Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria






Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

15 Apr 2019 - ore 11:11
Apr 15 2019
11:11

Appuntamenti

Tra Sei e Settecento. A Roma

Ora più ampio di 750 metri quadrati il percorso pubblico di palazzo Barberini, permettendo di aggiungere 78 opere. Ad esempio…


Ampliato l’allestimento

Un nuovo allestimento si aggiunge al piano nobile di palazzo Barberini, quindi alle Gallerie nazionali di arte antica a Roma. Sviluppato su 750 metri quadrati organizzati in dieci sale, è stato ricavato dalla zona lasciata libera dal ministero alla Difesa; propone 78 opere che puntano soprattutto al Seicento napoletano ed al Settecento con i ritratti, le vedute, i pittori del grand tour e i dipinti appartenenti alla donazione, avvenuta nel 1998, di Fabrizio e Fiammetta Lemme. È l’occasione -precisano dalla sede- “per scoprire o riscoprire capolavori che non si vedevano da tempo”, recentemente restaurati o esposti di rado. Alcune sale saranno oggetto di un avvicendamento semestrale, al fine di proporre più tesori.

Non mancano i richiami postali, a cominciare dal “Busto di papa Clemente X Altieri”, realizzato da Gian Lorenzo Bernini tra il 1676 ed il 1680. Il marmo fu consegnato dopo la morte del pontefice (1676), forse non perfettamente finito; era stato concepito per essere collocato in una nicchia, come se il protagonista si affacciasse da un balcone a salutare i presenti. Raffigura il momento della benedizione apostolica, ma nella mano sinistra tiene quella che appare essere una supplica.

Più classico è il “Ritratto del conte Niccolò Soderini”, sottoscritto e datato 1765 da Pompeo Batoni. Rappresenta il console del Granducato di Toscana nella Città Eterna, un appassionato collezionista d’arte. Qui posa compiaciuto secondo l’iconografia ufficiale, in piedi accanto al prezioso scrittoio, con le carte affastellate, mentre l’orologio ha battuto già l’una di notte, a rimarcare l’alacre attività del personaggio.

Dello stesso autore, ma di un anno successivo, è il “Ritratto di Abbondio Rezzonico”. Celebra la nomina del giovane principe, nipote di papa Clemente XIII, a senatore di Roma (1766), la più alta magistratura del governo capitolino, con potere di vita e di morte nell’amministrazione della giustizia. Mostra gli sfarzosi abiti di rito, in una loggia immaginaria aperta sulla vista del Campidoglio, sua residenza ufficiale, circondato dai simboli del potere. In primo piano, la spada e il fascio littorio della giustizia, regolata dall’equità (la bilancia) e temperata dalla clemenza (la palma d’olivo); in mano ha lo scettro d’avorio che contraddistingue la sua carica, mentre alle spalle, quasi nume tutelare, veglia la statua della dea Roma. Sul tavolo, la lettera che funge da probabile dedica.

Va aggiunto il “Ritratto di sir Robert Clive”, dovuto ad Anton von Maron. Destinato al potente governatore del Bengala, aggiunge non solo un generico gusto dell’esotico, in quel momento di moda, ma anche un’ambientazione a tutti gli effetti orientale, pur essendo annotato, curiosamente, “Roma 1766”.

Tra le iniziative collaterali previste, le visite animate ai capolavori dell’ala sud per i bambini tra i cinque e i dodici anni e le loro famiglie, possibili tutte le domeniche alle ore 11.30 fino al 30 giugno (1 maggio compreso). Inoltre, il 27 aprile e l’11 maggio alle 16.30, alcune delle opere saranno oggetto dell’iniziativa “Museo adagio”, un progetto di “slow art” per vivere l’arte con lentezza, contemplazione e condivisione.



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

 



https://www.vaccarinews.it/news/Tra_Sei_e_Settecento__A_Roma/26611