

Nel periodo di chiusura approfitta delle spese di spedizione GRATIS!
È possibile inviare gli ordini, che verranno evasi in ordine di arrivo alla riapertura.

Buone vacanze a tutti.

 



https://www.vaccarinews.it/news/Cavallini_2_La_storia_in_pillole/26198