Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria






Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

25 Feb 2019 - ore 11:10
Feb 25 2019
11:10

Appuntamenti

A Trieste Leopoldo Metlicovitz

Il grande cartellonista ricordato dalla città natale con una mostra in due sedi. Otto le sezioni, una delle quali propone anche cartoline


I suoi francobolli di Benadir

Niente francobolli. Nemmeno quelli del Benadir con l’elefante e il leone che dall’ottobre del 1903 furono destinati alla futura Colonia di Somalia. O -molto più recente- l’80 centesimi del 24 aprile 2015 riguardante il fernet della Fratelli Branca. Nel primo caso -scelto come esempio- i bozzetti vennero realizzati dal protagonista dell’attuale mostra; nel secondo è stato riprodotto uno dei suoi lavori. Però, la sezione (complessivamente sono otto) dedicata alla grafica minore comprende, accanto a illustrazioni, locandine, copertine di riviste e spartiti, pure le cartoline.

È la rassegna “Metlicovitz. L’arte del desiderio. Manifesti di un pioniere della pubblicità”, incentrata appunto su uno dei maggiori cartellonisti italiani e che la sua città, Trieste, sta ospitando. Accolta ai Civici musei “Pasquale Revoltella” e “Carlo Schmidl” (in quest’ultima sede sono proposte le réclame teatrali per opere e operette), è curata da Roberto Curci. Potrà essere raggiunta fino al 17 marzo.

Leopoldo Metlicovitz (1868-1944) -ricordano i promotori- è stato l’autore di decine di poster (settantatré quelli destinati al percorso), inerenti prodotti commerciali e industriali, ma anche grandi eventi come l’Esposizione internazionale di Milano del 1906, famose liriche (“Madama Butterfly”, “Manon Lescaut”, “Turandot”), film prodotti all’epoca del muto (fra cui “Cabiria”). Operò per decenni alle Officine grafiche Ricordi di Milano, dopo un avvio come pittore paesaggista (i visitatori potranno scoprire tre lavori) e un apprendistato quale litografo. Fu proprio grazie all’intuito di Giulio Ricordi che poté esplicare, dagli ultimi anni dell’Ottocento, tutte le potenzialità espressive, non solo come grande esperto dell’arte cromolitografica, ma pure come disegnatore e inventore di quegli “avvisi figurati” (così erano chiamati allora) che, affissi a muri e palizzate, mutarono il volto urbano con il loro vivace cromatismo.

L’allestimento sarò riproposto, dal 6 aprile al 18 agosto, al Museo nazionale collezione “Salce” di Treviso.



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

 



https://www.vaccarinews.it/news/A_Trieste_Leopoldo_Metlicovitz/26342